Attendere prego

Home Page > Filosofia e morale > Alfie ha riportato alla luce il mercato di organi
risuscita_espianto_organi_vita

Il fatto che esista un mercato di organi, a discapito della vita delle persone, non è una novità.

Tuttavia il caso del piccolo Alfie Evans ha portato alla luce il fatto che il business sugli organi, esportati anche a persone vive, e sui successivi trapianti è più vasto e territorialmente diffuso di quanto si poteva supporre: in Inghilterra (dove pare che siano stati esportati illegalmente 16.500 organi, in 25 ospedali) e in America le sepolture di persone senza organi e le dichiarazioni di “morte cerebrale” si moltiplicano, salvo poi essere smentite – nei casi fortunati e dove le famiglie sono più tenaci nel resistere – dal fatto che i pazienti si “risvegliano”.

Di tutto questo ha parlato in maniera molto approfondita Benedetta Frigerio, in un articolo apparso su La Nuova Bussola Quotidiana. Riportiamo la parte contenente alcune testimonianze per dare prova dell’evidenza: non si tratta di casi “miracolosi”, bensì di situazioni normali in cui i medici hanno tradito la propria vocazione a vantaggio del profitto.

Alfie, il mercato d’organi e la bugia della morte cerebrale

«[…] Sei anni dopo lo scandalo <inglese> (nel 2006), il chirurgo Hootan C. Roozrokh fu denunciato in California per aver prescritto dosi eccessive di farmaci cercando di accelerare la morte di un donatore di organi, Ruben Navarro. Il caso emerse solo perché un’infermiera dichiarò che nonostante la rimozione della ventilazione il ragazzo non moriva per cui il medico aveva ordinato di aumentare la dose letale di farmaci. Dalle indagini emerse anche che il chirurgo era in contatto costante con il California Transplant Donor Network.

Si potrebbe pensare che sia un caso, ma il business miliardario dei trapianti (circa 32 miliardi nel 2017) fa quantomeno venire qualche dubbio, insieme alla vicenda emersa solo una settima dopo la morte di Alfie, di un 13enne dichiarato cerbralmente morto (Trenton McKinley, ne scrivemmo qui) che si è risvegliato appena prima dell’espianto di organi. […]

“Sapevo che mio figlio non era cerebralmente morto. Sapevo che mio figlio non era un vegetale”, sono le parole di George Pickering che nel 2015 salvò dalla morte suo figlio usando una pistola. Pickering entrò nella stanza del figlio, ricoverato presso il Regional Medical Center di Tomball (Texas) in seguito ad un ictus, minacciando di uccidersi. Poi di fronte alle guardie e ai medici parlò all’orecchio del figlio, ventilato e che fino ad allora non aveva reagito ad alcuno stimolo o test e il cui elettroencefalogramma era piatto, e gli chiese di stringergli la mano. Il giovane lo fece per ben quattro volte. L’uomo ha raccontato della pressione da parte dell’ospedale per l’espianto di organi del 27enne. I macchinari non furono spenti e il ragazzo si riprese. Nonostante si trattasse di legittima difesa di un vivo, Pickering passò 11 mesi in carcere.

Nel 2013 anche Colleen S. Burns, dichiarata cerebralmente morta dall’ospedale Joseph’s Hospital Health Center di Syracuse (Ny) dopo un overdose di farmaci sul lettino della sala operatoria dove avrebbe subito l’espianto di organi ha aperto gli occhi. Il ministero della Salute americano disse che i medici avevano ignorato il parere di un’infermiera convinta che Burns non fosse morta. Per l’errore l’ospedale ha pagato 6 mila dollari.

Ma non è questa la sola volta che un paziente si è svegliato appena prima della “donazione” dei suoi organi. Nel 2008 Zack Dunlap, allora 21enne, fu ricoverato dopo un incidente stradale presso il United Regional Healthcare System di Wichita Falls (Texas). Circa 36 ore dopo fu eseguita una Pet al cervello e altri esami che accertarono l’assenza di attività cerebrale. Il giovane fu dichiarato morto e siccome la sua patente di guida riportava la volontà di donare gli organi, la famiglia diede il permesso per l’espianto. Poco prima dell’operazione, però, una cugina provò a mettere una lama sulla pianta del piede del ragazzo, il giovane si mosse ma l’infermiera si affrettò a dire che si trattava di un movimento riflesso. La cugina continuò conficcando la lama sotto l’unghia del piede per cui il giovane si mosse di nuovo con stizza. Cinque giorni dopo Dunlap aprì gli occhi e dopo un mese e mezzo camminava: “Ho sentito i medici che mi dichiaravano morto…ringrazio i miei parenti che che non hanno mollato”.

Nel 2012 il padre di Stephen Thorpe, allora 17enne, in coma farmacologico dopo un incidente, si oppose ai medici che, dopo aver dichiarato la morte cerebrale del figlio, volevano procedere all’espianto di organi. L’uomo domandò il parere di un secondo neurologo e di un medico di base che si opposero alla diagnosi chiedendo l’interruzione del coma farmacologico. Dopo 5 settimane il ragazzo si svegliò. “La mia impressione – dichiarò poi Thorpe al Daily Mail – è che l’ospedale non fosse molto contento della richiesta di mio padre di un secondo parere”. I giornali laicisti si affrettarono a giustificare la diagnosi smentita parlando di miracolo. Anche Taylor Hale, dichiarata morta nel 2011 a 14 anni, parla di miracolo. Ricoverata al Des Moines’ Blank Children’s Hospital (Iowa), peggiorò dopo un’emorragia cerebrale. I medici dissero alla famiglia “non possiamo fare più nulla per lei, dovreste cominciare a pensare ai funerali”. La ragazza fu privata della ventilazione, dopo due ore il medico si rimangiò tutto: “Non sappiamo come spiegarcelo, ma respira da sola”.

Ma siamo sicuri che siano miracoli? Jimi Fritze, svedese, 46 anni, ricorda ancora quando, ricoverato nel 2012 in seguito ad un ictus, sentì i medici discutere della possibilità della donazione di organi solo perché il suo cervello appariva profondamente danneggiato e perché respirava con l’ausilio dei macchinari. Oggi l’uomo ha recuperato bene e ha denunciato l’ospedale.

Anche Sam Hemming, 22 anni, inglese, si è laureata nel 2016 dopo essere stata dichiarata morta. Sempre in seguito ad un incidente la giovane fu trasportata allo University Hospital in Coventry. Erano passati 19 giorni quando fu dichiarata cerebralmente morta per cui i medici decisero di spegnere la ventilazione. Ma al momento di procedere un medico accidentalmente toccò il piede della ragazza con un panno gelido, producendo il movimento del pollice di fronte agli occhi dei suoi genitori. Qualche giorno dopo Hemming ricevette la tracheotomia, finché non si è ripresa del tutto ricominciando a respirare da sola. Prima di procedere alla rimozione della ventilazione i medici avevano fatto tutti i test e i risultati attestavano l’assenza completa dell’attività cerebrale.

Il business della vendita di organi

I casi riportati parlano da sé.

Le domande che occorre invece porsi sono differenti e interessano un livello ideale: com’è possibile che la nostra società sia regredita a un livello di umanità talmente basso da non avere remore nel sacrificare la vita altrui per denaro? Com’è possibile che tutto questo non generi reazioni, ma passi nella quasi totale indifferenza? Ancora: come possono dei medici tradire a tal punto la loro missione? Infine: quale sforzo sarà richiesto nel prossimo futuro alle persone e famiglie che non intendono adeguarsi a questo stato di cose, ma che saranno chiamate a vigilare e combattere per la vita dei propri cari?

Redazione

Sostieni Pro Vita

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati