Attendere prego

Home Page > Famiglia e Economia > Gender a scuola: ecco il dossier curato da ProVita
banner_dossier_scuola_gender

Molti dicono che il gender non esiste e che siamo visionari.

Alcuni dicono che vediamo il male dove non c’è e che vediamo questo “diavolo di gender” in attività ludiche e serene proposte a bambini e ragazzi per insegnar loro a vivere pacificamente nel rispetto e nell’armonia reciproca.

Allora abbiamo raccolto in un dossier una serie di documenti, progetti, e iniziative di cui abbiamo avuto notizia e che in modo chiaro si ispirano alle teorie del gender e/o dell’omosessualismo.

Potete consultarlo cliccando su banner a destra nella homepage del nostro sito.

Potete leggere con i vostri occhi e valutare col vostro cervello.

Se siamo visionari, continuate a mandare i vostri figli a scuola sereni e dormite tra due guanciali. Siamo contenti per voi.

Bludental

Se invece anche a voi sembra che queste iniziative siano intrise di ideologie anti umane e diseducative, se anche voi ritenete che in certi ambiti la scuola deve lasciare il primo posto alla famiglia (perché nei paesi veramente democratici la scuola non indottrina, ma informa e dà ai giovani quelle competenze specialistiche che la famiglia non può dare: trasmette certamente anche valori, ma soprattutto e principalmente nozioni, conoscenze, competenze, abilità), allora potete fare due cose:

1) informarci se venite a conoscenza di altri casi, così che possiamo aggiornare costantemente il dossier (aggiungeremo solo casi chiaramente ispirati al gender e/o all’omosessualismo, ai quali possono essere attribuiti data, luogo, descrizione e fonte certa);

2) venire in piazza con noi, a Roma, il 20 giugno, per tutelare la crescita serena ed equilibrata dei nostri bambini.

Redazione

Sostieni Pro Vita

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

2 Commenti, RSS

  • alice delfino

    dice su:
    26/06/2015 alle 12:02

    Sono favorevole ad un’educazione che lascia il primo posto alla famiglia…ma sappiamo quanto sia difficile nei tempi che viviamo e soprattutto con le difficoltà che le famiglie vivono in particolare durante la fase adolescenziale dei propri figli.
    Faccio parte del TeenStar e spero di portare un contributo di educazione all’affettività che, con il supporto e la collaborazione dei genitori, possa contribuire alla “sana” crescita integrale dei giovani.

    • MADDALENA BETTANESI

      dice su:
      20/07/2015 alle 04:11

      SCUSI SIGNORINA ALICE….E QUINDI? DOVE VUOLE ARRIVARE CON QUESTO SUO INTERVENTO?? HA LETTO IL DOSSIER???

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati