Attendere prego

Home Page > Rivista > Febbraio 2013



Nel Settembre scorso, il Corriere della Sera ha pubblicato la lettera di un padre di un bambino di 10 anni, su sedia a rotelle, che dopo aver presentato la domanda di contributo alle autorità
ha dovuto constatare che i rimborsi di spese per disabili sono fermi dal 2006. Tali storie non sono rare. Ma non è solo qui il problema.

Un concepito al quinto mese si succhia il dito, le sue labbra e la sua lingua cominciano piccoli esercizi per quando succhierà il latte della mamma. È indubbiamente una persona. Se però ha un difetto fisico o una ”malformazione”, per lui la condanna a morte è sancita dalla legge 194 che in tal caso permette l’aborto anche dopo i 90 giorni.

Allora: abbiamo tutti “pari dignità sociale”? Un bambino Down ha lo stesso diritto di nascere di un bambino normale? Evidentemente no, se la legge concede molto più tempo per abortirlo, rispetto a un bambino apparentemente normale!

Sei un ProVita?
Seguici su Twitter




Leggi il numero completo

"Dai voce a chi non può parlare"


ABBONATI ALLA RIVISTA
  • Contributo Studenti e disoccupati 20,00 euro
  • Contributo Ordinario 30,00 euro
  • Contributo Sostenitore 60,00 euro
  • Contributo Benefattore 100,00 euro
  • Contributo Patrocinatore 250,00 euro

    (11 numeri all’anno)