Home Page > Notizie dal mondo > Nell’Ohio class action di 42 donne avvelenate dalla RU 486
Ru 486

LifeNews.com  ci informa che Planned Parenthood è stata denunciata nell’Ohio dall’associazione  Right to Life, in nome di  42 donne cui è stata somministrata la RU 486 con gravi conseguenze per la salute. In particolare alcune delle ricorrenti affermano che gli operatori sanitari di Planne d parenthood hanno violato le disposizioni federali relative alla pillola abortiva (che è risultata velenosa anche nei casi in cui le regole sono state rispettate).

Infatti la  Food and Drug Administration  prescrive che la pillola venga assunta in due momenti successivi, davanti ad un medico – e invece le donne venivano mandate a casa; la pillola può essere data entro i primi 49 giorni della gravidanza – e invece veniva somministrata anche a  63 giorni.  Le ricorrenti sono state afflitte da emorragie, anche gravi e in quelche caso da ematometria (sangue accumulato all’interno dell’utero). In 35 dei casi l’aborto è stato incompleto e le donno si sono dovute sottoporre a intervento chirurgico d’urgenza.

Sei un ProVita?
Seguici su Twitter




Inoltre il personale di Planned Parenthood non ha informato le donne dei rischi connessi alla procedura e in particolare dell’eventualità di dover completare l’aborto chirurgicamente. 

In Ohio le disposizioni della FDA non sono mai state trasformate in legge statale per la forte opposizione lobbistica di Planned Parenthood.

La RU-486  ha già  ucciso almeno 14 donne e causato gravi danni alla salute  in più di 2000 casi, negli USA.

Traduzione e adattamento a cura della Redazione

Blu Dental

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Sostieni Pro Vita

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati