Home Page > Famiglia e Economia > Pamphlet porno a scuola: ProVita e Giuristi per la Vita denunciano l’Arcigay!
arcigay_scuola_sesso_lezioni_denuncia_ProVita_Giuristi

Dopo aver denunciato gli insegnanti del Giulio Cesare di Roma che hanno fatto leggere agli studenti un romanzo porno, ProVita Onlus ed i Giuristi per la Vita hanno denunciato l’Arcigay alla Procura della Repubblica di Reggio Emilia per la distribuzione di un pamphlet porno.

Ecco i fatti:

Ti piace ProVita?
Diventa Fan e segui la nostra pagina Facebook



1. Presso l’istituto scolastico I.T.C.G. Cattaneo-Dall’Aglio di Castelnovo ne’ Monti, alcuni rappresentanti del Comitato Provinciale Arcigay “Gioconda” di Reggio Emilia, dopo aver tenuto in classe una lezione contro l’omofobia, hanno distribuito a studenti minorenni un opuscolo illustrativo intitolato “SAFER SEX HIV e Infezioni Sessualmente Trasmissibili”, il cui contenuto denota un evidente e sconcertante natura pornografica.

2. Il predetto opuscolo, infatti, non solo mostra al suo interno immagini oscene, ma contiene, altresì, affermazioni del seguente tenore:

(a) «L’epatite B si trasmette principalmente nel corso di rapporti sessuali anali ed orali non protetti. Utilizzando un preservativo con un’adeguata dose di lubrificante a base d’acqua durante i rapporti anali e un preservativo durante i rapporti orali potrai evitare il contagio»;

(b) «L’epatite A la prendi ingerendo acqua o cibo contaminati o, nel caso di rimming (pratica sessuale che comporta il contatto della bocca con l’ano o con le regioni perianali, ndr), se la tua bocca entra in contatto con le feci (anche minime tracce) di un partner infetto. Per proteggerti dall’epatite A durante i rapporti oro-anali puoi utilizzare una normale pellicola trasparente ben aderente (dental dam) o un preservativo tagliato a metà e appoggiato all’ano del partner»;

(c) «Per l’epatite A e B esiste il vaccino che conviene fare. Inoltre la vaccinazione contro l’epatite B è gratis per i gay. Basta che tu dica al medico di essere gay»;

(d)«Se fai il pompino senza preservativo, non farti venire in bocca e non ingoiare, perché la concentrazione di virus HIV nello sperma è potenzialmente alta. Se però capita che l’altro ti venga in bocca, sputa lo sperma immediatamente, sciacqua la bocca con semplice acqua tiepida, non usare il collutorio e non correre a lavarti i denti (non irritare le gengive)».

(e) Per evitare il rischio di infezione della gonorrea, si invita ad «utilizzare un guanto di lattice per la penetrazione», e a «evitare lo scambio di sex toys».

Risulta quindi evidente che, con il pretesto di fare opera di prevenzione dell’AIDS, in realtà gli autori del pamphlet fanno propaganda pornografica LGBT allo scopo di intervenire nell’educazione fisica, psichica e spirituale dei nostri figli sin dalla giovane età.

                    Con i Giuristi per la Vita riceviamo segnalazioni di propaganda LGBT nelle scuole da tutta Italia:

     aiutaci a difendere la vita,

   aiutaci a difendere l’educazione dei nostri giovani,

      aiutaci a preservare l’innocenza dei nostri bambini!

 

Antonio Brandi

 

Blu Dental

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Sostieni Pro Vita

48 Commenti, RSS

  • damiano dalla marta

    dice su:
    04/06/2014 alle 13:41

    Sono contento per questo risultato pro vita queste cose ke stanno facendo sono discustose e contro a ogni legge della natura.

  • Sergio Boldrin

    dice su:
    04/06/2014 alle 14:34

    Spiacente, non sono riuscito a leggere tutto il vostro scritto, tale era il senso di nausea e di schifo che ho provato !
    Stiamo scivolando sempre piů nella depravazione piű abbietta, senza che le istituzioni competenti intervengano ?

  • moreno babboni

    dice su:
    05/06/2014 alle 18:49

    Grazie per l’attività di controinformazione che state facendo. Devo riconoscere però che il mondo cattolico è stranamente debole ed arretrato sembra anche incapace di affrontare con forza e decisione le posizioni tremende che un pensiero scellerato propone con sempre maggiore spudoratezza. La croce è stato il più grande scandalo della storia umana e ha generato una civiltà che ora appare in svendita con la connivenza svogliata di cristiani che compaiono spesso assieme al senso comune del mondo.

  • Marialuisa

    dice su:
    05/06/2014 alle 19:29

    non credevo che gay e lesbiche avessero così tanta fantasia…pornografica: ovvio! solo menti perverse e pervertite possono concepire tali cose…
    grazie per la denuncia!!!

    • Alessio

      dice su:
      06/06/2014 alle 21:06

      Ma avete letto l’indirizzo dell’arcigay???:Via Don Minzoni…..NO COMMENT.

  • ciacchini massimo

    dice su:
    05/06/2014 alle 21:03

    complimenti. sono completamente d’accordo con Voi.

  • Maria Grazia Ortu

    dice su:
    05/06/2014 alle 21:49

    grazie, grazie e ancora grazie! grazie per il vostro preziosissimo impegno!
    Noi non rinunciamo a difendere l’innocenza dei nostri figli e nipoti, innocenza che non può che arricchire le nostre vite e la nostra stessa società!

  • Rita Cristina

    dice su:
    05/06/2014 alle 22:18

    Non ho parole.
    Grazie Provita.

  • CARLO CAMERANI

    dice su:
    05/06/2014 alle 23:00

    Abbiamo toccato il fondo! Tutto ciò che è contro natura, Aborto, Fecondazione artificiale, Eutanasia, rapporti omosessuali) sono diventati diritto! Ci preoccupiamo tanto, e giustamente del Rispetto della natura ma tutto ciò è CONTRONATURA. Possibile che lo capiamo SOLO NOI?

  • Giulio Ferrari

    dice su:
    05/06/2014 alle 23:12

    Non dimentichiamo che Mario Mieli, il massimo leader dell’omosessualismo italiano, era un aperto sostenitore della coprofagia. Io chiamo l’omosessualità “amore colifecale”, il perché è evidente e ce lo spiega lo stesso Arci gay. Grazie per la denuncia, il problema è che oggi comandano loro, perché servono alla degenerazione mondialista.

  • Andrea

    dice su:
    05/06/2014 alle 23:21

    Temo, purtroppo, che l’indagine sarà archiviata. O comunque il processo finirà con un proscioglimento e una campagna di stampa contro i denuncianti, ovviamente tacciati di omofobia. Si dirà che le indicazioni, benché esplicite, sono dirette all’informazione e alla prevenzione contro le malattie sessualmente trasmissibili, che poiché gli omosessuali sono più a rischio (lo si evince dall’opuscolo) è giusto informare soprattutto loro di come si possano evitare. Temo che non ci sarà alcun approfondimento, ad esempio, sulla veridicità di alcune asserzioni (lubrificante a base acquosa evita l’epatite B e sciacquarsi la bocca dopo un pompino scoperto – scusate la brutalità – evita l’aids… Davvero?). Ciò nonostante avete fatto bene. Mi rendo disponibile se vi serve nella zona di Udine…

  • davide

    dice su:
    05/06/2014 alle 23:26

    Il sonno della ragione genera mostri…

  • Enrico Di Lorenzo

    dice su:
    05/06/2014 alle 23:39

    Bravi. I bambini non si toccano! Occorre tirar fuori le unghie in questi casi e costringere le istituzioni a fare il loro lavoro. Le lobby gay hanno interessi economici grandi e non guardano in faccia a nessuno. Da padre provo profondo rammarico davanti a questa situazione.

    • stefano paolicchi

      dice su:
      07/06/2014 alle 01:10

      Penso che l’inferno sia pieno di queste anime immonde che pero’ rovinano i bambini! Sono strazziato da questa immoralita’ mondiale che si sta diffondendo! Lottiamo contro questa allucinante situazione x quello che si puo’! Anche se il costo sara’ altissimo ma ne vale la pena!

  • Anna

    dice su:
    06/06/2014 alle 00:02

    Ma questo opuscolo a chi è rivolto? Non viene mai detto nell’articolo e penso sia fondamentale precisarlo. Perché se si rivolge a ragazzi delle scuole superiori non ci vedo nulla di male dal momento che i rapporti orali e anali non sono un’esclusiva degli omosessuali. L’epatite può venire a tutti, non solo ai gay e con i ragazzi adolescenti si possono chiamare le cose col loro nome. Questo tipo di informazione è sbagliata solo se indirizzata a bambini di asilo o elementari (ma dubito sia rivolta a quel tipo di pubblico). Prima di essere attaccata vorrei evidenziare che sono una sana cattolica, eterosessuale, sposata e con una bambina di 3 anni. :)

    • Dante

      dice su:
      07/06/2014 alle 14:54

      Chiamare le cose col proprio nome? Questa e’ la definizione di volgare turpiloquio?
      Stai male.

    • Davide

      dice su:
      09/06/2014 alle 09:30

      Anna, se sei convinta di essere conforme alla dottrina cattolica pur con le idee che lasci intravedere, forse hai un po’ di confusione e forse la responsabilità non è solo tua. Ma per il tuo bene, ti consiglio di verificare la tua fede cattolica. Scoprire quella vera e le ragioni profonde che la motivano potrebbe essere una stupenda scoperta. Con simpatia e… apprensione.

      • Lapo

        dice su:
        27/06/2014 alle 14:24

        Davide, se giudichi la fede di un’altra persona dalle sue opinioni sull’educazione sessuale nelle scuole superiori forse sei te che sei un po’ confuso.

        • Davide.M

          dice su:
          03/07/2014 alle 11:53

          Lapo, se sei cattolico, mi aspetto che tu voglia insegnare ai tuoi figli un approccio alla sessualità basato, se non sul Catechismo della Chiesa Cattolica (anche se non mi sembra inappropriato), almeno sull’amore e sul dono si sé, e magari non vuoi che un pervertito vada a scuola a dire a tuo figlio che “Se fai il pompino senza preservativo, non farti venire in bocca e non ingoiare…”. Chi è confuso qui?

  • antonietta gerletti

    dice su:
    06/06/2014 alle 09:04

    Oggi per chi ha figli o nipoti quanto accadde è veramente preoccupante ; c’ è una generazione a rischio ! Una scuola che può deviare .Grazie per la vostra denuncia anche a nome di molti di noi. Vi prego continuate.antonietta

  • Grimaldi Annamaria

    dice su:
    06/06/2014 alle 09:29

    Non ho parole per definire quello che ho appena letto. Sono Disgustata, confusa e molto preoccupata. Spero che si possa fermare questo orrore.

  • Alberto Farina

    dice su:
    06/06/2014 alle 10:12

    Coraggio! La lotta sarà lunga e dura ma ne sarà valsa la pena.

  • Alberto Farina

    dice su:
    06/06/2014 alle 10:13

    Coraggio! Lotta lunga e dura, ma ne vale la pena.

  • Fabrizia

    dice su:
    06/06/2014 alle 10:20

    Dire schifoso a questo pensiero e’ poco, e’ insegnare solo lussuria vera, quella che porta ad una vita priva di regole ma solo di vera e pura depravazione. Ma la cosa peggiore e’ che i media non ne parlino, tutto e’ fatto in un silenzio imbesuito solo da spiacevoli notizie. Genitori difendiamo i nostri figli, nonni difendiamo i nostri nipoti da chi ci vuole portare in un mondo innaturale, ma fermiamo questi pazzi.

  • Carla Sabatti

    dice su:
    06/06/2014 alle 10:47

    Vi ringrazio per tutto quello che fate per difendere l’innocenza dei bambini e adolescenti. e dei giovani. Maria Ausiliatrice e D. Bosco vi sostengano in queste che sono vere battaglie di civiltà. Prego per voi tutti e per le vostre famiglie sr carla sabatti salesiana

  • Furente

    dice su:
    06/06/2014 alle 11:51

    Siete proprio mentalmente piccoli!!!
    Ogni giorno in tv o su internet si vedono cose ben peggiori!!!
    Allora meglio che i ragazzi si ammalino, visto che è proprio quella delle superiori l’età della scoperta, piuttosto che insegnare loro come proteggersi!!!!
    Meglio nascondersi dietro finti perbenismi e lasciare soli ragazzi che già si sentono confusi ed isolati!!!
    Lasciamo pure che i nostri ragazzi scoprano tutto a lore spese, xò poi nn piangiamo su cose evitabili con una “SANA EDUCAZIONE SANITARIA”…

    • Giulio Ferrari

      dice su:
      06/06/2014 alle 19:11

      Peggio di leccare l’escremento, cosa c’è? La tua sarebbe apertura mentale? hahahaha

    • Dante

      dice su:
      07/06/2014 alle 14:55

      Questo è un altro che sta male.

  • cesare

    dice su:
    06/06/2014 alle 13:23

    Brescia la mia città ha visto nascere e svilupparsi un movimento di resistenza culturale e politica al nazifascismo intorno alla rivista “Il Ribelle” cui si riferiva idealmente l’azione delle formazioni partigiane cattoliche delle “Fiamme Verdi”. IL frontespizio della rivista riportava una frase estremamente significativa ovvero: “Insorgere per risorgere”.
    Penso che la situazione odierna sia ancora più grave di allora perché l’attacco all’Umanità non aveva la radicalità attuale: oggi sono le basi stesse della struttura antropologica/creaturale ad essere sotto l’attacco di un progetto perverso di eversione e protagonisti di questo attacco sono organizzazioni come l’ONU o l’OMS che si propongono come guide etico/morali e sanitarie per tutti i popoli della Terra.
    Le elites sociali che detengono l’80% della ricchezza mondiale, al fine di mantenere il controllo, mirano a pervertire le masse utilizzando come ideologia seduttiva e legittimante il femminismo che invece è totalmente coerente e concretamente operante insieme con le altre ideologie perverse del genderismo, dell’omosessualismo, dell’eugenetica, del transumanesimo e dell’eutanasia.
    Ogni singola persona è chiamata oggi ad insorgere sul piano etico/morale, culturale e politico, diventando un centro di resistenza al progetto demoniaco che è riuscito ad avere l’avallo di istituzioni internazionali ed oggi viene proposto come percorso d formazione nelle scuole d ogni ordine e grado.
    Ci sarebbe da cedere alla disperazione se non fosse per il “Non prevalebunt”, la promessa di Dio che le forze del Male non prevarranno. Insorgere per risorgere dunque, oggi come allora.

  • Carlo Trevisan

    dice su:
    06/06/2014 alle 15:06

    Strumentalizzazione:
    si parte da un opuscolo che è di natura giusto (vuole informare su certi rischi), per poi degenerare in quello che è pornografia.

  • Settimio Strangio

    dice su:
    07/06/2014 alle 22:56

    Da che pulpito viene la predica! Dopo aver infettato il mondo si sentono capaci di insegnare morale? Poveri quei genitori che apprendono che per loro non c’è discendenza! L’ordine del Signore è chiaro:”crescete e moltiplicate”! I peccati contro natura si manifestano e sono dovuti alla ribellione verso il Creatore: Tante famiglie corrono ai ripari adottando bambini bambini di qualsiasi colore,pur d’averne almeno uno, mentre costoro si affidano a quelli dello stesso sesso per avere una famiglia , pur sapendo che non possono avere nessuna prole ,dato chè, Dio, il Creatore creò L’uomo,li creò maschio e femmina appunto per procreare. Almeno la smettessero di fare i maestri.

  • Eva

    dice su:
    08/06/2014 alle 14:07

    Il pensiero che un simile opuscolo possa finire nelle mani di ragazzine/i delle medie che conosco mi fa star male, letteralmente. Ma forse parliamo troppo e non agiamo: come cristiana, oltre alle battaglie legali che è doveroso intraprendere e giusto sostenere, penso che dovremmo pregare molto di più, offrendo anche qualche rinuncia che ci costa, chiedendo a Dio di riportare il bene su questa Terra alla deriva.

  • ANNA MARIONE

    dice su:
    08/06/2014 alle 14:53

    Non ci sono parole per esprimere l’indignazione, il disgusto e la preoccupazione,
    Grazie per la vostra buona battaglia che è anche nostra, di noi genitori e nonni! State pur certi, siamo insieme, con voi, in prima linea! Grazie per averci aperto la strada.
    Oggi, Festa dello Spirito Santo, ci viene detto di non temere. L’arbitro, Gesù Cristo, è dalla nostra parte!
    Ed Egli ha già vinto! (peccato che … l’arcigay non lo sappia!)

  • rofranc

    dice su:
    08/06/2014 alle 22:45

    L’insegnamento che si deve dare non è come rimanere perversi ma come ritornare alla normalità. Perciò tutti i ragazzi e ragazze delle scuole sono destinate alla morte eterna se non si ravvedono. non accettiamo divulgazioni immorali nè di tipo difensivo nè di tipo prevenzione. Non si deve fare sesso perverso e basta. La Parola di Dio in Romani 1: 24 Perciò Dio li ha abbandonati all’impurità secondo i desideri del loro cuore, sì da disonorare fra di loro i propri corpi, 25 poiché essi hanno cambiato la verità di Dio con la menzogna e hanno venerato e adorato la creatura al posto del creatore, che è benedetto nei secoli. Amen.
    26 Per questo Dio li ha abbandonati a passioni infami; le loro donne hanno cambiato i rapporti naturali in rapporti contro natura. 27 Egualmente anche gli uomini, lasciando il rapporto naturale con la donna, si sono accesi di passione gli uni per gli altri, commettendo atti ignominiosi uomini con uomini, ricevendo così in se stessi la punizione che s’addiceva al loro traviamento. 28 E poiché hanno disprezzato la conoscenza di Dio, Dio li ha abbandonati in balìa d’una intelligenza depravata, sicché commettono ciò che è indegno, 29 colmi come sono di ogni sorta di ingiustizia, di malvagità, di cupidigia, di malizia; pieni d’invidia, di omicidio, di rivalità, di frodi, di malignità; diffamatori, 30 maldicenti, nemici di Dio, oltraggiosi, superbi, fanfaroni, ingegnosi nel male, ribelli ai genitori, 31 insensati, sleali, senza cuore, senza misericordia. 32 E pur conoscendo il giudizio di Dio, che cioè gli autori di tali cose meritano la morte, non solo continuano a farle, ma anche approvano chi le fa.
    Dio vi benedica per il vostro impegno.

  • Gg4u

    dice su:
    12/06/2014 alle 09:26

    Ma siete scemi?
    Menomale c echi ne parla.
    pornografia? Si chiama prevenzione sessuale.
    Invito pa vostra associazione a scrivere un opuscolo di educazione sessuale, dettaiato quanto quello che criticate, ma conforme alle vostre critiche. Ci riuscite?

  • Anna

    dice su:
    12/06/2014 alle 13:01

    Davide, essere cattolica significa ignorare che il primo rapporto sessuale non avviene dopo il matrimonio e che non è mai stato così, nemmeno ai tempi dei nostri nonni? Quando io andavo al liceo, il 1 dicembre (giornata mondiale per la lotta contro l’AIDS), ci venivano forniti preservativi e c’erano molti dibattiti con medici e psicologi ed è proprio grazie a quello che ho potuto iniziare la mia vita sessuale in maniera sana e protetta. Anche a me fa schifo pensare che esista una pratica sessuale che prevede di entrare in contatto con gli escrementi, ma non focalizzatevi solo su quello: le perversioni sessuali sono tante e la mente umana fa fare cose strane alle volte, ma si parla anche di rapporti anali e certo quelli non sono un’esclusiva dei gay. Il preservativo non è il male del mondo, anzi! o forse voi vi augurate che vostra figlia rimanga incinta a 15 anni? Bisogna insegnare il rispetto del proprio corpo e l’amore verso se stessi e verso la persona che amiamo. Qui finisce il nostro compito di cattolici e di genitori. Alla prevenzione pensa la medicina e mi auguro che mia figlia abbia degli insegnanti come li ho avuti io che non hanno mai avuto paura di rispondere alle domande o di fare formazione su questi temi anche se la loro materia era italiano e latino. perché il diritto alla salute è tra i più importanti e non si raggiunge con l’astinenza o l’ignoranza. tutti dobbiamo conoscere gli strumenti che abbiamo a disposizione, poi sta alla persona decidere come e se usarli. Possibile che non capite che questo è un non problema? vogliono distogliere così la nostra attenzione dai problemi veri del mondo. l’educazione sessuale c’è sempre stata. fate vedere che bravi cattolici siete indignandovi allo stesso modo della corruzione, della vendita degli esseri umani, dei vostri mariti che vanno con le prostitute. questo paese è pieno di letame: siate sentinelle su argomenti che ci distruggono ogni giorno e fate cambiare questa Italia come dei bravi cattolici dovrebbero fare

  • Andrea

    dice su:
    16/06/2014 alle 17:43

    No, ma dico, siete tutti fuori di testa?
    Mah. Sono profondamente sconcertato. Ma come ragionate? Come accidenti ragionate? Ma non vi rendete conto che ad una certa età sia etero che gay hanno le loro prime esperienze (e questo è un DATO DI FATTO, vi piaccia o no!) e che è solo un bene se i giovani sanno cosa devono fare per evitare malattie? Non lo capite? Ma che cervello avete, quello di uno scarafaggio?
    Mica lo danni ai bambini delle elementari l’opuscolo!
    No comment davvero.

  • Fabrizio Bucciarelli

    dice su:
    03/07/2014 alle 11:46

    Dopo aver letto i commenti inerenti l’argomento in questione, posso confermare le, a dir poco, discutibili attività delle organizzazioni omosessuali italiane e internazionali che, con un potere immenso a disposizione, stanno semplicemente mettendo in atto un piano comune che porterà non solo all’assoluta legittimazione dell’omosessualità, ma anche a tutta una serie di altre perversioni sessuali in quanto “espressione di un sentimento” o di una “normale attività sessuale” moderna e senza pregiudizi. Invito, per chi desidera approfondire l’argomento, a leggere il mio saggio “NAZI GAY-OMOSESSUALI AL SERVIZIO DI HITLER” Herald Editore da me scritto alcuni anni fa

  • Marco

    dice su:
    10/07/2015 alle 17:53

    Scusatemi, ma l’unica cosa che condivido in questo articolo è il linguaggio osceno. Per il resto, fare discorsi sulla prevenzione sul sesso orale, anale, vaginale, tutto ciò che di perverso può esistere in questo ambito, lo trovo di aiuto. I ragazzi già conoscono tutti questi tipi di perversioni, perciò è inutile addossare la colpa ad un opuscolo accusandolo di divulgazione pornografica, poiché non danno ulteriori informazioni rispetto a quello che i ragazzi (eterosessuali o meno) già sanno, se non come prevenire le malattie. Inoltre, non mi sembra che siano esposte immagini pornografiche, il linguaggio è osceno, ma non trovo che abbia questo grande contenuto pornografico

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati