Attendere prego

Home Page > Filosofia e morale > Eutanasia: come banalizzarla in un film
Mita_Tova_eutanasia_film

Al Lido di Venezia si fa strada un piccolo film israelo-tedesco, si tratta di ‘Mita Tova’ (‘The Farewell Party’) di Sharon Maymon e Tal Granit, sul tema dell’ eutanasia .

Ambientata a Gerusalemme, i protagonisti sono un gruppo di amici intenti a costruire un macchinario per aiutare un amico a compiere il passo estremo. La voce si sparge e molte altre persone vorrebbero usufruire dei servigi prestati dalla macchina concepita in modo che sia il malato stesso, tramite pulsante, a darsi la morte.

Una tragedia, nascosta dallo stile ironico della pellicola.

Il lungometraggio racconta le reazioni dei vari pazienti tra cui la moglie dell’inventore della macchina della morte, che mostra primi segni della demenza: l’unica voce  contraria a questa pratica omicida è quella di una demente. 

Il ‘boia’ è anche ipocritamente non direttamente coinvolto dall’azione vera e propria dell’uccidere, perché il pulsante lo preme il malato, trasformato così da vittima a carnefice di se stesso.

Stesso principio che vale  per certe macchine americane per i condannati a morte che, per evitare al boia-medico-infermiere-Stato di sentirsi omicida, automaticamente fanno partire in maniera casuale l’iniezione letale…

Anche in questo caso assistiamo alla banalizzazione di temi etici di enorme rilevanza, come già avvenuto per l’altro film in programmazione nelle sale americane riguardo l’aborto.

Redazione

Fonte: Quotidiano Nazionale

 

Blu Dental

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati