Attendere prego

Home Page > Eventi > ProVita con Gianna Jessen a Loreto
05 12, 2016
21:00
Loreto, Basilica della Santa Casa
GJessen_ProVita_Loreto

ProVita accompagna Gianna Jessen in un ciclo di conferenze nel nord Italia: a Loreto la testimonianza si terrà lunedì 5 dicembre alle ore 21:00, presso la Basilica della Santa Casa.

Questo importante evento è reso possibile grazie alla preziosa collaborazione di diverse associazioni e movimenti che si sono attivati a livello locale.

Ti piace ProVita?
Diventa Fan e segui la nostra pagina Facebook



Gianna Jessen è una testimone d’eccezione che non solo parla per il diritto inalienabile di tutti alla vita, e quindi contro l’aborto, ma è l’incarnazione vera e propria della voglia di vivere e di lottare contro le avversità.

È sopravvissuta a un aborto salino, nel 1977, in una clinica Planned Parenthood, quando la madre era a 30 settimane di gravidanza: la soluzione (salina) iniettata in utero, di solito porta alla morte in 24 ore, corrodendo il bambino. Ma Gianna è sopravvissuta. Gravemente lesa da paralisi cerebrale e muscolare.
Data per spacciata, in quelle condizioni, allevata in un orfanotrofio come un’handicappata senza speranza, a 4 anni è stata adottata da chi ha saputo volerle bene per quel che era ed è, e le ha tenacemente fatto fare la riabilitazione: contro ogni speranza, ha recuperato buona parte dei suoi handicap. Ha pure imparato a camminare, e “corre la maratona”!

Il 5 dicembre 2016, l’appuntamento con Gianna è dunque a Loreto, alle 21, nella Basilica della Santa Casa. Con ProVita, per parlare “nel nome di chi non può parlare”.

Durante il convegno sarà possibile ricevere delle copie della nostra rivista, Notizie ProVita, sottoscrivere la nostra petizione contro l’utero in affitto, e ricevere – contro offerta – il dvd Breeders, il documentario con le testimonianze agghiaccianti delle donne comprate come madri surroganti e amaramente pentite dell’accordo contratto.

Qui la locandina dell’evento.

Redazione


#STOPuteroinaffittofirma e fai firmare qui la petizione 

contro l’inerzia delle autorità di fronte alla mercificazione delle donne e dei bambini

 

Sostieni Pro Vita