Home Page > Filosofia e morale > Sesso per disabili? Ci scrive una mamma
Nick_Vujicic_sesso_disabili

Molti hanno avuto la bontà di leggere questa introduzione sull’ipersessualizzazione della società che coinvolge e sconvolge anche i ragazzini e i disabili.

Su questo tema, estremamente delicato, è facile parlare o pontificare “dal di fuori”, ragionando per sentito dire. Lasciamo quindi la parola a una mamma di Salerno, che ci ha scritto esternando le sue preoccupazioni e il suo dolore.

Sei un ProVita?
Seguici su Twitter




Anche qui a Salerno si è tenuto un seminario sull’assistenza sessuale per i disabili o “lovegiver” (e vai con i neologismi!) e apprendo da un articolo di giornale che il disegno di legge in proposito è stato proposto da un senatore omosessuale che in barba alle leggi italiane volò all’estero per avere un bambino tramite la pratica dell’utero in affitto.

Il disegno di legge si intitola “Disposizioni in materia di sessualità assistita per persone con disabilità”.

Io come madre di un ragazzo disabile e figlia di una donna paraplegica dall’età di 19 anni nonché cognata di una ragazza disabile dalla nascita mi sento veramente indignata.

Questa legge riguarda anche i disabili intellettivi (…)

Stimolare la sensorialità delle persone, in particolare dei più indifesi come i bambini e i disabili intellettivi che non hanno piena consapevolezza dei loro atti, lo ritengo un abuso.

Loro non hanno una piena possibilità di scegliere, né la capacità di decidere del proprio comportamento sessuale.

Nel momento in cui si sfrutta la loro corporeità, si presume che loro vogliano, ma non c’è mai la certezza che in realtà non siano costretti. Diventa un abuso sessuale.

E chi mi rassicura che se viene istituita l’assistenza dei “lovegiver” come se fosse una sorta di fisioterapia, mio figlio, che un giorno potrebbe essere ricoverato in un Istituto, non debba subire certe manipolazioni? E magari anche con partner dello stesso sesso? E dovremmo accettare la cosa come se fosse un aiuto da parte di un “operatore del benessere”?

Se tale tipo di prostituzione la fanno passare per una professione, addirittura socialmente utile, magari sovvenzionata dallo Stato (visto che i seminari sono promossi dal terzo settore), quanti ne abuseranno, come abusano del contrassegno per i disabili o dei permessi per la legge 104? E chi ci garantisce che il “lovegiver” non sia un perverso (o una perversa) che approfitta di un incapace di intendere e volere a suo proprio uso e consumo? Chi controllerà il tutto? Ci sarà anche uno che “assiste”?

La scrittrice Philippa Willits ha detto, giustamente, che l’assunto che nessuno farebbe mai sesso con una persona disabile per scelta personale e per amore non è solo inaccurato, è anche offensivo ed intessuto nel pregiudizio sociale (molti disabili – non mentali, ovviamente – sono felicemente sposati con figli: Nick Vujjici, nella foto, nato senza braccia e senza gambe, è felicemente sposato con una bellissima donna e hanno un bel bambino).

Chi vuole aiutare veramente una persona disabile, più o meno grave, anche mentale, gli doni un po’ del suo tempo, gli dia un po’ d’amicizia, a lui e alla sua famiglia. Ci sono tanti modi per dargli un momento di felicità, di condivisione, di gioia, con un po’ di affetto: di questo hanno bisogno gli esseri umani.

Questo è sicuramente più giusto e più dignitoso. Dovrebbero fare dei seminari per sensibilizzare la gente a considerare i disabili come persone, che hanno valore in sé, nonostante i loro limiti, che sono capaci di intessere relazioni di Amore, vero e puro: questo li rende davvero felici. E questo renderebbe felici pure i normodotati, se capissero che il sesso viene solo dopo l’amore (e solo in certi casi).

E’ possibile innamorarsi di una persona disabile e laddove c’è la maturità psicofisica necessaria, anche amarsi fisicamente. Ma non bisogna guardare alla loro sfera sessuale come un “problema”.

Il vero problema sta nelle relazioni umane e nel rispetto della dignità umana ed è lì che va affrontato. I ragazzi con disabilità mentale spesso ci fanno da maestri in questo e ci riportano al senso delle cose.

Una Mamma

Sostieni Pro Vita

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

2 Commenti, RSS

  • Rosario Romano

    dice su:
    02/12/2015 alle 19:41

    Resta il fatto che comunque è un diritto e io conosco un sacco di disabili che non vedono l’ora di esercitarlo tale diritto. Dire che un genitore non deve scegliere al posto del figlio che a sua volta non può scegliere mi sembra un po’ un cavillo. Nessuno dice infatti che una volta fatta la legge, poi TUTTI LO DEVONO FARE obbligatoriamente. E dire che per farlo bisogna avere una persona da amare e che ti ama …. mi sembra limitativo. Sono argomenti dibattuti anche tra i cd normali. E’ una scelta personale, perchè quindi non regolamentare la materia in modo tale che chi vuole lo fa, e chi non vuole non lo fa ? Sono assolutamente contrario a qualsiasi legislazione proibizionista. Si cita un senatore che va all’estero a causa di una legge proibitiva in Italia, ecco, questi sono i risultati di queste leggi, che chi può si reca all’estero per restare nella legalità, e chi resta invece, o subisce una legge restrittiva o sconfina nell’illegale…. bei risultati !

    • FRP

      dice su:
      02/12/2015 alle 21:42

      Anzitutto il senatore che è andato all’estero ha prima aggirato e poi violato la legge italiana. Poi non vedo perché c’è bisogno di una legge e di professionisti del sesso se i disabili possono procurasi da sé prostitute e gigolò. Se lei vede quelli che vogliono far passare la legge lo vogliono per i disabili che non sono in grado di esprimersi in modo chiaro. Quindi c’è qualcuno che “presume” che il disabile voglia. Non è un cavillo. E’ vera e propria violenza.Una legge in tal senso serve solo a far “mangiare” un po’ qualche amico o amica di qualche amico di quelli che contano e ad assecondare le perversioni di qualche simil – pedofilo.

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati