Attendere prego

Home Page > Famiglia e Economia > Adozione gay: sulla “stepchild” decideranno le Sezioni Unite
gay_giudice_adozioni-gay_abuso_stepchild-adoption_adozione gay

La legge italiana non consente l’adozione gay, né la  stepchild adoption alle coppie omosessuali.

Sulla questione si pronunceranno le Sezioni Unite della Corte di Cassazione.

Ha così parlato il sostituto procuratore generale della Cassazione Francesca Ceroni,  nel corso dell’udienza davanti alla prima sezione civile in cui si sarebbe dovuto  decidere sul caso di un’adozione da parte di una donna di una bambina di 6 anni, figlia biologica della compagna sposata in Spagna.

Il Parlamento non ha ancora legiferato, avendo stralciato la questione dal ddl Cirinnà.

«Solo le Sezioni unite possono evitare che in Italia si determini una situazione a macchia di leopardo con decisioni diverse da Venezia a Messina». Diversamente «ogni giudice di merito darebbe la sua interpretazione». Proprio come sta accadendo, riporta Avvenire.

La dottoressa Ceroni ha poi  sottolineato l’inapplicabilità della legge 184 del 1983 (in base alla quale invece alcuni giudici di merito hanno stabilito la possibilità di adottare il figlio biologico del partner, cioè la stepchild adoption) rifacendosi alla norma sulle adozioni “in casi particolari”: «La legge – ha affermato il pg di Cassazione – si occupa solo di infanzia maltrattata e abbandonata, e di genitori in difficoltà. Si occupa cioè di evitare lo smembramento e prevede l’adozione solo in caso di abbandono. Mentre oggi parliamo di un minore amato e curato dal genitore biologico», ragion per cui va accolto il ricorso della Procura di Roma contro la sentenza che aveva detto sì all’adozione da parte della compagna della madre biologica della bambina.

Anche il procuratore generale Giovanni Salvi  aveva fatto ricorso per gli stessi motivi: «in assenza di una espressa disciplina normativa è necessario raggiungere un’interpretazione univoca della norma, che superi gli attuali contrasti di giurisprudenza e assicuri a tutti eguale trattamento».

Spiega Avvenire: “Nel caso specifico, l’impugnazione però riguardava principalmente la necessità di nomina di un curatore speciale della minore ai sensi dell’articolo 78 del Codice di procedura civile per la possibilità di conflitto di interessi del minore con il genitore. Una possibilità che i giudici di primo grado, e poi quelli di secondo, avevano escluso senza dubbi ritenendo superflua la presenza di un curatore in un contesto familiare che, a loro avviso, «esaltava il benessere psico-fisico della minorenne» con la madre biologica e la compagna.

La prima sentenza di merito sul caso era stata emessa dall’allora presidente del tribunale dei minori di Roma Melita Cavallo nell’agosto 2014. La sentenza è stata quindi confermata dalla Corte d’appello, ma la procura generale aveva fatto ricorso in Cassazione. In materia di stepchild adoption nelle coppie omosessuali finora quattro sentenze sono passate in giudicato perché non appellate. La Cassazione è dunque chiamata per la prima volta a pronunciarsi e lo farà «in tempi brevi», come ha sottolineato in una nota la Prima sezione civile. Cioè prima di un mese, che di solito è il tempo canonico del deposito delle motivazioni di una sentenza civile”.

Redazione

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati