Attendere prego

Home Page > Giurisprudenza e Amministrazione > Matrimonio gay, “diritti” LGBT e il caso umano (Scialpi)
matrimonio gay_scialpi_ospedale.svg

Serve il matrimonio gay per assistere i propri conviventi in ospedale?

Mi chiedo se certa gente sia mai andata ad assistere qualche amico in ospedale.

Nelle esperienze dei più,  per andare a dar da mangiare a qualche ricoverato, a fare qualche nottata – e magari cambiare qualche pannolone: non solo nessuno ha mai messo ostacoli, ma nei nosocomi sono stati ben felici che qualcuno risparmiasse agli infermieri di turno qualche scampanellata.

Sei un ProVita?
Seguici su Twitter



Maschi o femmine, parenti o conoscenti, ospedali pubblici o cliniche private, nessuno ci risulta abbia mai fatto storie. 

Invece, ai gay, la “legge” impedisce di  assistere i propri fidanzati?

Visti i piagnistei di Scialpi e del marito in tal senso, ci spiega bene come stanno le cose  Giuliano Guzzo sul suo blog.

matrimonio gay_gender_omofobia_bufale_dati_strumentalizzazionePovero Giovanni Scialpi, si trova in ospedale per un intervento ma il “marito” Roberto – riferisce il Corriere.it – «non può assisterlo». Come mai?

«Per la sanità e per lo Stato sono un perfetto sconosciuto» lamenta su internet, chiedendo una rapida approvazione della legge sulle unioni civili, l’uomo a cui sarebbe impedita l’assistenza dell’amato ricoverato. Una vicenda che, se fosse vera in questi termini, potrebbe indignare; tuttavia il condizionale qui è d’obbligo dal momento che un dubbio ci assale: quale sarebbe la Legge dello Stato Italiano che ora sta impedendo a Roberto di assistere Gianni? Nel breve articolo del Corriere.it – stranamente – non si fa riferimento alcuno alla spietata norma in nome della quale una struttura ospedaliera, oggi, potrebbe impedire ad un convivente di stare vicino alla persona amata.

C’è di più: dando un’occhiata a quanto prevede il nostro ordinamento, non solo non si trova la Legge che negherebbe al cantante Scialpi il diritto di farsi assistere dal partner, ma si trovano disposizioni molto chiare rispetto non già alla possibilità bensì all’obbligo di informazione da parte dei medici per eventuali trapianti al convivente (art. 3 L. n. 91 1999), nonché ai permessi retribuiti per decesso o per grave infermità cui un convivente anche dello stesso sesso ha diritto (art. 4 L.n. 53 2000). Ora, possibile che la Legge da un lato obblighi i medici ad interfacciarsi – in casi gravi, come sono i trapianti – coi conviventi e dall’altro cacci questi ultimi fuori dall’ospedale? E i medici dove diamine dovrebbero informare una persona dell’eventuale trapianto del convivente? Al bar? Nel parcheggio del nosocomio? Su Skype? Qualcosa, evidentemente, non torna.

E poiché le Leggi poc’anzi ricordate – in particolare la n.91 del 1999 – sono chiare e individuate, mentre quanto mai misteriosa risulta quella che sciaguratamente impedirebbe al convivente di prestare assistenza ospedaliera al proprio partner, il dubbio che quest’ultima non esista neppure, a questo punto, per un elementare ragionamento logico, viene. Tanto più, dulcis in fundo, che se si va a leggere l’ultimo disegno di legge sulle unioni civili – il cosiddetto Cirinnà bis – laddove questo regolamenta la reciproca assistenza (art. 12) non si rintraccia, neppure qui, l’ombra di una disposizione che sarebbe da abrogare. Insomma, il diabolico divieto che impedirebbe ad un convivente di prestare assistenza all’altro – posto che non si ha notizia di mariti o mogli cui venga intimato, per poter visitare il coniuge, di esibire prima il certificato di matrimonio – sembrerebbe avere un sapore inconfondibile: quello della bufala.

Giuliano Guzzo

Fonte: www.giulianoguzzo.com

DIFENDIAMO I BAMBINI E LA FAMIGLIA DAI TENTATIVI DI

LEGALIZZAZIONE DELLE UNIONI CIVILI

 

Firma anche tu!

Sostieni Pro Vita

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

3 Commenti, RSS

  • Alberto Savio

    dice su:
    23/10/2015 alle 14:13

    Si, ti chiedono chi sei e a quale titolo sei lì . Sei il tuo compagno non è cosciente (magari anche solo perché sotto anestesia ) non puoi nulla. Informatevi prima di parlare a vanvera. Quanti gay o lesbiche sono stati allontanati dal capezzale del compagno/ a morto dai parenti che non accettavano la loro realtà di coppia? E se due gay vanno in ospizio rischiano di essere separati dopo una vita trascorsa insieme perché non sono sposati. È inumano. Ma voi vi credete così divini che l’umanità non sapete più cos’è .

    • FRP

      dice su:
      23/10/2015 alle 16:25

      Mi stupisco ancora: ho assistito amici e amiche malati e purtroppo anche morenti. Nessuno mi ha mai chiesto se ci andavo a letto e nessuno mi ha mai allontanato. Quanto alla storia dei parenti del defunto, la legge non c’entra proprio niente. Piantiamola col vittimismo gonfiato e isterico…

    • mariagrazia mariagrazia

      dice su:
      24/10/2015 alle 15:40

      ogni ospedale ha le sue regole per motivi di privacy, a volte non fanno restare neanche altri parenti o conviventi indipendentemente dal loro sesso..e a seconda delle situazioni in alcuni reparti di patologia non fanno restare neanche i coniugi, posso anche portare degli esempi reali che ho vissuto in prima persona
      perchè sempre con questo vittimismo?non sono presi di mira nè i gay, nè i conviventi nè nessuno, oltretutto non ci sono leggi a riguardo quindi sono proprio regole dell’ospedale, spesso per salvaguardare la privacy di tutti.

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati