Attendere prego

Home Page > Rivista > Settembre 2016 – Notizie ProVita – “Educare i giovani in un mondo alla rovescia”



Settembre 2016 – Notizie ProVita – “Educare in un mondo alla rovescia”

Con il numero di settembre Notizie ProVita assume una nuova veste grafica, che speriamo sia gradita ai nostri Lettori. E a settembre ricomincia anche la scuola. Ci è sembrato quindi opportuno dedicare il nostro Primo Piano all’educazione.

Ex-ducere, tirare fuori, far nascere la verità come faceva Socrate con l’arte della levatrice, la maieutica, è cosa complessa. È necessario e propedeutico dare delle informazioni e aiutare il discente a sviluppare il suo senso critico.
C’è l’educazione dei genitori a casa e quella degli insegnanti a scuola, c’è l’educazione della strada, degli amici, dei mass media
Veniamo educati dalla vita, dagli incontri e dagli scontri, dall’amore e dal dolore (perché la sofferenza – ahinoi – è una grande maestra di vita). La famiglia resta tuttavia il luogo principale dove educare, perché è lì che crescono le persone; è questa la comunità che genera e cura i più fragili e più bisognosi d’amore: i bambini, gli uomini di domani.

Ti piace ProVita?
Diventa Fan e segui la nostra pagina Facebook



banner_abbonati_rivista_provita

In questi tempi di decostruzione della famiglia, di svilimento ideologico delle figure e del ruolo della mamma e del papà, la scuola tenta di appropriarsi del ruolo educativo con prepotenza.

Per questo siamo consapevoli che di certo non esauriamo l’argomento con i contributi – a firma di Costanza Miriano, Roberto Marchesini, Renzo Puccetti, Enzo Pennetta… e molti altri! – di questo numero di Notizie ProVita: torneremo su questo tema presto, soprattutto se dovremo constatare che – in virtù dell’attuazione della legge 107 – la scuola sarà sempre più votata a veicolare messaggi educativi in contrasto con quelli dati in famiglia e con quanto insegna la ragione naturale. Sanno bene, i nostri Lettori, dei tentativi ideologici della propaganda in atto, tesi ad andare “oltre l’umano” (p. 23), in un contesto socio-politico che prospetta inquietanti scenari totalitaristici (p. 6 e p. 7). Rifletteremo anche sul ruolo essenziale della donna, che non può del tutto prescindere dall’essere per natura chiamata alla maternità, pur volendo o dovendo lavorare (p. 9).

E, anche in questo numero di Notizie ProVita, Vi proponiamo alcune testimonianze di vita vissuta (p. 22) e donata (p. 11 e p. 29), che servono ad alimentare la speranza in un mondo in cui i dati statistici mostrano che la cultura della morte miete sempre più vittime suicide (p. 13). Nonostante tutto, infatti, la cultura della vita non è spenta, ma è solo silenziata dai mezzi di comunicazione di massa.
In controtendenza, perciò, vi aggiorniamo infine circa i progressi della ricerca scientifica dedicata alla cura della sindrome di Down, sulle orme del grande genetista Jerome Lejeune (p. 27).

Un numero veramente ricco… tutto da leggere!

Toni Brandi


Abbonati alla Rivista

"Dai voce a chi non può parlare"


ABBONATI ALLA RIVISTA
  • Contributo Studenti e disoccupati 20,00 euro
  • Contributo Ordinario 30,00 euro
  • Contributo Sostenitore 60,00 euro
  • Contributo Benefattore 100,00 euro
  • Contributo Patrocinatore 250,00 euro

    (11 numeri all’anno)