Attendere prego

Home Page > Famiglia e Economia > Verona 2019: un’occasione unica per le famiglie italiane e del mondo
WCF newsletter_Verona_Congresso_famiglia

Guarda a Nord-Est ma, soprattutto, a Est, il prossimo Congresso Mondiale delle Famiglie. Verona, che ospiterà l’evento presso il Palazzo della Gran Guardia, dal 29 al 31 marzo 2018, è la città simbolo del rinnovato impegno pro life italiano. L’amministrazione scaligera, infatti, con mozione votata a larga maggioranza, si è autoproclamata Città a favore della vita, impegnandosi in provvedimenti per il rilancio demografico e la limitazione del ricorso all’aborto, e proponendosi come Comune all’avanguardia e punto di riferimento per tutte le comunità pro life nazionali.

Politici, associazioni e rappresentanti della società civile si confronteranno per tre giorni sui seguenti temi: la bellezza del matrimonio; i diritti dei bambini; ecologia umana integrale; la donna nella storia; crescita e crisi demografica; salute e dignità della donna; divorzio: cause ed effetti; politiche aziendali per la famiglia e la natalità. Il Congresso Mondiale delle Famiglie, si concluderà con una marcia delle famiglie per la famiglia, nel centro di Verona, nel primo pomeriggio di domenica 31 marzo.

Tra i soggetti aderenti: il Comitato Difendiamo i Nostri Figli; Generazione Famiglia; Pro Vita Onlus; CitizenGO; il vicepremier Matteo Salvini; la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni; il sindaco di Verona, Federico Sboarina; il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia; il ministro per la Famiglia e la Disabilità, Lorenzo Fontana. Molte le presenze dall’Europa dell’Est: il presidente della Moldavia, Igor Dodon; il segretario di Stato e Ministro per la Famiglia ungherese, Katalin Novak, l’ambasciatore polacco in Italia, Konrad Glebocki. Da segnalare, tra i rappresentanti ecclesiastici, Sua Beatitudine Ignace Joseph III Younan, patriarca della Chiesa Siro-Cattolica, e il fondatore e presidente dell’associazione Meter, don Fortunato Di Noto.

L’esperienza dei Paesi dell’Est risulterà di notevole interesse, in considerazione del successo delle loro politiche demografiche, in particolare in Ungheria, la cui prassi potrà risultare utile a Paesi particolarmente in crisi come l’Italia. È proprio l’Italia, in quanto nazione ospitante, a essere investita di una significativa responsabilità: siamo probabilmente il Paese europeo più indietro in fatto di politiche familiari e, al tempo stesso, siamo il Paese dove, da sempre, la famiglia è più antropologicamente radicata e, più che altrove, riveste funzioni di vero e proprio welfare e ammortizzatore sociale.

Inoltre, se è vero che, con l’attuale governo, i pericoli di una deriva a-valoriale e dannosa per la famiglia sono momentaneamente dietro l’angolo, è anche vero che l’ideologia del gender e della maternità surrogata continuano a essere veicolati dagli istituti educativi, dai media e dalla magistratura, inducendo a non abbassare la guardia e a elaborare strategie di “attacco” e non più solamente di “difesa”. Alla luce degli scenari descritti, Verona 2019 rappresenta un’occasione unica, un treno che sarebbe un peccato perdere.

Luca Marcolivio

La voce del buon senso

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

3 Commenti, RSS

  • Francesco Caterisano

    dice su:
    17/01/2019 alle 05:12

    Congratulazioni per quanto.lodevole,la famiglia deve esser spre al primo posto

  • romagnoni carlo maria

    dice su:
    17/01/2019 alle 16:06

    Se esistiamo è perché abbiamo un padre e una madre
    Se ragioniamo secondo il reale è perché abbiamo avuto una famiglia
    Se siamo positivi è perché la nostra famiglia era fondata sulla roccia
    La battaglia per la vita fa parte di noi.

  • Alberto gaspari

    dice su:
    22/01/2019 alle 18:21

    Avete il mio pieno appoggio . Vi ringrazio per queste iniziative e spero ne seguano altre …

  • Silvia De Angelis

    dice su:
    16/03/2019 alle 13:11

    perche’ tanti si accaniscono nei confronti di ciò che è legge naturale da cui tutti dipendiamo? Perche’ non dialogare con chi difende senza attaccare? Da che parte si trova realmente la violenza delle idee? Grazie a tutti coloro che parteciperanno…anche in mio nome.

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati