Home Page > Giurisprudenza e Amministrazione > STOP Matrimonio Gay! STOP Cirinnà! Il popolo pro-family si mobilita: firma anche tu!
famiglia_stop_cirinna_gender_uteroinaffitto_petizione_provita

STOP Matrimonio Gay! STOP Cirinnà ! Parte la petizione per chiedere a tutti i deputati e senatori di non approvare il ddl Cirinnà, che istituirebbe il matrimonio gay ed aprirebbe alle adozioni gay in Italia. Alla petizione hanno aderito le seguenti associazioni pro-family: ProVita, Movimento per la Vita, Manif pour tous, AGe, AGeSC, Voglio la Mamma, i Giuristi per la Vita, l’Associazione “Non si tocca la Famiglia”, Generazione Voglio Vivere, il Comitato Articolo 26, il MEVD, Coordinamento Famiglie Trentine, l’Associazione Donum Vitae, la Nuova Bussola Quotidiana e il Movimento PER.

  • Puoi scaricare qui il modulo per la raccolta manuale delle firme!
  • I tuoi familiari possono firmare con il tuo indirizzo mail, se non ne hanno uno.

Firma anche tu!

Ti piace ProVita?
Diventa Fan e segui la nostra pagina Facebook



Il tessuto sociale della famiglia italiana, già molto fragile e penalizzato economicamente e fiscalmente, rischia ora di subire ulteriori, profonde lacerazioni a causa del progetto di legge Cirinnà sulle unioni civili tra persone dello stesso sesso, attualmente all’esame del Senato.

Con questo progetto si prevede l’equiparazione di fatto dell’unione omosessuale alla famiglia naturale fondata sul matrimonio, riconosciuta come tale dalla Costituzione (art. 29). L’unione omosessuale, infatti, verrebbe sancita di fronte all’ufficiale di stato civile alla presenza di testimoni e l’atto che ne fa fede contenuto in apposito registro. I due partner godrebbero degli stessi diritti delle coppie sposate, ad eccezione dell’adozione (ma con garanzia della step child adoption, la possibilità cioè di adottare eventuali figli avuti da uno dei due partner dell’unione).

L’Europa, che non ci impone di legittimare i matrimoni gay, non potrebbe però avallare questo simil-matrimonio di serie B, rendendo inevitabile la sua equiparazione al matrimonio per via giudiziaria, sulla base di un principio di non discriminazione, anche per quanto riguarda le adozioni.

Per lo stesso principio sarebbe poi inevitabile permettere alla coppia gay anche l’accesso alle tecniche di procreazione medicalmente assistita che, a causa degli ovvi impedimenti di natura, non potrebbe essere che di tipo eterologo, con ricorso, nel caso dei partner di sesso maschile, anche alla pratica abominevole dell’utero in affitto.

Firma anche tu!

Tutto questo mentre a distanza di 7 mesi dalla sua approvazione in legge di stabilità non si riesce ancora ad assicurare il bonus di 1000 euro previsto per le famiglie con almeno 4 figli che dispongono di un reddito inferiore agli 8.500 euro. Mentre cioè si apre a discutibili diritti, non si riesce a garantire non già giustizia fiscale per tutte le famiglie, ma neanche un assegno di povertà per le famiglie più indigenti.

Il progetto di legge Cirinnà rischia pertanto di dare una definitiva spallata culturale e valoriale alla famiglia naturale, tutelata dalla Costituzione in quanto luogo dove nascono, crescono e sono educati i figli, il futuro del nostro popolo.

Perciò firma questa petizione per chiedere a tutti i deputati e senatori di rifiutare l’approvazione del ddl Cirinnà : per la famiglia naturale; per il matrimonio; per i bambini che hanno diritto a una mamma e a un papà!

Firma anche tu!

SOSTIENICI NELLA RACCOLTA FIRME!

Le associazioni e gli altri enti possono aderire alla petizione, rinviando a e/o utilizzando pagine web di ProVita Onlus. In ogni caso questo non implica l’adesione di ProVita alle predette associazioni/enti, o a nessun contenuto reperibile sui siti delle medesime realtà.
 

Scegli la dimensione del banner da inserire all’interno del tuo sito o del tuo blog.

Copia il codice scelto e incollalo nel punto esatto in cui desideri che sia visibile il banner.

BANNER CHE MISURA 270×100 PIXEL

Copia il codice sottostante (in tutte le sue parti) e incollalo nel codice html del tuo sito o blog nel punto in cui desideri che sia visibile.

BANNER CHE MISURA 540×200 PIXEL

Copia il codice sottostante (in tutte le sue parti) e incollalo nel codice html del tuo sito o blog nel punto in cui desideri che sia visibile.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

28 Commenti, RSS

  • Maria Teresa Stoduto

    dice su:
    08/07/2015 alle 22:18

    La verità va difesa anche contro i numeri dei voti politici, la verità non si può nascondere, la Verità reclama la sua giustizia contro tutti gli egoismi e le manipolazioni.

  • Luciana Boscololl

    dice su:
    09/07/2015 alle 07:59

    Se vogliamo combattere contro l ideologia gender oltre che con le nostre forze dobbiamo metterci in testa di dare spazio nella nostra giornata alla preghiera forza preghiamo

  • loretta lodi

    dice su:
    09/07/2015 alle 08:59

    sono molto partecipe di questa iniziativa a favore della famiglia naturale.

  • ettore palmieri

    dice su:
    09/07/2015 alle 09:38

    Anche io sono contrario ai matrimoni gay soprattutto per quello che potrà succedere dopo (adozioni o utero in affitto). Devo purtroppo prendere atto che viviamo in una Europa ed in una società che trova tutto plausibile. Anche se l’Europa non ce l’ ha ancora imposto, molto prossimamente saremo “multati” o boicottati nelle nostre iniziative e non riceveremo “fondi” stanziati dalla CEE. Inoltre i giuristi dovrebbero trovare una soluzione al fatto che due italiani si sposano nell’ambasciata francese a Roma, oppure un italiano e uno spagnolo si sposano in Spagna e vogliono vivere in Italia, oppure un boliviano che viene fermato all’aeroporto per accertamenti viene immediatamente rilasciato perchè un italiano mostra il certificato di matrimonio boliviano. Se io mi sposassi con una donna a Las Vegas, il mio matrimonio non verrebbe riconosciuto? Sarebbe forse più opportuno trovare il modo di bloccare TUTTI gli accessi alle adozioni o agli uteri in affitto (da parte di chiunque!). Grazie

  • Maria Teresa Bindi

    dice su:
    09/07/2015 alle 12:28

    Il matrimonio fra uomo e donna non può equipararsi giuridicamente a forme totalmente diverse di unione. Questo offende la verità della persona..Si nega l’evidenza in nome di un diritto all’eguaglianza che è grottesco e contro natura.Ben altro che di uguale diritto si dovrebbe discutere nell’ambito dei “matrimoni” gay.Ma i governi sono diventati registratori delle pretese di chi scambia il fattibile per il lecito.Vita, famiglia, libertà di educazione non sono valori confessionali, ma-da sempre, le basi della società.

  • FRANCA ERROI

    dice su:
    10/07/2015 alle 17:49

    Ma in un mondo in cui si divorzia sempre più velocemente(sei mesi) e si convive sempre più liberamente…come mai tutta questa corsa verso il matrimonio tra persone dello stesso sesso? Non è roba vecchia, da reazionari , bigotti ecc?
    non basterebbe un riconoscimento qualunque che permetta all’amico della persona bisognosa di prendersi cura di lui senza tirare in ballo un vincolo come il matrimonio?
    Siamo proprio una società strana e contradditoria….altro che Sodoma e Gomorra….

  • paolo di sarno

    dice su:
    10/07/2015 alle 17:52

    nessun tomo, nessuna conferenza, nessuna disquisizione intellettualoide può cancellare ciò che la natura ha stabilito. W la famiglia naturale !

  • maura scaramuzza

    dice su:
    11/07/2015 alle 13:48

    il matrimonio di due persone dello stesso sesso, che non è e non può essere matrimonio, è una cosa obrobriosa, ed è grave che si parli di ciò nelle scuole per creare mentalità nei bambini, fanciulli e giovani. Mi dispiace molto che lo scorso mese di novembre, è stata denunciata un insegnante di religione la prof. Adele Caramico che insegna in una scuola di Moncalieri, perché ha parlato contro il matrimonio gay, è triste il fatto che non è stata difesa dai cattolici e nemmeno dal vescovo. Preghiamo anche per i pastori e per tutti i cristiani affinché non ci lasciamo corromere dalla mentalità del mondo che vuole distruggere i veri Valori

  • Matilde Romito

    dice su:
    11/07/2015 alle 17:39

    Viva la famiglia naturale, quella vera, basata sul vero amore fra uomo e donna! Abbasso l’utero in affitto e altre orrende pratiche innaturali di cui le povere vittime sono gli innocenti bambini!!

  • Salvatore Romano

    dice su:
    12/07/2015 alle 22:07

    Molti Parlamentari del nostro Paese convivono con persone dello stesso sesso… E se chiedi loro cosa pensano dei loro figli (quelli che ne hanno) sulle unione di fatto non rispondono. Perché? Siamo tutti bravi sulla vita degli altri!!! W la famiglia naturale

  • Luigi Simonato

    dice su:
    13/07/2015 alle 10:20

    Per problemi burocratici e civili: (conto in banca, eredità, assistenza) sono d’accordo su una regolamentazione per la convivenza di due persone che desiderano condividere la loro vita sotto lo stesso tetto. Ma non condivido nel modo più assoluto che si parli di matrimonio o di una cosa parallela al matrimonio.

  • daniela maria janni

    dice su:
    14/07/2015 alle 15:59

    Questo disegno satanico portato avanti da demoni incarnati che a volte hanno l’impudenza di definirsi cattolici,può essere fermato SOLO da un intervento DIRETTO DEL CIELO ed è quello che dobbiamo chiedere con preghiere, offerte di sofferenze e sacrifici (chi è malato o conosce dei malati si faccia portavoce di questa importantissima missione) con S.Messe celebrate in onore del Preziosissimo Sangue di Gesù (in questo mese dedicato appunto al Preziosissimo Sangue) con preghiere dei bambini,digiuni, recita della Coroncina della Divina Misericordia alle H.15 ecc..con la granitica sicurezza che Gesù interverrà, questa granitica sicurezza si chiama fede, come possiamo anche solo immaginare che Cirinnà e compagnia pessima possano essere loro i più forti? Se lo pensiamo siamo apostati e allora ci meriteremo pienamente quello che succederà e che peserà sulle nostre coscienze come un macigno

  • Romana Milessa Zini

    dice su:
    17/07/2015 alle 07:46

    Gesù dice: “Il vostro parlare sia SÌ SÌ NO NO il resto appartiene al maligno” e siccome sotto questi ddl ci sta lui nascosto sotto volontà mondiali che hanno i loro zelanti fans anche dalle nostre parti noi cattolici Non possiamo farci fare il lavaggio del cervello con finta misericordia che si chiama “non discriminazione ” o “educazione alle diversità” Ma combattere prima dì tutto con le “armi” che fanno paura al “cornuto” preghiera (s. Rosario in primis) adorazione penitenze ecc. Ma anche informando vincendo la paura dì andare contro corrente perché c’è una grande confusione anche tra la nostra gente. Senza poi parlare delle petizioni (indispensabili) le manifestazioni pubbliche e il passaparola che non costa niente ma crea sensibilizzazione e da coraggio agli altri. E poi forse noi cattolici non prendiamo mai in considerazione che un giorno dovremmo rendere conto al Signore anche dì ciò che potevamo fare e non abbiamo fatto. Chiediamo allo Spirito Santo il coraggio e la forza.

  • Gennaro Napoli

    dice su:
    19/07/2015 alle 10:54

    La gente non si rende conto che il potere attua attraverso i media loro schiavi una propaganda mirata a diminuire il numero delle famiglie, delle nascite attraverso la manipolazione delle masse, soprattuto dei giovani, presentando donne superbe, inavvicinabili, brillanti, che hanno sempre ragione
    [……]
    A questo aggiungi propaganda omosessuale, manipolare la gente che sia bello e naturale per convincere i ragazzini in età incerta, puberale a propendere e sviluppare tendenze omosessuali, nei soggetti più deboli e influenzabili in età senza difese.

    Ripeto, lo scopo è rovinare famiglie, denatalizzare. SIamo troppi, per il potere, soprattutto per il sistema capitalistico, la discoccupazione si …cura solo con meno gente. Altre soluzioni non ci sono…e vogliono diminuire gli abitanti prima che la percentuale di senza lavoro diventi critica e ci siano rivoluzioni popolari.
    E’ ovvio che la natura crea maschio e femmina, con organi compatibili (organi sessuali sono pene e vagina non pene e retto)
    [ …. ]
    E’ ovvio poi che il didietro è un organo dell’apparato digerente e non sessuale, non è fatto per essere penetrato, non è lubrificato e dà problemi di lacerazioni, infezioni batteriche e atrofia prostatica, è la cloaca dell’uomo, usarlo per il sesso è contro natura, la natura dell’organo, lo scopo per cui è fatto.

  • Emanuela Consoli

    dice su:
    21/07/2015 alle 11:29

    Notizia di oggi:

    http://www.corriere.it/cronache/15_luglio_21/diritti-gay-strasburgo-condanna-l-italia-riconosca-unioni-civili-fb17cac6-2f81-11e5-882b-b3496f35c4c0.shtml

    C’è poco da fare petizioni, i diritti “di tutti” vanno riconosciuti, non bisogna aver paura dei cambiamenti, ci sono altri tipi di famiglie non sono di categoria B rispetto a quella tradizionale, alla base del rapporto c’è sempre e solo l’unica cosa importante, l’amore e come tale va riconosciuto e rispettato

    • FRP

      dice su:
      21/07/2015 alle 12:51

      Gentile Emanuela,
      certi diritti non li fa la legge, né la Corte di Strasburgo: i diritti umani, quelli “veri” li fa la natura. Non cambiano. Sono sempre gli stessi dall’inizio del mondo. Il “diritto” ad andare a letto con una persona non sarà mai un diritto (anche negli stati Islamici dove gli uomini comprano e usano le donne). Il “diritto” ad avere (=comprare) un figlio contro natura non sarà mai un diritto. E una convivenza di persone che “si vogliono bene” e fanno sesso, ma non sono naturalmente preordinate a generare non sarà mai una famiglia. Neanche quando lo scriveranno su tutti i codici (umani) del mondo.
      Si ricordi che le leggi umane i diritti li “fanno” e li “tolgono” secondo idee umane: Caligola fece senatore, per legge, un suo cavallo. Hitler tolse il diritto di vivere agli ebrei. Per legge.
      Perché non rileggiamo l’Antigone di Sofocle?

    • Matteo M.

      dice su:
      22/07/2015 alle 11:54

      E qui si sbaglia cara Emanuela, alla base del rapporto c’è la FERTILITA’, non l’amore. La fertilità è l’unica cosa che distingue la FAMIGLIA, altrimenti dovremmo estendere “tutti i diritti” anche a rapporti nipote-zia, suocera-nuora, nonno-prozio di terzo grado e qualunque altra coppia se prendiamo il sentimento come criterio. E perché no, zio-nipoti al completo, coppia-single, confraternita-parentado al completo, qualunque formazione di qualunque numero di persone… a quel punto, con il suo criterio dell'”amore”, chi può permettersi di garantire solo la coppia? Apriamo alla poligamia? E poi alle unioni uomo-animale? Naturalmente sempre con adozione compresa, perché se un diritto è “per tutti” significa che è per tutti, nessuno escluso.
      In ogni caso, la sentenza di Strasburgo non regolamenta assolutamente niente. Si informi bene.

    • Giorgio Bu

      dice su:
      27/01/2016 alle 05:40

      Non confondiamo l’amore, quello vero tra uomo e donna, con una perversione del sesso. Scimmiottare sotto le lenzuola e sotto una malsana ipocrisia l’atto naturale di affetto e sesso atto a procreare, ( ciò che un omosessuale non potrà mai fare, fatevene una ragione ), è ciò che abbassa l’uomo al rango di una bestia, ( che per inciso molti animali potrebbero ben insegnare a molti cosa vuol dire essere genitori ). Dire poi che l’amore è amore in ogni sua forma, ( e perversione ), è cosi ridicolo… Se un/a pervertito/a s’innamora di una carpa, secondo il vostro dire, può sposarsi, adottare figli o capretti, e legalmente fare una famiglia.. Tanto l’amore è sempre amore, no??
      Comunque, grazie al cielo, madre natura, nonostante tutte le vostre leggi, leggine, intimidazioni mediatiche ed altro, non prevede la fusione, l’alchimia, di un figlio naturale tra due dello stesso sesso, quindi il loro patrimonio genetico, ( o retaggio ) , andrà perso per sempre, ( questa è selezione naturale ).

  • rita restiglian

    dice su:
    21/07/2015 alle 19:18

    Retrogradi! Siamo nel 2015 e voi siete ridicoli che condannate i matrimoni gay! Sì ai matrimonio fra persone dello stesso sesso! Sì alle famiglie composte da uno o più bimbi e due mamme o due papà! Sì all’amore!

    • Matteo M.

      dice su:
      22/07/2015 alle 11:41

      Ma lei rita ha idea di cosa sta dicendo?? Lo spessore del suo commento dice tutto…
      Purtroppo per lei e quelli come lei cara rita, e fortunatamente per le persone dotate di buon senso, la legge (la Costituzione) concepisce il matrimonio con tutti i diritti derivanti non in quanto “nido d’amore”, ma piuttosto come unica istituzione in grado di procreare e custodire la vita. Il matrimonio esiste perché è fertile e PROCREA. Le è chiaro questo concetto?
      La legge non tutela il sentimento, il sentimento è personale. La legge tutela la procreazione e la perpetuazione della vita che è alla base della società. E l’omosessualità NON genera vita. Mai la genererà, a meno di ricorrere comunque all’eterosessualità, qualunque sia il mezzo.
      L’idea di imporre due papà o due mamme ad un bambino è semplicemente abberrante. Ma che razza di diritto pensano di avanzare le persone come lei verso un bambino, decidendo per lui di scavalcare la natura???
      Si dovrebbe semplicemente vergognare.

  • Nadia Nadia

    dice su:
    31/07/2015 alle 15:35

    Sono contro perché questa distrugge i valori delle cose naturali.La famiglia fondata sul matrimonio tra uomo e donna

  • ROSA ROSA

    dice su:
    14/08/2015 alle 11:21

    Ma vogliamo finirla con questa storia dei discriminati o rifiutati dalla società? Ormai gli appartenenti all’omofobia sono alla luce del giorno, non si nascondono più anzi ostentano la loro scelta. Badate parlo di scelta non di diversità o di malattia come si faceva in passato. Credo che queste persone abbiano scelto di vivere in quel modo la loro sessualità. Sono accettati e non emarginati ( io ho molti amici gay e lesbiche) e anche tutelati dalla legge perché equiparati alle unioni di fatto: convivenze. Temo che ora si stia esagerando sul fronte opposto, dove si andrà a finire? Fra una ventina di anni rischiamo di essere noi eterosessuali i discriminati e gli emarginati. Con l’introduzione già nella scuola primaria della teoria GENDER e le sue applicazioni pratiche porteranno le future generazioni a vivere una promiscuità sessuale senza fine. La società che da sempre ha avuto come prima cellula la FAMIGLIA si sgretolerà e si arriverà ad un caos totale.

  • luciano sonego

    dice su:
    20/08/2015 alle 23:02

    I nostri padroni del mondo, gli stessi che battono moneta con le loro banche private, che ci impongono la nuova economia basata sulla grande produzione delle multinazionali, stanno, da tempo, drogando le linee guida plurimillenarie che hanno guidato l’uomo sino a qui. Il grande caos che accadra’ sara’ dovuto al sovvertimento delle leggi comportamentali nello stesso modo in cui l’uomo ha contaminato la natura ed ora comincia a pagarne le conseguenze.
    Questa nuova filosofia “progressista” ha colpito tutto, financo il Vaticano…. Grazie ai vari Murdoch, Rokfeller , Rottchild e la loro globale massoneria, non ci salveremo da questi disastri che stanno sommergendoci di giorno in giorno complice l’ignavia di ometti corrotti che decidono il nostro destino (ma anche il loro). Luciano

  • mariateresa reddavide

    dice su:
    27/08/2015 alle 11:09

    Che l’omosessualità (solitamente nell’antica Grecia si trattava di ragazzini di 14 anni) fosse praticata già nell’antichità da svariati popoli, lo sappiamo tutti, ma non mi risulta che poi se li sposassero. Forse che gli antichi fossero meno saggi di noi?
    Loro erano consapevoli che, permettendo questo tipo di matrimoni, avrebbe causato l’indebolimento e quindi l’estinzione del proprio popolo. Ora mi chiedo, oggi noi pensiamo di essere più saggi dei nostri antichi? E’ sufficiente manipolare le nascite e garantire figli a chi per natura, e intendo con questo uomo-uomo o donna-donna, non può averne per pensare che poi tutto andrà bene? E quando questi bambini nati a seguito di una diciamo “donazione” chiederanno:”Chi è mio padre e chi è mia madre?” cosa diranno loro? Chi gestirà questo profondo disagio che si vive quando non si conosce qual è la propria radice? Quali reazioni si scateneranno nei cuori di questi innocenti?
    La questione è molto seria.

  • Silvio Angeletti

    dice su:
    14/09/2015 alle 03:55

    Stop al Gender..perche’ la natura vuole che un bambino abbia un padre e una madre..naturali…andare contro questa legge di natura..e’ andare contro lo stesso autore della natura che e’ Dio..percio’ la legge Gender e’ contro natura..contro Dio..e infine contro il buon senso..non esiterei ad affermare che tutto questo e’ diabolico..solo il Maligno vuole distruggere l’opera di Dio. Angeletti Silvio.

  • roberto ermanis

    dice su:
    25/10/2015 alle 22:30

    E’ curioso notare che da quella parte politica che una quarantina d’anni fa ha voluto fortemente il divorzio, adesso ci sia una altrettanto forte spinta verso il cosiddetto “matrimonio” gay. Forse il tentativo di distruggere la famiglia non è andato in porto la prima volta? Perchè tutto questo odio nei confronti della famiglia composta da un uomo, una donna e i figli?
    Ed è altrettanto incredibile osservare con quanto accanimento dapprima si è cercato di far passare il gender nelle scuole, tutto nel più assoluto silenzio, mentre adesso ne si nega l’esistenza. Sarebbe interessante fare un sondaggio serio per vedere cosa realmente pensano gli italiani.

  • Giulio Pierleoni

    dice su:
    30/01/2016 alle 16:03

    QUESTA LEGGE se passerà, segnerà davvero l’inizio della fine,il declino e l’estinzione della razza umana

  • VINCENZO CICALA

    dice su:
    20/02/2016 alle 12:43

    Siamo contrari. Siamo favorevoli ai piccoli, ai figlioli, con mamma e papà.
    Riteniamo che la società è già sconquassata . Che non si rovini di più.
    Salviamo i giovani dalle cattive abitudini.
    Ma si può sapere senza genitori i figli chi li fa vivere?
    Quelli di Ciricià non sono garantiti come figli .

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati