Attendere prego

Home Page > Fine Vita > Eutanasia e sedazione terminale: un chiarimento
infermiera_Inghilterra_eutanasia_modulo_domicilio

Ascoltando il file audio qui di seguito potrete capir bene che quello che è accaduto a Treviso non è stato un caso di eutanasia.

Si tratta della trasmissione di Radio Rai “Tra poco in edicola” del 15 febbraio, cui ha partecipato il nostro portavoce.

Come abbiamo già spiegato qui Dino Bettamin, 70 anni, malato terminale di Sla non è morto per eutanasia.

Vuoi approfondire la tua cultura prolife?
Leggi gli articoli inediti pubblicati sulla rivista mensile "Notizie ProVita"

Clicca qui

La sua vita non è stata abbreviata, l’idratazione era in corso, l’alimentazione era stata sospesa perché gli faceva male, il respiratore è stato spento dopo la constatazione del naturale decesso.

Come da protocollo già in uso da tempo, l’uomo è stato semplicemente addormentato. Anzi, a detta della stessa infermiera che lo curava, forse senza sedazione sarebbe vissuto meno.

Parlano poi la signora Coscioni che dice “Non c’è differenza tra morire oggi o tra qualche giorno” per una persona sedata. Ne è sicura? Che ne sa dei sogni e di ciò che passa nella testa di uno che dorme? (c’è una telefonata di un ascoltatore, medico, che fa anche riflettere sugli effetti dei farmaci che inducono la sedazione).

Il conduttore ha cercato di dire che la nostra è “un’altra battaglia”, ma il portavoce di ProVita, Alessandro Fiore, ha spiegato molto bene che non è vero. La nostra battaglia è la battaglia per la vita: la vita non è un bene disponibile. A un aspirante suicida che ha scavalcato il parapetto, gli si dà una spinta o gli si dà una mano, e si aiuta a superare la crisi?

L’ha detto Silvie Menard, medico, un tempo favorevole all’eutanasia, oggi malata di cancro irreversibile, assolutamente contraria all’eutanasia in ogni sua forma. La Menard sarà oggi alla Camera alla conferenza stampa organizzata da ProVita.

Redazione

 

 

 


NO all’eutanasia! NO alle DAT!

Non facciamoci imbrogliare!

Firma la petizione!

Sostieni Pro Vita

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

Un Commento, RSS

  • Mario ProVita

    dice su:
    16/02/2017 alle 13:57

    Le bugie hanno le gambe corte, rai.

    Non vi conviene distruggere la vostra credibilità, visto che usate la vostra immagine per convalidare i vostri telegiornali, le vostre discussioni pomeridiane…

    Su questo dovreste veramente stare attenti: la televisione è uno strumento obsoleto, paragonato ad Internet.

    Presto, sarete costretti a lavorare nello stesso ambito di lavoro, in cui lavorano Notizie ProVita ed altri siti della stessa categoria… il che significa, i spettatori potranno paragonare i fatti più accuratamente invece di credere istantaneamente alle vostre fiabe che costantemente tentate di propinare in ogni vostro programma televisivo.

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati