Attendere prego

Home Page > Famiglia e Economia > Charlie, i genitori, il Regno Unito e l’ONU
Leviatano_Stato_famiglia_Charlie1-min

Dalla tragica e dolorosa vicenda di Charlie abbiano capito che il Regno Unito, una nazione occidentale fondata sullo stato di diritto, con una storia e una tradizione tale da essere considerata la culla della democrazia, è divenuta il luogo dove a una madre e un padre può essere impedito di curare un figlio che poi può essere legalmente ucciso sotto i loro occhi e contro la loro volontà.

William Estrada, avvocato americano e direttore delle relazioni federali  della Home School Legal Defense Association, si chiede su The Daily Signal come possa essere avvenuta questa degenerazione.

Egli ritiene che il governo britannico sia responsabile d’essersi asservito alle Nazioni Unite, e alla mentalità mortifera dominante in quel contesto, anni fa.

Nel 1989, con la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo, l’ONU e i globalisti hanno affermato l’intenzione sacrosanta di voler proteggere i bambini.

Ma la realtà è che nelle pieghe di questa convenzione la potestà genitoriale viene sottomessa e subordinata al potere dello Stato.

La cosa si evince nell‘apparentemente innocuo articolo 3 della Convenzione sui diritti dell’infanzia:

«In tutte le azioni riguardanti i bambini … l’interesse migliore del bambino deve essere una considerazione primaria. Gli Stati parti si impegnano a garantire al bambino la protezione e la cura necessari per il suo benessere, tenendo conto dei diritti e dei doveri dei genitori …»

E’ lo Stato che deve curare l’interesse dei bambini. Deve solo “tener conto” dei diritti e dei doveri dei genitori. I diritti dei genitori sono derubricati a desideri (mentre di converso certi desideri – come il desiderio di un figlio – sono  promossi a diritti…); i desideri dei genitori di Charlie sono stati “presi in considerazione”, ma non esauditi. Neanche quando si sono arresi e hanno chiesto solo di poter portare il bambino a morire a casa loro.

La decisione dei tribunali inglesi, quindi, in relazione al caso di Charlie si è fondata sul fatto che – in forza della suddetta Convenzione –  i bambini non appartengono ai loro genitori. Essi  non hanno più diritti nei confronti dei loro figli, hanno solo doveri, tra cui il principale dovere che è quello di agire nel miglior interesse dei  figli. Ma quale sia questo “miglior interesse” è deciso dallo Stato.

Il Regno Unito e altri 195 paesi hanno ratificato la Convenzione sui diritti del fanciullo . Gli Stati Uniti inizialmente avevano scelto saggiamente di non firmare. Poi  durante l’amministrazione di Clinton (guarda caso) hanno aderito anch’essi, ma la firma non è mai stata ratificata dal Senato.

In USA, spiega Estrada, i giudici hanno spesso convenuto che il bambino non è  creatura dello Stato: è sentito fortemente il principio di sussidiarietà, per cui l’ente maggiore rispetta l’autonomia dei corpi intermedi, in primis la famiglia.

La Convenzione suddetta forse spiega anche quello che accade in Norvegia, dove lo Stato toglie i gfigli ai genitori per futili motivi e con una facilità sconcertante.

L’Italia, manco a dirlo, con Andreotti a capo del Governo e Cossiga come Presidente della Repubblica, ha firmato nel 1990 la Convenzione e nel ’91 l’ha ratificata. Come ha ratificato nel 2012 la Convenzione sui diritti delle persone con disabilità che presenta lo  stesso vulnus all’autonomia e all’indipendenza degli stati membri e dei corpi intermedi (qui si calpestano i diritti dei genitori delle persone disabili).

La nostra Costituzione prevede il principio di sussidiarietà nell’art. 2, che  riconosce i diritti inviolabili delle formazioni sociali, dei corpi intermedi, innanzitutto la famiglia. E l’art. 30 specifica:

«E` dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori del matrimonio. 

Nei casi di incapacità dei genitori, la legge provvede a che siano assolti i loro compiti.»

Pare quindi che lo Stato debba cedere il passo alla famiglia, proprio in forza del principio di sussidiarietà summenzionato, nonostante le convenzioni ONU di cui sopra.

Ma con i Governi e i Magistrati che abbiamo, possiamo stare tranquilli?

Francesca Romana Poleggi

Nell’immagine in evidenza: il Leviatano, mostro biblico che vive nel mare, è stato usato dal filosofo del ‘600 Thomas Hobbes come simbolo dello Stato, con potere assoluto sui sudditi.


AGISCI ANCHE TU, FIRMA LA NOSTRA PETIZIONE: NO all’eutanasia! NO alle DAT!

Sostieni Pro Vita

 

 

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

2 Commenti, RSS

  • Jacopo Dellapasqua

    dice su:
    29/07/2017 alle 14:17

    “Come è potuta avvenire una tale degenerazione?”
    Idea mia personale: se uno, considerando che il Regno Unito è la patria del Liberalismo, va a leggersi le pagine che circa un secolo fa il card. Louis Billot ha scritto sul Liberalismo, (*) comprende bene come sia potuta avvenire la degenerazione.

    (*) in De Ecclesia Christi, tomus secundus, pp. 19 – 43. Vedi https://archive.org/stream/tractatusdeeccle02bill#page/18/mode/2up.

    Oppure, per chi non sapesse il latino, se ne ha un riassunto qui http://www.totustuustools.net/pvalori/billot_liberalismo.htm

    • Andrea Pellis

      dice su:
      03/08/2017 alle 14:55

      Questa degenerazione non ha certo nulla a che fare con il liberalismo (un liberale VERO dovrebbe aborrire una cosa come questa, esattamente come un cattolico. Non parliamo poi di un libertario…), ma è solo l’inevitabile conseguenza della legge positiva (cioè totalmente arbitraria) che sta alla base delle associazioni a delinquere che chiamiamo stati, unita all’eliminazione di Dio dalla società portata avanti dagli stati stessi (con rare eccezioni). Non si potrà MAI combattere la cultura della morte attraverso il suo strumento primario, lo stato. La battaglia per la vita non può che essere una battaglia contro lo stato.

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati