Attendere prego

Home Page > Famiglia e Economia > Gender, queer o a-gender, affinché ‘il binario bruci’
binario_ferrovia_gender

L’ideologia gender vuole brucare il binario.

Ma non stiamo parlando del binario della ferrovia: si tratta del sistema binario che regge il mondo: maschio e femmina, XY e XX.

Non siamo noi di ProVita – i soliti visionari che vedono i fantasmi ovunque! – a sostenerlo: sono concetti espressi nero su bianco dalla letteratura LGBTQIA(…).

Un noto attivista transessuale, Riki Wilchins, ha scritto un articolo sulla rivista LGBT “The Advocate“, che spiega qual è il senso e lo scopo della tragicomica battaglia legale sui WC neutri che si sta sempre più seriamente combattendo in USA.

Non è una battaglia che serve all’emancipazione dei trans, tutto sommato. E’ una battaglia necessaria a raggiungere lo scopo finale che è quello di liberarsi radicalmente della struttura binaria che pervade la nostra società: Vinceremo la battaglia dei bagni quando il binario brucerà”, si intitola il suo articolo.

Molte persone sono gender-queer, o  comunque ‘non-binarie’, ha scritto Wilchins. Persone che hanno il diritto di essere indicate con il pronome ‘loro’ o ‘hir’ o ‘zer’ (in inglese ‘lei’ sarebbe her e ‘lui’ sarebbe him).

Ma l’ideologia gender, figlia del nichilismo e del relativismo, mira a distruggere del tutto il concetto di separazione insito – anche etimologicamente – nell’identità sessualta di ciascun individuo: identità che distingue e attrae e quindi genera.

Il fatto che gli ideologi del gender proprio non sopportano è che la società sia strutturata in modo ‘binario’, cosa che vorrebbero modificare. Parlano di questo scopo finale almeno dal 1970, all’epoca del movimento della liberazione dei gay che si inseriva nel più ampio movimento di ‘liberazione sessuale’ dell’epoca.

L’intenzione è demolire antropologicamente i concetti di maschile e femminile.

Una società in cui il sesso biologico non fosse più riconosciuto sarebbe un incubo, soprattutto per le persone in età evolutiva, bambini e adolescenti.

L’identità di ciascuno di noi è sessuata. Se non riconosciamo la nostra identità sessualta non possiamo riconoscere noi stessi. Diventiamo deboli, incerti, insicuri.

L’umanità asessuata diventa una società de-umanizzata in cui non ci sarà più ‘madre’  o ‘padre’ o ‘figlio’ senza il permesso dello Stato. La famiglia sarà del tutto finita.

Le distinzioni sessuali sono il germe di tutte le relazioni umane. Abolirle legalmente è un atto di violenza contro i bambini, perché servirebbe a separarli dalle loro origini.

Fonte: LifeSiteNews

Redazione


DONA IL TUO IL 5×1000 A PROVITA! Compila il modulo 730, il CUD oppure il Modello Unico e nel riquadro “Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale e delle associazioni di promozione sociale” indica il codice fiscale di ProVita94040860226. GRAZIE!

Sostieni Pro Vita

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

2 Commenti, RSS

  • Progetto GenrderQueer

    dice su:
    23/04/2017 alle 14:57

    Ciao a tutti.
    A prescindere da una citazione detta, forse, da una sola persona, voglio fare un importante chiarimento sul binarismo e non binarismo.
    Esso non riguarda nè il sesso, nè la sessualità, nè il fare sesso. Riguarda i ruoli sociali di genere, e il fatto che essi siano socialmente concepiti e incoraggiati solo in aderenza allo stereotipo femminile o maschile.
    Il non binarismo invece propone che ogni persona possa scegliere la sua personale espressione senza “dover” aderire a uno stereotipo cristallizzato. Questo riguarda i comportamenti, le professioni, le passioni, gli interessi. Molte cose vengono chiamate “da maschio” o “da femmina” in modo arbitrario, e infatti nei vari tempi e luoghi cambia “chi” detiene quel ruolo.
    Non c’è bisogno di offendere o disprezzare. Abbiamo peni e vagine ma non devono determinare cio’ che ci va di fare.

    • Provita Razionalista

      dice su:
      19/10/2017 alle 09:24

      Signor* Progetto GenrderQueer, è giusto che non ci siano discriminazioni, ma ugual dignità non significa uguaglianza. Uomini e donne non sono uguali, e non è solo un organo sessuale a differenziarli. Dalla nascita persino il loro cervello presenta differenze architetturali (ci sono articoli in merito). Su un posto di lavoro non è discriminazione se a fare il bagnino escludo chi non sa nuotare o se per imbiancare escludo una persona perché cieca. Le differenze tra le persone ci sono e devono esser valorizzate e, perché no, ACCENTUATE. La persona che non sa nuotare magari è un ottimo ingegnere, la persona cieca invece cerco di introdurlo dove i suoi sensi spiccati possano eccellere. Così tra uomini e donne. Sono diversi che è giusto valorizzarlo anche sul lavoro. In famiglia poi sono complementari e ciò rende la convivenza possibile (2 conviventi identici si distruggono, pensi a 2 leader assieme o a 2 persone remissive assieme) ed è indispensabile per l’educazione dei figli. W il binari

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati