Attendere prego

Home Page > Rivista > Gennaio 2016 – Notizie ProVita – Speciale Utero in Affitto



Gennaio 2016 – Notizie ProVita – Speciale Utero in Affitto

ll mercato di donne e bambini tollerato dalla “società civile”
Lo scorso autunno, abbiamo denunciato la pubblicizzazione e l’organizzazione della pratica dell’utero in affitto in Italia da parte di una clinica privata: siamo stati testimoni oculari dei consigli dati su come procedere in violazione della legge e comprare un bambino come fosse merce (da eliminare – abortire – se non corrisponde ai desideri dell’acquirente).

Sei un ProVita?
Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani informato


Iscriviti

Ci sembra quindi necessario ribadire forte e chiara la condanna di questo ignobile mercimonio.

Perciò, con questo numero speciale di Notizie ProVita vogliamo spiegare meglio in cosa consiste e come funziona, sotto l’aspetto antropologico, economico, giuridico ed etico.

Ringraziamo di cuore il team di professionisti che ha curato il presente dossier.

Antonio Brandi

 

Abbiamo studiato e approfondito cosa è la pratica dell’utero in affitto, per informare, per far comprendere quello che accade ormai da anni sotto i nostri occhi, con la compiacenza indulgente dei media che mostrano storie umane e pietose di adulti desiderosi di dare tanto
amore a bambini. Tant’è che li comprano attraverso cliniche di lusso, li fanno assemblare secondo i loro desiderata e li fanno partorire a donne-schiave, incubatrici di carne, che per bisogno o per avidità acconsentono a cedere ai compratori la creatura che hanno nutrito e portato in grembo per nove mesi.

banner_abbonati_rivista_provita

E nessuno analizza la questione dal punto di vista del neonato che viene strappato dalle braccia che hanno l’odore, il sapore, l’umore che hanno respirato nel grembo. Intanto, l’istituto del matrimonio, così come valorizzato e difeso dalla nostra costituzione e regolamentato dal codice civile si sta tristemente trasformando in un contratto, ancora di rilevanza pubblica, ma di fatto privatistico e assurdamente fondato sull’amore, eliminando dunque a priori la sua ratio fondamentale che è quella di garantire alla società la crescita, l’educazione e il mantenimento delle nuove generazioni.

Per completare l’opera distruttiva cominciata col divorzio, si vuole anche la legalizzazione del matrimonio gay, seppur camuffato, per adesso, da “unione civile”.

Questo porterà inevitabilmente, se non grazie al legislatore, per via giudiziaria, anche alle adozioni da parte delle coppie omosessuali, in nome della parità di diritti. Ma già oggi, il disegno di legge sulle unioni civili introduce la cosiddetta stepchild adoption, che consente al convivente di adottare il filio biologico del compagno/a. Questo, di fatto, comporta la legittimazione della pratica dell’utero in affito in Italia, attualmente vietata dalla legge 40, nonostante i sostenitori del d.d.l. si ostinino a trovare alibi o a sminuirne la portata.

Nei Paesi dove è legale, d’altra parte, l’utero in affitto genera un traffico di affari stimabile in diversi miliardi di euro l’anno. Il business sta cercando di prendere piede nel nostro paese, grazie anche a una campagna pubblicitaria, nemmeno troppo sommersa, che parandosi dietro l’alibi del rispetto verso le persone omosessuali e dell’amore che vince sopra ogni cosa, instilla nella mente della gente comune un senso di accettazione silente e crescente di questa pratica.

La consapevolezza necessaria per opporsi con tutte le nostre forze, affinché la pratica venga stroncata sul nascere, passa dalla conoscenza dei suoi risvolti etici,  economici e giuridici.

Questo numero speciale vuole fare chiarezza e fornire le informazioni ai lettori su tutti questi aspetti in una sola volta.

Aldo, Chiara, Ferdinando, Giovanna, Maria Teresa, Monica


Abbonati alla Rivista

"Dai voce a chi non può parlare"


ABBONATI ALLA RIVISTA
  • Contributo Studenti e disoccupati 20,00 euro
  • Contributo Ordinario 30,00 euro
  • Contributo Sostenitore 60,00 euro
  • Contributo Benefattore 100,00 euro
  • Contributo Patrocinatore 250,00 euro

    (11 numeri all’anno)