Attendere prego

Home Page > Famiglia e Economia > Domenica: negozi chiusi o negozi aperti?
negozi_domenica_famiglia

In questi giorni stiamo assistendo a un forte dibattito sull’apertura degli esercizi commerciali di domenica, alla luce dell’intento del Governo di modificare le disposizioni in materia entro la fine dell’anno.

Ad oggi, riporta il Corriere della Sera, l’Italia è l’unico Paese in Europa a non aver nessun tipo di limitazioni di orario e apertura, «la novità è stata introdotta dal governo Monti che nel 2012 con il provvedimento Cresci Italia ha voluto liberalizzare del tutto gli orari degli esercizi pubblici».

Quindi: domenica e altri festivi negozi aperti, oppure no?

A propendere per la chiusura sono ovviamente i lavoratori direttamente coinvolti, specie se hanno famiglia e figli, e con loro praticamente tutti i sindacati. Della stessa idea sono anche i piccoli commercianti, che escono svantaggiati rispetto alle grandi catene con tanti dipendenti a disposizione.

Contrari alla decisione, invece, gli imprenditori, che percepiscono una perdita di guadagno (comunque tutta da verificare: tenere aperto il negozio e pagare dei dipendenti si bilancia con le vendite domenicali?); alcuni economisti, che lamentano la perdita di posti di lavoro… e poi ci sono gli “egoisti”, autocentrati, ossia coloro che la domenica sono a casa dal lavoro e che in questi giorni stanno considerando il problema in questione ponendosi l’assurda domanda: «Ma cosa farò se una domenica d’autunno piove e i negozi sono chiusi?».

Il fatto infine che alcuni dicano che l’apertura domenicale viene incontro a chi non ha tempo di fare compere durante la settimana risponde a un falso problema: un po’ perché nessuno lavora a tempo pieno 6 giorni su 6 e perché, se lo facesse, forse dovrebbe per primo rivedere le proprie priorità.

La voce del buon senso Se è infatti pur vero che il lavoro è parte costitutiva della vita dell’uomo (lo ricordava anche San Benedetto, con il suo motto «Ora et labora»), è altrettanto vero che oggigiorno non tutti i lavori sono rispettosi della dignità delle persone (sia in termini di attività, sia di orari e retribuzione) e che viviamo una schizofrenia collettiva per cui si “è” solo in relazione a quanto “si produce“: un fatto, questo, che in certi soggetti rivela un disagio a livello psicologico, per cui l’inconscio li “costringe” a lavorare per colmare il bisogno di ammirazione che magari il padre o la madre non hanno mai dato loro, o meccanismi simili.

Il punto, in definitiva, è che occorre tornare a mettere le giuste priorità. Riprendendo il motto benedettino citato sopra, prima c’è la preghiera, poi il lavoro e il tutto è scandito da ritmi stabiliti, che contemplano anche il riposo fisico e la ricreazione spirituale. Traducendo tutto questo nell’oggi, significa che (quantomeno) la domenica una persona deve privilegiare la famiglia e gli affetti al lavoro, che rimane un aspetto certamente importante e necessario del vivere, ma che non deve assumere il primo posto e arrivare a informare ogni nostra giornata, perché questo porterà presto o tardi alla malattia: spesso fisica – si pensi a tante malattie psicosomatiche o stress-correlate – ma anche, e soprattutto, interiore, con un inaridimento della nostra umanità.

La domenica è per la persona, è per la famiglia, è per il riposo, è – per chi crede – per Dio. Per le compere, ci si può certamente organizzare in altro modo.

Giulia Tanel

Sostieni Pro Vita
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 4,00 out of 5)
Loading...

2 Commenti, RSS

  • Alessandra L.

    dice su:
    13/09/2018 alle 13:16

    Il negoziante che tiene aperto la domenica, forse lo fa proprio per la sua famiglia.
    È bello immagine i tempi che furono, quando si lavorava dal lunedì al sabato e la domenica ci si riuniva con tutti i parenti per il pranzo domenicale. Ma oggi ci sono tante realtà diverse. La madre spesso lavora, e se fa la spesa della settimana o rinnova il guardaroba ai figli la domenica è perché, magari, non ha altre possibilità.
    Chiudere i negozi la domenica non riporta indietro l’orologio, aggiunge solo disagio a disagio.

  • Giuseppe Fortuna

    dice su:
    14/09/2018 alle 20:49

    È un problema mal posto dall’inizio. Noi abbiamo bisogno come consumatori dei negozi aperti la domenica perchè siamo costretti a lavorare come ciucci tutti gli altri giorni. Il problema va risolto a 360 gradi. E vogliamo parlare di tutti gli impianti produttivi?!?! Che male hanno fatfo gli operai rispetto ai commessi?
    Chiudere i negozi la domenica lasciando immutata la mentalità corrente sul lavoro settimanale è inutile e dannoso per molti. Anche i sindacati dovrebbero pensarci due volte…
    Piuttosto imponete un orario fisso per tutti come era 50 anni fa.

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati