Attendere prego

Home Page > Famiglia e Economia > Violenza social: classico esempio di mondo rovesciato
social _media_uomo_violenza

Perché tanto rancore, tanta violenza verbale, tanta ostilità? È quello che viene spontaneo chiedersi leggendo certi commenti social che sono stati postati sui profili Facebook, Twitter e Instagram (alla fine hackerato) delle associazioni Pro Vita e Generazione Famiglia che hanno organizzato la “campagna choc” contro l’utero in affitto. Insulti a non finire per quei manifesti affissi a Roma, Torino e Milano per denunciare come i bambini non possano essere trattati al pari di merce da vendere.

L’immagine dei due ragazzi raffigurati mentre spingono un carrello con dentro un bambino disperato comprato dalla coppia formata da genitore 1 e genitore 2 deve aver colto nel segno a giudicare da così tante reazioni scomposte. E non deve essere neanche passata inosservata la scritta “Due uomini non fanno una madre. #StopUteroinAffitto“, che sicuramente ha condensato meglio di tante parole il messaggio che si voleva lanciare.

Ecco così che, a una campagna in difesa del diritto dei figli ad avere il papà e la mamma, ancora una volta si è risposto scegliendo l’arma dell’intolleranza, dell’insulto, della denigrazione, a dimostrazione di come forse i fautori dell’utero in affitto non abbiano poi solidi argomenti per controbattere al messaggio choc di quei manifesti. Circa un anno fa è uscito nelle sale cinematografiche italiane un film della regista Michela Andreozzi intitolato Nove Lune e mezza, che di fatto promuoveva, in un colpo solo, l’utero in affitto e la famiglia omosessuale, ridicolizzando i cattolici; la famiglia naturale veniva raffigurata come destinata al fallimento e all’infelicità, a differenza delle coppie gay dove i figli invece apparivano felicissimi di vivere con due papà. Figli ottenuti naturalmente con l’utero in affitto. Nessuno del mondo pro life ha reagito con quella violenza verbale, nessuno ha minacciato o insultato la regista.

Invece nel caso dei manifesti di Pro Vita e Generazione Famiglia è subito scattata la censura, con la Giunta capitolina del sindaco Virginia Raggi, corsa immediatamente a ordinarne la rimozione (ma di documenti ufficiali fino al 18 ottobre neanche l’ombra).

Strano Paese l’Italia, dove viene insultato, minacciato e censurato, chi osa denunciare una pratica del tutto illegale. Perché alla fine di questo si tratta. L’utero in affitto è vietato dalla legge, eppure ci sono coppie gay che vanno tranquillamente in televisione a vantarsi di essere diventati genitori grazie al ricorso a questa pratica, recandosi in America o laddove è possibile accedervi.

Un classico esempio di mondo rovesciato dove chi difende la legalità e si ostina a tutelare i diritti dei bambini è discriminato, o peggio ancora silenziato. Come nel caso della rimozione dei manifesti. Per il sindaco Raggi i bambini si offendono riproducendoli su di un cartellone e non trattandoli come un prodotto da magazzino che si può tranquillamente ordinare e comprare. «I figli non sono di chi li fa, ma di chi li cresce», si ostinano a ripetere i fautori della maternità surrogata. In base a questo principio si è finiti per sancire il principio che il legame materno è soltanto un inutile dettaglio destinato a non influire minimamente sulla crescita psicologica del neonato. E si è arrivati persino al paradosso di affermare che un bambino può crescere meglio in una famiglia con due papà o con due mamme perché le figure genitoriali sono soltanto un fattore culturale, non antropologico. Come si può negare l’evidenza, ossia che un figlio non può nascere da genitori dello stesso sesso e che la famiglia omogenitoriale è in aperto contrasto con il progetto naturale della vita? Ma c’è solo l’insulto, c’è solo la minaccia, c’è solo l’odio verbale e la pretesa di negare all’altro il diritto di esprimere le proprie idee quando si toccano certi argomenti. La storia insegna che il pensiero unico si impone con la forza e la violenza, proprio laddove è impossibile dimostrare la sua assoluta indiscutibilità.

Americo Mascarucci

La voce del buon senso

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

2 Commenti, RSS

  • Little Angel

    dice su:
    21/10/2018 alle 10:04

    Ma i bambini adottati …. direi che senza la madre biologica , i figli sono davvero di chi li cresce ( quindi state sminuendo il rapporto tra una coppia di genitori che magari ha adottato a distanza il loro bambino , o magari una mamma che ha fatto di tutto per avere a casa il suo piccolo ).
    Pero alla fine lo avete ammesso , piu che contro l’utero in affitto , siete contro la famiglia omogenitoriale ( sapete che ci sono anche coppie etero che ricorrono all’ utero in affitto , e anche molto piu delle coppie omosessuali … anche perche in paesi come l’india e la russia , dove è praticata la GPA , i gay non possono comunque accedervi. )

    • Redazione

      dice su:
      21/10/2018 alle 10:45

      L’utero in affitto è una crudele e turpe pratica disumana che abbiamo sempe condannato da chiunque sia fatta. La cosiddetta omogenitorialità ne è solo un corollario. In questo caso il bambino, oltre a essere strappato dalla madre che l’ha tenuto in grembo nove mesi, viene cresciuto senza una figura di riferimento femminile.

      Nel caso dell’adozione, ripetiamo ancora una volta, cambia tutto:
      1 – Il bambino adottabile ha già subito un trauma per la morte o l’abbandono: gli adottanti cercano di rimediare – in parte – al trauma; con l’utero in affitto o con la fecondazione artificiale la coppia organizza in modo premeditato e volontario il trauma affettivo del futuro orfano di madre o di padre; in ogni caso, anche gli etero, con che coraggio andranno a spiegare al bambino che loro l’hanno comprato su ordinazione e che la vera madre se l’è venduto?
      2 – Anche l’adozione non è per tutti: le coppie selezionate devono dare stabilità ed equilibrio al bambino adottabile (traumatizzato). Devono dimostrare di non volere il bambino per sé, ma di voler dare se stessi al bambino. Devono offrirgli un punto di riferimento maschile e femminile per dargli il massimo possibile, visto ciò che le disgrazie gli hanno già tolto. Non devono mai mentire al bambino, spiegandogli bene – fin da piccolo – che loro sono mamma e papà adottivi, non mamma e papà tout court.

      Il bambino non “è di chi lo cresce”. I bambini non “appartengono” agli adulti. I bambini sono persone, non cose o animali.

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati