Attendere prego

Home Page > Dicono di noi > Al Quirinale le firme della nostra petizione sulla scuola
quirinale_petizione_unioni-civili

La nostra associazione ProVita, il Movimento per la Vita, l’AGE, l’AGESC e i Giuristi per la Vita hanno emesso oggi un comunicato stampa congiunto sulla consegna della petizione sull’educazione sessuale e affettiva:

“PER UNA SCUOLA CHE INSEGNA E NON INDOTTRINA”, la petizione che abbiamo promosso ha raccolto l’adesione di decine di associazioni e più di 180.000 firme.

Sei un ProVita?
Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani informato


Iscriviti

Nella mattinata di domani saranno presentate al Presidente della Repubblica.

La petizione è stata promossa da Age, Agesc, Giuristi per la vita, Movimento per la vita, ProVita Onlus insieme ad altre 36 associazioni, affinché tutti gli studenti possano trovare nella scuola, non ideologie destabilizzanti, ma un ambiente che permetta uno sviluppo sano della personalità, in armonia con le istanze etiche e il ruolo della famiglia che resta la prima responsabile dell’educazione dei figli.

BludentalIn questo senso, la petizione propone dei principi fondamentali che dovrebbero informare ogni progetto educativo nell’ambito dell’affettività e della sessualità, relativi al rispetto delle differenze naturali tra i sessi e dei diritti della famiglia.

Le firme vengono ora presentate al Presidente Mattarella affinché voglia «intervenire, con la sua autorità giuridica e morale, presso gli organi competenti, affinché vengano presi i provvedimenti idonei».

Nei prossimi giorni saranno consegnate al presidente Renzi ed al ministro Giannini.

 Daniele Nardi
Responsabile Area comunicazione Movimento per la Vita

Sostieni Pro Vita

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

4 Commenti, RSS

  • Giorgio Bruno Pacor

    dice su:
    05/05/2015 alle 06:53

    Sono d’accordo

  • leonardo Pirrone

    dice su:
    05/05/2015 alle 09:20

    Da insegnante ormai e fortunatamente in pensione, mi sento di affermare che il problema della scuola è proprio l’indottrinamento. Esso coinvolge per primi presidi e insegnanti, che come diceva il buon Guareschi si sono fatti crescere la terza narice. Tutto questo cozza con la costituzione che vuole libero l’insegnamento delle arti e delle scienze.
    Io vedo perciò un problema più vasto e diffuso, che se non trova soluzione alla radice renderà inutile ogni altro sforzo.

  • Leonardo Allodi

    dice su:
    05/05/2015 alle 11:23

    Concordo pienamente e sottoscrivo

    Leonardo Allodi

  • Christian Gorla

    dice su:
    05/05/2015 alle 13:46

    Speriamo…

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati