Attendere prego

Home Page > Notizie dal mondo > Aborto: senza credo religioso sarebbe più praticabile, dice la Clinton
aborto_religione_Hillary_Clinton

Per chi avesse ancora qualche dubbio riguardo la politica della Sig.ra Clinton al servizio delle lobby pro aborto degli Stati Uniti, nonostante ne avessimo parlato in molti nostri articoli come potete leggere qui e qui …

Hillary Clinton ritiene che “le credenze religiose e i pregiudizi strutturali devono essere modificati” per fare in modo che l’aborto sia di fatto praticabile da un numero maggiore di donne.

Ti piace ProVita?
Diventa Fan e segui la nostra pagina Facebook



Secondo un’intervista rilasciata dalla candidata dei democratici alla Presidenza degli Stati Uniti, le leggi non bastano, se di fatto i cittadini non ne fruiscono: l’accesso ai servizi di salute sessuale e riproduttiva, nella specie, sono limitati per le donne, dalle convinzioni morali, religiose. Quindi, sono le credenze religiose che pongono limiti di accesso all’aborto. 

Bludental

Queste sue esternazioni sono tese a ostacolare la revisione legislativa delle norme che regolano l’aborto in America. Infatti si sta riaprendo il dibattito sull’aborto tardivo.

La legislazione americana è molto permissiva: i bambini possono essere uccisi addirittura fino al nono mese di gravidanza.

I candidati prolife Repubblicani stanno tentando a livello nazionale quello che è riuscito nei parlamenti di diversi Stati federati: introdurre norme che limitano la strage di innocenti. Tra breve infatti intendono rilanciare la proposta di divieto di aborto dopo la ventesima settimana.

Ad ogni modo, la signora Clinton non ha spiegato quale strategia si può usare per cambiare le convinzioni religiose delle persone.

Fonte : NationalReview

Redazione

Sostieni Pro Vita

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

2 Commenti, RSS

  • Antonia Chimenti

    dice su:
    27/04/2015 alle 17:09

    Inorridisco al pensiero di una campagna elettorale che promette una legge che non solo distrugge delle vite umane ma ipotizza anche il superamento di convinzioni religiose

  • Carlo Lauletta

    dice su:
    25/08/2015 alle 18:46

    Esistono le persone religiose, che cercano di diffondere la religione; antiabortiste, che cercano di contrastare l’aborto. Parallelamente, esistono le persone irreligiose, che vogliono diffondere l’ateismo; abortiste, che contrastano le restrizioni all’aborto. Sono posizioni contrarie le une alle altre; sono lecite le une e le altre.

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati