Attendere prego

Home Page > Notizie dall’Italia > Il 20 giugno tutti in piazza per i bambini e per la famiglia
matrimonio-gay_firme_petizione_unioni civili

Siamo tutti chiamati a scendere in piazza per i nostri bambini, per il loro diritto a una famiglia, per il loro diritto ad avere una mamma e un papà.

Sabato 20 Giugno è stata indetta una Manifestazione a Roma, alle 15:30, a Piazza San Giovanni.

Ti piace ProVita?
Diventa Fan e segui la nostra pagina Facebook



E’ un’iniziativa che parte dal basso, dalla società civile, dai genitori, che si sono resi conto quanto la famiglia ed i bambini, i più deboli ed indifesi, siano in grave pericolo.

L’opera di smantellamento della famiglia continua da anni anche in ambito politico con provvedimenti legislativi e giurisprudenziali volti a facilitare e banalizzare il divorzio, l’aborto, la contraccezione, la fecondazione artificiale.

Ora si vuole persino distruggere il concetto stesso di matrimonio: è in corso di approvazione il disegno di legge Cirinnà che sostanzialmente legalizza il matrimonio omosessuale e le adozioni gay, promuovendo anche, nella pratica, l’orrenda pratica dell’utero in affitto. Lo possiamo, lo dobbiamo fermare: questo sarà possibile solo se lanciamo un segnale forte al mondo politico, scendendo in piazza in massa il prossimo 20 giugno. Bludental

Al Senato inoltre è stato depositato il disegno di legge Fedeli che intende introdurre l’ideologia gender nei programmi scolastici di tutte le scuole e università.

Perfino nel decreto Renzi sulla “buona scuola” è stato introdotto l’insegnamento della “parità di genere” (perché non , semplicemente, parità tra i sessi?).

Questi progetti e iniziative insinuano dubbi e incertezze nei bambini e nei più giovani sulla propria identità sessuata, pretendendo che sarebbe normale avere un “genere” contrastante con il proprio sesso biologico; giustificano e promuovono ogni tipo di orientamento sessuale; insegnano che sarebbe normale avere due mamme o due papà. In generale questo tipo di educazione alla sessualità o all’affettività è slegato da ogni riferimento morale e produce spesso una sessualizzazione precoce dei bambini.

Nel frattempo con l’accusa di omofobia si tenta di intimidire, di ghettizzare e di far tacere ogni voce che parli a nome del buon senso e della natura.

famiglia_comitato_da-mamma-e-papa

Alcuni membri del Comitato “Difendiamo i nostri figli”

Le prime e principali vittime di tutte queste iniziative (ddl Cirinnà sulle unioni civili tra persone dello stesso sesso, ddl Fedeli, progetti ispirati al gender e all’omosessualismo) sono i bambini che – se nascono – crescono privi di punti fermi di riferimento, incerti sulla loro identità e sull’identità dei loro genitori. Saranno bambini fragili, inclini ad avere dubbi esistenziali precoci e profondi, dubbi identitari, incertezze, problemi psicologici e relazionali.

Non possiamo più assistere passivamente a tutto questo. E’ ora di scendere in piazza, tutti. Lo dobbiamo ai nostri figli e ai nostri nipoti. Lo dobbiamo perché crediamo che c’è ancora del Bene in questo mondo e val la pena combattere per esso.

Tutti in Piazza San Giovanni sabato 20 giugno!

Redazione

Clicca qui per la rassegna stampa sull’evento

Sostieni Pro Vita

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

17 Commenti, RSS

  • Lettore lettrice

    dice su:
    03/06/2015 alle 11:18

    Ci sarò. Mi auguro che:
    – Ci sia una condanna piena ed esplicita della reale omofobia. Non per evitare di essere etichettati “talebani ecc”, che tanto succederà lo stesso, ma per “scremare” i manifestanti. Se qualcuno vorrà venire in piazza perchè gli fanno schifo le persone omosessuali..beh, stia a casa!!!!
    – la manifestazione sia laica. Quindi niente cori e cembali, ma “solo” cittadini italiani che esprimono un loro pensiero, tra l’altro condiviso dalla costituzione (art.29), senza vergognarsi del loro credo, ma senza neppure esibirlo come fosse il motivo della loro partecipazione
    – i politici intervengano in maniera anonima mischiandosi tra la folla;
    – partecipino politici non solo di centrodx, ma anche i tanti che a sinistra hanno paura di esprimere la loro idea “non allineata”;
    – non siano esibiti simboli politici;
    – partecipino anche gruppi non “religiosi”, penso ad esempi ad alcuni gruppi femministi (contrari all’utero in affitto) e alcuni gruppi omosessuali non allineati lgbt

    • FRP

      dice su:
      03/06/2015 alle 16:59

      Condivido le sue speranze. Il Comitato sta facendo del tutto per evitare che la cosa diventi “di” un gruppo, una parte, una confessione religiosa. Ci saranno certamente tentativi di strumentalizzazione. Speriamo non riescano. Ben vengano gli omosessuali (tanti. La maggioranza) che sono contrari al matrimonio gay e che non si sentono affatto rappresentati dall’omosessualismo militante di Arcigay & co.
      Vuole essere e deve essere una manifestazione PER i bambini.

      • Lettore Lettrice

        dice su:
        06/06/2015 alle 14:15

        Mi auguro anche che il presidente della Repubblica Mattarella, essendo il garante della Costituzione, appoggi ufficialmente questa manifestazione. Infatti, nel rispetto di tutte le formazioni sociali tutelate dall’art. 2 Cost, è fondamentale difendere la famiglia come riconosciuta e tutelata dall’art. 29 della nostra Costituzione.

      • Dario De t

        dice su:
        10/06/2015 alle 15:15

        Se lei poi mi dice da quali dati desume.che la.maggioranza degli omosessuali sono contro il.matrimonio egualitario mi fa un favore

        • FRP

          dice su:
          10/06/2015 alle 17:42

          Per esempio dal fatto che quando qualcuno osa parlare con ragionevolezza e buon senso viene massacrato mediaticamente e non solo (Rupert Everett, Dolce & Gabbana, e tanti altri meno noti, che ci scrivono e che non hanno il coraggio di uscirsene in pubblico)

          • Dario De Gregorio

            dice su:
            10/06/2015 alle 23:30

            Buon senso e ragionevolezza… Dipende da dove lo si giudica… Secondo lei, 50 anni fa se un uomo di colore innamorato di una donna bianca in uno stato del.Sud degli Stati Uniti avesse detto no non posso sposarla perché così dice la.legge e la morale dominante (almeno mediaticamente), avrebbe avuto buon senso? E se fosse stato criticato dai suoi amici di colore, sarebbe stato massacrato secondo i suoi parametri oppure no?

            Io sono già sposato con mio marito in Canada ed abbiamo tre splendidi bambini che non ho comprato da nessuna parte. Mi piacerebbe che prima di sparare giudizi a caso v’informaste sulla realtà che vi circonda

          • FRP

            dice su:
            11/06/2015 alle 07:04

            La legge era ingiusta ed era contro la morale. Perché la morale vuole che bianchi e neri, come esseri umani hanno la stessa dignità (il razzismo, infatti è tipico dei paesi protestanti… Nel ‘500 Papa (Paolo IV o V non ricordo) ingiungeva agli Spagnoli, in Sud America, di riconoscere agli Indios la stessa dignità di tutti gli esseri umani).

            Viceversa lei e suo marito non avete certo generato quegli splendidi bambini: avranno una madre da qualche parte. Magari non ve li ha venduti, ve li ha regalati (sempre come cose), ma non sono “vostri” sono di uno di voi due. E crescono deprivati della mamma. Saranno felici ed equilibrati (tanti orfani e tanti ragazzini disgraziati riescono ad esserlo), ma li avete deprivati della mamma. Questo potrà anche diventare legale in tutto il mondo, ma non sarà mai né giusto, né naturale.

          • Dario de gregorio

            dice su:
            11/06/2015 alle 08:51

            la legge era ingiusta e contro la morale? Lo dice ora con la sua sensibilità del 2015,, nel 1950 era considerata sacrosanta in moltissimi stati americani così come non era perseguibile il delitto d’onore in Italia. Tutte leggi giuste per la morale dell’epoca. Ed il primo prete di colore si ebbe ne ‘700 per sua informazione. I miei bambini non hanno una madre perché non esiste, se non ci fossero stati due padri non sarebbero mai venuti al mondo. Non mi pare difficile da capire

          • FRP

            dice su:
            11/06/2015 alle 19:47

            Lei non ha proprio idea che esiste una legge positiva, relativa, che cambia a seconda dei Parlamenti, e una legge naturale, assoluta e immutabile (non uccidere)che ad esempio dice che i bambini nascono da un maschio e una femmina e per crescere serenamente, normalmente hanno bisogno di un padre e una madre…
            Lei ha detto ai suoi figli che la loro madre non esiste? Complimenti per la menzogna. Ha davvero un amore grande chi mente alle persone amate sapendo di mentire. La metà del patrimonio genetico dei suoi figlioli di chi è?

  • Adele Rita Iannotta

    dice su:
    03/06/2015 alle 17:22

    Sono veramente contenta, che ci sia un movimento che si propone di conservare i valori della famiglia, come la natura ha voluto che fosse,se riesco a liberarmi se posso verrei volentieri a Roma x dimostrare, il mio disappunto ovvio a tutto quello che oggi molti signori e signore vogliono,non sanno che vanno contro loro stessi. Farò di tutto x affiancarvi in questa iniziativa.

  • ISABELLA RAUTI

    dice su:
    05/06/2015 alle 13:18

    VORREI SAPERE COME SI ADERISCE ALLA MANIFESTAZIONE SIA A TITOLO PERSONALE CHE CON UN’ASSOCIAZIONE. INOLTRE , L’APPUNTAMENTO E’ ALLE 1530 A PIAZZA DELLA REPUBBLICA PER RAGGIUNGERE PIAZZA SAN GIOVANNI, O IL CONTRARIO? SU QUESTO CI SONO INFORMAZIONI DISCORDANTI.-
    GRAZIE
    BUON LAVORO
    CORDIALMENTE
    A PRESTO
    ISABELLA RAUTI

  • Alfredo Mauceri

    dice su:
    06/06/2015 alle 12:49

    Mi sembra tutto molto esagerato e come al solito si fa leva sui bambini per rafforzare le idee di adulti poco informati, o spaventati dal cambiamento.
    Sono gay, ho un compagno stabile da millenni ormai. Ceniamo, lavoriamo, paghiamo le tasse, andiamo al cinema, ci annoiamo sul divano, litighiamo per le stupidità, dormiamo…insomma tutto odiosamente normale, come tutte le coppie del mondo cosiddetto “normale”.
    Ho una figlia NATURALE di dieci anni che è serena, vive bene, media scolastica alta (porta sempre voti come 9 e 10), ha nonni affezionati, parenti affettuosi e si sente una principessa e sa di essere femmina e questa vostra teoria l’ha fatta ridere. Viviamo in Sicilia e siamo orgogliosamente siciliani.
    Ho letto la teoria gender e non si possono creare fantasmi quando non ci sono, magari discutere su alcuni punti in modo costruttivo. Voi potete sentirvi padroni di non considerarci una FAMIGLIA, ma noi lo siamo comunque. Mia figlia sa che ha un padre, ed il padre ha un compagno.

    • FRP

      dice su:
      08/06/2015 alle 18:48

      Siamo contenti per lei, il suo partener e sua figlia (la quale immagino avrà una madre da qualche parte). Nessuno ha mai detto che le persone omosessuali son “cattive”. Ma decretare per legge che possano sposarsi e comprare bambini è tutt’altra cosa, e non s’ha da fare.

  • maura chiodi

    dice su:
    07/06/2015 alle 21:19

    E noi ce la metteremo tutta per esserci!!! alla faccia delle Ferrovie dello Stato che SPROPOSITATAMENTE hanno aumentato i prezzi dei biglietti… VERGOGNA!!!

    Maura Brescia

  • SUSANNA ROLLI

    dice su:
    18/06/2015 alle 10:10

    Dio ci benedica tutti, proprio tutti. Tutti gli esseri umani che hanno a cuore ancora l’umanità. Grazie.

  • Daniela Baldanza

    dice su:
    14/07/2015 alle 13:07

    Vi seguo e approvo il vostro lavoro in difesa della vita. Vi chiederei di attenzionare un vecchio tema di cui non si parla più e su cui c’è molta ignoranza, quello della spirale come metodo abortivo.
    Riguardo al gender invece, in qualità di docente vorrei che fosse offerta la possibilità dell’obiezione di coscienza in modo che i docenti si possano rifiutare di fare corsi di aggiornamento sul gender e di collaborare alla realizzazione di progetti gender nelle classi. Ho saputo che invece vogliono eliminare la possibilità dell’obiezione di coscienza per tutti. Ma allora i medici non si potranno rifiutare di praticare aborti. Questo fatto sarebbe assai grave e bisognerebbe condurre una battaglia perché questo diritto fosse garantito.

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati