Attendere prego

Home Page > La Buona Notizia > La Buona Notizia #657 – Marito e moglie uniti, anche nella malattia
tumore_buona-notizia_coppia_ospedale

La Buona Notizia di oggi arriva dall’Inghilterra e ha per protagonista una coppia unita «nella salute e nella malattia». Julie e Mike – 50 anni lei, 57 lui – sono entrambi morti di tumore a distanza di cinque giorni l’uno dall’altro.

I due coniugi avevano tre figli – tutti sotto i 21 anni –, per i quali è già partita una raccolta fondi, che ha già raggiunto la cifra di 235mila euro.

Questa Buona Notizia, che naturalmente contempla il normale dolore per la morte di due persone ancora piuttosto giovani, è un forte richiamo al valore del matrimonio e aiuta a riflettere sull’amore, quello vero. Un amore che non è (solo) sentimento, ma che è piuttosto la scelta di mettere l’altro prima di sé, anche nel momento della sofferenza.

Vuoi approfondire la tua cultura prolife?
Leggi gli articoli inediti pubblicati sulla rivista mensile "Notizie ProVita"

Clicca qui

Leggiamo su Il Corriere della Sera: «Una storia straziante la loro: a Mike, nel 2013, viene diagnosticato un tumore al cervello. La moglie Julie decide di stargli accanto e diventa la sua infermiera casalinga. Lo assiste e cura insieme ai loro tre figli: Luke, 21 anni, Hannah, diciottenne e al 13enne Oliver. Poi nel maggio 2016 ecco l’altra brutta notizia: anche Julie è malata, un tumore al fegato e ai reni che si è diffuso velocemente ad altri organi. Entrambi ricoverati all’ospedale St. John di Merseyside sono stati vicino fino all’ultimo, tenendosi la mano fino all’ultimo. Hanno vissuto una vita insieme, uno accanto all’altra, sostenendosi sempre. Anche negli ultimi giorni».

Lo psicologo Roberto Marchesini, in merito al dolore condiviso tra i due coniugi, è solito far riflettere le persone sul fatto che – nel momento in cui si pronunciano le promesse matrimoniali – non s’intente dire: «Ti starò vicino quanto TU starai male», bensì «Quando IO starò male, e avrò la tentazione di piegarmi su me stesso/a e pensare solo al mio dolore, metterò comunque te al primo posto». Una donazione totale, un amore che va oltre le circostanze.

A domani, con un’altra Buona Notizia!

Redazione

Fonte: Il Corriere della Sera, anche per la foto in evidenza.


Segnalate alla nostra Redazione (qui i contatti) la vostra Buona Notizia! Può essere un articolo ripreso dal web o una vostra testimonianza… la condivideremo con tutti i Lettori!


NO all’eutanasia! NO alle DAT!

Non facciamoci imbrogliare!

Firma la petizione!

Sostieni Pro Vita

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati