Attendere prego

Home Page > Filosofia e morale > “Dal cuore all’immensità”: il nuovo video di Roberto Bonaventura che innalza gli “ultimi”
Roberto-Bonaventura_TrinitArt_Pinto_down

Dal cuore all’immensità: quando l’Arte è a servizio della Bellezza, quella vera, non può che creare occasioni di riflessione profonde e significative. Stiamo parlando dell’ultimo video prodotto per TrinitArt dal maestro Roberto Bonaventura che, con parole e musica imbastite e tessute  in modo virtuoso, lancia un messaggio importante al mondo dell’Arte e agli artisti tutti: l’invito a ritornare all’essenziale, al senso stesso dei talenti ricevuti mettendoli a servizio della Vita nella sua interezza e verità, a partire dalla difesa della vita nascente (a questo proposito ricordiamo il video Le Vite, prodotto dallo stesso artista alla valorizzazione di quelle esistenze considerate, in una società che sembra uscita da una sorta di “romanzo eugenetico”, meno “degne di essere vissute” di altre).

È proprio questo il messaggio del video che ha come protagonista una bambina con sindrome di Down, Valentina, che sembra fare un sogno bellissimo, ma che poi si rivela essere realtà, ritrovandosi d’improvviso come catapultata in un teatro dove ascolta rapita la canzone scritta e musicata dallo stesso Bonaventura, interpretata in modo sorprendente dalla tredicenne Federica Pinto. Un canto che è un inno all’amore vero, quello incondizionato, che non conosce limiti temporali, che si dona senza riserve anche, anzi, soprattutto, a quelli che oggi sono considerati, nella nostra società edonistica, “gli ultimi”.

Un concetto espresso a chiare lettere e in modo toccante e poetico dal ritornello: «Sulle ali dell’Eternità io ti amerò, come non ho fatto mai perché tu sei l’unica meta del mio viaggio che dal cuore giunge all’Immensità». E proprio sulle ali di questa armoniosa canzone, le due giovani protagoniste, compiono insieme un breve ma intenso viaggio che le conduce dapprima in una chiesa, dove si fermano a pregare e poi in un giardino che sembra fiabesco. È la stessa Valentina a prendere per mano la giovane cantante: un gesto simbolico, con cui Bonaventura intende rappresentare l’Arte che si lascia condurre con umiltà dalla Vita e si cala in essa, nei suoi aspetti più veri che ha il compito di esprimere e servire.

Un messaggio importante messo in risalto dalla voce intensa e pulita della giovane cantante Federica, di cui Bonaventura sottolinea anche la straordinaria capacità dimostrata nel sapersi rapportare con Valentina, durante le riprese, donandole affetto, cura e attenzioni sincere e che si augura possa essere conosciuta ancora, varcando sempre nuovi palcoscenici.

Insomma, come ha avuto modo di affermare anche in altre occasioni, Roberto Bonaventura considera i doni ricevuti «talenti che devono essere trafficati per innalzarsi e innalzare», perché si trasformino in semi che diano frutti di Bellezza, di quella Bellezza che, come ha detto qualcuno, «salverà il mondo» e questo video ne è la chiara testimonianza.

Manuela Antonacci

La voce del buon senso

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

Un Commento, RSS

  • Marilena Maffioletti

    dice su:
    13/02/2019 alle 01:08

    Sono la mamma di Giorgio, persona con sindrome di Down di 39 anni.
    Iscritta AIPD, non sono d’accordo con la vostra adesione a Pro vita.
    Ritengo la vostra scelta contraria al principio di neutralità politica che l’associazione dovrebbe garantire.

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati