Home Page > Notizie dal mondo > Attori e cantanti celebri oggi, tentati aborti di ieri
madre_aborto fallito_vita

Quante fan americane oggi gridano d’esultanza nel vedere il loro beniamino, Justin Bieber, in televisione? Un ragazzo bello, un attore promettente, un idolo per tante adolescenti. Un fallito aborto. Justin è nato solo perché il tentativo di aborto richiesto dalla madre non è riuscito.

A confessarlo è stata proprio lei, Pattie Mallette, durante un talk-show; l’ha dichiarato alla presentatrice Kathie Lee Gifford durante la sua trasmissione in onda su una delle più famose televisioni americane, la “NBC”. Abusata sessualmente sin da bambina, la madre del noto attore, è cresciuta nella depressione, diventando poi una vittima, dell’alcolismo e della droga. Rimasta incinta,a 17 anni, tentò l’aborto, invano. E di fronte a quella vita che non voleva spegnersi, trovò il coraggio di andare avanti. Lavorando sodo per mantenerlo.

Sei un ProVita?
Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani informato


Iscriviti

Justin Bieber dunque non manca occasione di esprimersi contro la legalizzazione dell’aborto; asserendo la sua contrarietà alla legge americana che insegna ai giovani che “l’aborto è un diritto”.Va avanti per la sua strada il giovane artista, miracolato consapevole; forte della sua storia. Singolare ma non unica.

Anche la madre di un grandissimo tenore italiano, nato cieco, era stata invitata ad abortire. Se l’avesse fatto, oggi, non potremmo ascoltare la splendida voce di Andrea Bocelli. I medici suggerirono alla mamma della star della canzone lirica di ucciderlo perchè avrebbe subito delle menomazioni a causa di un attacco di appendicite da lei subito. Sarebbe nata una persona senza dignità! Ebbene la coraggiosa donna ha portato avanti la sua gravidanza dando alla luce un cantante speciale, ammirato nel mondo.

Ancora, Bridget Boyle, immigrata irlandese a Blackburn, già mamma di 8 figli, si trovò a vivere una gravidanza a rischio. Ma essendo una cattolica devota, non volle neppure considerare il classico consiglio laicista teso all’interruzione della gravidanza. E così diede alla luce Susan Boyle la quale, al momento del parto, soffrì di asfissia perinatale, malanno che causò alla bambina un leggero danno celebrale. Dopo la nascita, i dottori dissero a sua madre:“Doveva darci ascolto. Adesso dovrà accettare il fatto che Susan non diventerà mai niente di buono“. Questa bambina oggi è una realizzata cantante, entrata nel Guinnes dei primati per la sua rapidissima celebrità (9 milioni di dischi venduti in sole 6 settimane). Subo, come è stata ribattezzata dai fan, ha rivelato la sua commovente storia in un’autobiografia The Woman I Was Born To Be, appena pubblicata in Inghilterra, pochi giorni dopo la performance dell’artista davanti a Benedetto XVI a Londra.

di Livia Carandente

Blu Dental

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Sostieni Pro Vita

4 Commenti, RSS

  • federico tesei

    dice su:
    13/05/2013 alle 11:10

    belle argomentazioni:
    1) bocelli non è nato cieco
    2) su justin bieber non avevo dubbi che fosse un aborto umano

    • Redazione Prolife

      dice su:
      14/05/2013 alle 12:53

      Gentile Sig. Tesei,
      l’articolo in questione vuole sottolineare come l’aborto poteva cancellare dei talenti, che oggi, a prescindere dalle preferenze musicali, sono tanto apprezzati.

  • Traveller

    dice su:
    24/05/2013 alle 11:03

    Io vorrei solo sapere quanti tentati aborti sono diventati ladri e assassini…

    • Redazione Prolife

      dice su:
      04/06/2013 alle 12:08

      A nostro avviso, chiunque ha il diritto di nascere; il divenire adulti non dipende solo dall’indole, ma anche da fattori sociologici ed economici.

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati