Attendere prego

Home Page > Aborto > All’ONU un’altra grande vittoria del buon senso e della verità
vittoria_onu

La Commissione ONU sulla popolazione e lo sviluppo si è conclusa venerdì pomeriggio con una bella vittoria del buon senso e della verità sull’ideologia e la menzogna.

Dopo che l’amministrazione Trump ha tolto i finanziamenti USA all’UNFPA, i Paesi europei hanno presentato un documento infarcito di neolingua, di concetti neomalthusiani, “diritti sessuali” e di “nuovi diritti”, che è stato bocciato dagli altri Stati membri della Commissione ONU.

Le questioni controverse, sostenute da molti europei e da alcuni latino-americani riguardavano la “educazione sessuale completa”, sulla falsariga degli standards dell’OMS, che si traduce in sessualizzazione precoce dei bambini, propaganda dell’ideologia omosessualista e della fluidità di genere. L’Assemblea Generale dell’ONU aveva già bocciato la “educazione sessuale completa” lo scorso autunno. L’ha di nuovo bocciata poche settimane fa la Commissione ONU sulla condizione delle donne.  Questa alla Commissione ONU sulla popolazione e lo sviluppo è la terza sonora sconfitta della cultura della morte che possiamo registrare negli ultimi tempi.

Molte delegazioni hanno anche criticato i nove  riferimenti che si facevano alla “salute sessuale e riproduttiva”: hanno chiesto l’esplicita specificazione che non doveva intendersi ricompreso in essa il fantomatico diritto all’aborto.

Gli europei si sono lamentati perché gli accordi siglati alle Nazioni Unite in materia di politica sociale restano obsoleti: devono essere riscritti per includere i diritti sessuali, i diritti LGBT, e “l’educazione sessuale completa”. La stragrande maggioranza degli Stati invece ha plaudito agli interventi di Egitto, Russia, e di diversi Stati insulari del Pacifico, che hanno detto che l’ONU non dovrebbe perdere tempo ed energie nel trattare argomenti controversi e ideologici, ma concentrarsi su i veri problemi relativi allo sviluppo che comportano un sostegno concreto alla famiglia, dove va riconosciuto l’insostituibile ruolo del padre e della madre per la salute psicofisica dei bambini. I “nuovi” diritti umani e altre questioni ideologiche non sono una base condivisa di dialogo a livello internazionale.

I gruppi pro-life e pro-famiglia considerano la bocciatura del documento proposto dagli Europei come una vittoria di enorme importanza.

Redazione

Fonte: C-Fam

 


AGISCI ANCHE TU! FIRMA LE NOSTRE PETIZIONI

NO all’eutanasia! NO alle DAT!

#chiudeteUNAR

Sostieni Pro Vita

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

Un Commento, RSS

  • Mario ProVita

    dice su:
    09/04/2017 alle 10:15

    Basti pensare che questi promotori delle ideologie contro-natura vogliono imporle a tutti i costi, come se fosse un’emergenza nazionale: e per quanto riguarda la disoccupazione giovanile? Ancora molto alto, purtroppo…

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati