Home Page > Notizie dall’Italia > Arcigay attacca prete perché diffonde appello contro la legge sull’omofobia
liberta-di-opinione_don-Stefano-Piccinelli_arcigay-615x380

Intervista a don Piccinelli che ha appeso il manifesto sulla bacheca dell’ospedale. «Dicono che non vogliono colpire i reati di opinione, ma poi ci accusano di istigare alla violenza»

«Mi sono ritrovato sbattuto in prima pagina sulla Nuova Ferrara, attaccato proprio come il mio vescovo, Luigi Negri. E ho capito che dolore poteva aver provato». A parlare così a tempi.it è don Stefano Piccinelli che lo scorso 23 di luglio aveva appeso in una bacheca dell’ospedale di Cona, in provincia di Ferrara, l’appello contro la legge sull’omofobia lanciato dai “Giuristi per la vita” attraverso La Nuova Bussola Quotidiana, a cui hanno aderito anche Tempi.it e CulturaCattolica.it.

Sei un ProVita?
Seguici su Twitter




Don Piccinelli, cosa è accaduto dopo che ha appeso l’appello?
Mi ha chiamato una giornalista, dicendomi che era della Nuova Ferrara: «Ci è giunta voce che… lei sa che in un luogo pubblico non si può?». Io stavo guidando senza auricolare, non potevo rispondere in maniera articolata, pur avendo capito bene il giochetto: appena mi aveva detto il nome della testata per cui lavorava mi sono allarmato. E alle domande fatte, trattandomi come fossi un ingenuo, mi sono detto: «Questi mi vogliono fregare come hanno fatto con monsignor Luigi Negri». Anche il vescovo è stato appositamente frainteso da quel giornale e accusato di intolleranza verso gli omosessuali solo per aver detto che è grave che stia passando, nel silenzio mediatico, una legge sull’omofobia, che, in realtà, è una norma che punisce le opinioni, con pene severe come il carcere.

Lei è stato attaccato anche da Flavio Romani presidente dell’Arcigay.
Hanno preso le mie poche parole al telefono e le hanno “girate” a loro piacimento. Ma Romani si è contraddetto: ha detto che la legge non prevede il reato di opinione e, subito dopo, che io e i sacerdoti che sosteniamo che gli atti omosessuali sono disordinati – affermazione contenuta nel catechismo della Chiesa Cattolica – istighiamo alla violenza.

Clicca qui per continuare a leggere l’articolo pubblicato da Tempi

di Benedetta Frigerio

banner loscriptorium

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Sostieni Pro Vita

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati