Attendere prego

Home Page > Filosofia e morale > «I diritti umani sono di tutti!»: gli USA lasciano l’UNHRC
OHCHR_logo_diritti umani_aborto

L’amministrazione Trump ha ribadito che gli Usa lasceranno il Consiglio dei diritti umani dell’Onu (UNHRC).

L’ambasciatrice Nikki Haley ha rilevato che il consesso Onu, composto da 47 membri delegati da altrettanti Stati, è «un protettore di chi viola i diritti umani  fondamentali e un pozzo nero di pregiudizi politici».

La Haley aveva minacciato il ritiro della delegazione Usa l’anno scorso e la decisione è maturata dopo un anno in cui «non abbiamo visto alcun progresso».

L’ambasciatrice Usa sottolinea che l’impegno del suo Paese  in materia di diritti umani non diminuisce e non muta, anzi. «Facciamo questo passo perché il nostro impegno non ci consente di rimanere parte di un’organizzazione ipocrita e autoreferenziale che si fa beffe dei diritti umani».

Il comitato per i diritti umani dell’ONU ha in effetti una lunga storia di negazione del primo di tutti i diritti umani, il diritto alla vita dei  bambini prima della nascita.

Da anni cerca di far annoverare il “diritto” all’aborto tra i diritti fondamentali (finora l’Assemblea Generale ha respinto le sue risoluzioni), ha sempre stigmatizzato e condannato i Paesi come l’Irlanda che nel proprio ordinamento giuridico prevedevano la protezione della vita nascente; ha anche bacchettato l’Italia perché garantisce l’obiezione di coscienza dei medici (quando è dimostrato che essa non impedisce alle donne l’accesso all’aborto, si veda l’ultima Relazione ministeriale, a p. 51).

Gli Stati Uniti hanno chiesto inutilmente al Consiglio di espellere Stati che sistematicamente calpestano i diritti umani, come Venezuela, Cina e Arabia Saudita: evidentemente i diritti umani dei Cinesi per l’Onu non sono diritti umani. O forse i Cinesi non sono esseri umani?

Conclude la delegata Usa: «Non è nostro obbligo allinearci con un organismo internazionale che pretende di difendere i diritti umani, ma che sceglie gli umani che meritano questi diritti».

Redazione

Fonte: LifeNews

Sostieni Pro Vita
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

Un Commento, RSS

  • Marco Zeni

    dice su:
    28/06/2018 alle 14:38

    Quantomeno, rivendico il mio diritto di pensiero e soprattutto di azioni ritenute etiche, anche al di là di dettami religiosi che non guastano affatto (anche ?) fra i cosidetti “laici” (e cosa vuol dire pensiero “laico”?). Se un “laico” rivendica il “diritto” a negare – non osservare – la trascendenza di un credente, questo laico non può, comunque, in “forza” della ritenuta propria “ragione”, negare la scienza, perché, qui di scienza e di applicazione di scienza, si parla, salvo riempirsi la bocca della “scienza”, almeno laddove sembra comodo nei ragionamenti a compartimenti stagni del cervello…
    E’ sufficiente calarsi in quel minimo di nozioni sulla struttura della materia per cozzare nella necessità di assumere sentimenti di umiltà, rispetto, conoscenza, ecc. Non si gioca con ciò che non mi appartiene e men che meno con il mondo organico, con la vita, con quella vita umana che ha un inizio, un prosieguo, una nascita.
    Basta pertanto ipocrisie, elucubrazioni mentali, stermini.
    Marco

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati