Attendere prego

Home Page > Aborto > La Buona Notizia #766 – Bimba salvata dal donatore
sangue_trasfusione_gravidanza_buona-notizia

La Buona Notizia di oggi ci parla di altruismo, ma anche di scienza buona e di speranza.

Protagonista una donna sudamericana residente a Milano: dopo un aborto spontaneo, rimane incinta una seconda volta e decide di farsi seguire dal Policlinico di Milano. Qui i dottori scoprono subito che «qualcosa non va: la donna – scrive Il Corriereha sviluppato degli anticorpi che aggrediscono i globuli rossi del feto. Questo perché ha un tipo di sangue molto raro, che si chiama “fenotipo Rh deleto”: si tratta di una condizione che varia molto in base alla popolazione, ma che comunque si verifica in meno dello 0,2-1% dei casi».

Dopo otto settimane di monitoraggio, la bimba mostra segnali di anemia. Serve un donatore per fare trasfusioni direttamente in utero. E la Buona Notizia è che il donatore, seppur così raro, è stato trovato – dal momento che era registrato in quanto donava il sangue periodicamente all’Istituto Nazionale Tumori – e la trasfusione è stata fatta, con grande beneficio per la bambina. E qui troviamo una seconda e terza “Buona Notizia”, come annotavamo in apertura: non solo, infatti, la scienza ha dimostrato di saper agire in favore della vita anche quando è ancora piccola e indifesa nel grembo materno (propria là dove, troppo spesso, viene uccisa); e questa vicenda è anche un inno alla speranza: la vita è speranza.

La bambina è stata fatta nascere con taglio cesareo alla 35esima settimana di gravidanza, senza bisogno di ulteriori trasfusioni: lei e la mamma stanno benissimo.

Seppure la nostra speranza sia che tutti i bambini possano nascere in salute e le loro mamme avere gravidanze fisiologiche e serene, la realtà dei fatti ci dice che non sempre è così: questi casi, tuttavia, speriamo di poterli commentare – come oggi – in una Buona Notizia.

A domani, con un’altra Buona Notizia!

Redazione

Fonte: Il Corriere della Sera


Segnalate alla nostra Redazione (qui i contatti) la vostra Buona Notizia! Può essere un articolo ripreso dal web o una vostra testimonianza… la condivideremo con tutti i Lettori!


AGISCI ANCHE TU! FIRMA LE NOSTRE PETIZIONI

NO all’eutanasia! NO alle DAT!

Sostieni Pro Vita
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati