Attendere prego

Home Page > Famiglia e Economia > M5s, replica del Congresso Verona/Brandi e Coghe: «Da Di Maio & Co. qualunquismo da Cetto La Qualunque»
Di-Maio

COMUNICATO STAMPA

M5S, niente simbolo a chi sceglie idee Congresso Verona

M5s, replica del Congresso Verona/Brandi e Coghe:
«Da Di Maio & Co. qualunquismo da Cetto La Qualunque»

 

Roma, 16 maggio 2019

«Ora basta. Al M5s che ha revocato il simbolo al candidato sindaco Cagliari per le “idee medievali” legate al Congresso di Verona rispondiamo così: ci porti un solo intervento fatto dai relatori in cui si sottolinea o teorizza l’idea di una donna ridotta a schiava o obbligata a stare a casa e a non lavorare. E l’obiezione di coscienza non è un’opinione, ma un diritto, quindi sull’aborto si può benissimo dissentire in democrazia. Adiremo le vie legali contro gli insulti ricevuti anche stavolta», hanno tuonato Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vicepresidente di Pro Vita & Famiglia e organizzatori del Congresso Mondiale delle Famiglie, dopo che al candidato sindaco di Cagliari Alessandro Murenu è stata revocata la certificazione e inibito l’uso del simbolo pentastellato per colpa delle idee di Verona.

«Con queste dichiarazioni il M5S si mostra come il peggio del qualunquismo e del giacobinismo alla Robespierre. Se il partito di Gigino Di Maio ha deciso di far intraprendere ai suoi la carriera politica di Cetto La Qualunque trovi altre menzogne e banalità da quattro soldi su cui fare campagna elettorale perché chi offende paga».

 

Ufficio Stampa di Pro Vita & Famiglia
e del Congresso Mondiale delle Famiglie

Sostieni Pro Vita
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (5 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

5 Commenti, RSS

  • Elisio Meli

    dice su:
    16/05/2019 alle 18:52

    Invece glorifica il candidato 5S di Bergamo che usa l’utero in affitto.
    CHI, COME LUI, APPROVA L’UTERO IN AFFITTO NON E CERTO MEDIEVALE: È SICURAMENTE PEGGIO DI UN TROGLODITA.

  • Domenico Bonvegna

    dice su:
    16/05/2019 alle 19:40

    Quello non si rende conto neanche delle conseguenze politiche culturali e storiche delle sue farneticazioni condide da crassa IGNORANZA…

  • Luigi Lauriola

    dice su:
    16/05/2019 alle 22:01

    I primi giudizi li ha dati più volte Berlusconi. Ora li possiamo dare noi che vediamo questo manichino non so da chi manovrato non sa cosa gli fanno dire. A cominciare da Medioevo sulla famiglia, a cominciare sul diritto di cittadinanza : forse la somma messa a disposizione è molto più alta. Allora pensa che la somma è un guadagno , ma non sa che è la somma presa in deficit dallo stato

  • Elena Palatini

    dice su:
    16/05/2019 alle 22:04

    Ma è incredibile…e costui si definisce cattolico!!

  • Tozzi Marino

    dice su:
    17/05/2019 alle 00:02

    Avendo 4 parrocchie, non posso partecipare alla Marcia per la vita, ma sono spiritualmente presente.
    Ho discusso con i soci del movimento per la vita di Forlì, perchè non capisco il motivo della non partecipazione ufficiale del Movimento per la vita italiano alla Marcia per la vita.
    Il motivo sarebbe nel fatto che lo stesso movimento, per tante cose benemerito, non è stato coinvolto nella organizzazione. Non so se le cose stiano così, ma mi pare che questo problema si potrebbe facilmente risolvere in un prossimo futuro.
    Per intanto si dovrebbe essere presenti, senza tanti distinguo. Il massimo comune divisore, cioè il diavolo, vuol mettere anche qui la coda. Auguri.

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati