Attendere prego

Home Page > Filosofia e morale > Il Dottor McHugh: il transessualismo è un disturbo mentale
transessualismo_disturbo psichico_impossibile cambio sesso

Il Dottor Paul R. McHugh, già capo al Dipartimento di Psichiatria presso il Johns Hopkins Hospital, è attualmente Professore Onorario di Psichiatria; ha affermato che il transessualismo è un “disturbo mentale” che merita trattamento, che il cambiamento di sesso è “biologicamente impossibile” e che le persone che promuovono l’intervento chirurgico di riassegnazione sessuale agevolano un disturbo mentale.

Il Dottor McHugh, autore di sei libri e almeno 125 articoli medici di alta valenza scientifica, ha fatto le sue osservazioni in un recente commento sul Wall Street Journal in cui ha spiegato che la chirurgia transgender non è la soluzione per le persone che soffrono di un “disturbo di ‘presupposizione’ “- l’idea che la loro mascolinità o femminilità sia diversa da ciò che la natura ha loro assegnato biologicamente.

Ha anche citato un nuovo studio in cui si mostra che il tasso di suicidi tra le persone transgender che hanno fatto un intervento chirurgico di riassegnazione è 20 volte superiore al tasso di suicidi tra le persone non transgender. Il Dottor McHugh evidenzia inoltre gli studi della Vanderbilt University e della London Portman Clinic, riguardo a bambini che avevano manifestato sentimenti transgender, ma che, nel corso del tempo, hanno “spontaneamente perso questi sentimenti” con una incidenza del 70% -80%.

Mentre l’amministrazione Obama, Hollywood, e i grandi media come la rivista Time promuovono il transessualismo come normale, ha detto il dottor McHugh, questi “responsabili politici e i media non fanno alcun favore né al pubblico né ai transgender, trattando le loro confusioni come un diritto da difendere piuttosto che come un disturbo mentale che merita comprensione, trattamento e prevenzione.”

“L’idea di disallineamento del sesso è semplicemente sbagliata – non corrisponde con la realtà fisica. Essa può portare a risultati psicologici spaventosi.”

Il disturbo della persona transgender, ha detto il dottor McHugh, è simile a quello di una persona che soffre di anoressia, che pur essendo di una magrezza pericolosa, si guarda allo specchio e pensa di essere sovrappeso.

La teoria che il genere è solo nella mente, indipendentemente della realtà anatomica, ha portato alcune persone transgender a fare pressioni per una accettazione sociale e una affermazione della propria soggettiva “verità personale”, ha detto il dottor McHugh. Di conseguenza, alcuni Stati come la California, il New Jersey e il Massachusetts hanno approvato leggi per bloccare gli psichiatri, anche quando, con il permesso dei genitori, tentano di ripristinare i sentimenti di genere coincidenti con la natura di un minorenne.

I sostenitori pro-transgender non vogliono prendere atto degli studi che dimostrano che una percentuale tra il 70% e l’80% di questi bambini che esprimono sentimenti transgender “spontaneamente perdono quei sentimenti” nel corso del tempo. Inoltre, coloro che hanno effettuato un intervento chirurgico di riassegnazione del sesso, anche se si dicono soddisfatti dell’operazione, non sono migliorati dal punto di vista dell’adattamento psicosociale rispetto a prima.

Dr. McHugh ha anche detto che ci sono dei medici che sbagliano, che lavorano con bambini molto piccoli che sembra imitino il sesso opposto: gli somministrano ormoni per ritardare l’età puberale e per far in modo che i successivi interventi di cambio di sesso siano meno onerosi – anche se i farmaci in questione bloccano la loro crescita e rischiano di provocare sterilità.

Tali cure sono veri e propri abusi sui minori, ha detto il dottor McHugh, visto che quasi l’80% di questi ragazzi, spontaneamente, chiariranno la loro confusione e cresceranno secondo il sesso assegnatogli dalla natura.

Il cambiamento di sesso è biologicamente impossibile. Le persone che si sottopongono a un intervento chirurgico per cambiare sesso non si trasformano da uomini a donne o viceversa. Piuttosto diventano uomini femminizzati o donne mascolinizzate. I disturbi mentali che hanno determinato la non accettazione di sé, del proprio corpo, restano e – anzi – spesso risultano accentuati.

Redazione

Fonte: cnsnews.com

banner-bussola-quotidiana

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 votes, average: 2,67 out of 5)
Loading...

17 Commenti, RSS

  • Fiorenza Balbi

    dice su:
    26/08/2014 alle 15:14

    finalmente qualcuno che ha il coraggio di parlare con un po di buon senso !!!!

    • michela m

      dice su:
      29/11/2017 alle 21:07

      io sono transgender. mi sentivo femmina fin da piccola e ora lo sono sia dentro che fuori, e sono felice.

  • Sean

    dice su:
    27/08/2014 alle 06:40

    Malato mentale è questo tizio qua ma a voi va bene tanto non importa che le persone stiano bene ma che voi abbiate ragione

    • Giovanni Bonini

      dice su:
      04/10/2014 alle 10:41

      dispiace sentire il suo commento, perché sta lottando, lei e molti altri contro una realtà, che psiche e corpo fanno parte della stessa persona e che la biologia, l’anatomia e la genetica, precedono l’aspetto educativo e culturale del gender.
      Se io desidero/sento di essere un gatto non può bastare che mi metta la coda per diventarlo.
      Il problema è che prima della malafede, c’è l’ignoranza di molti che non conoscono i meccanismi più ancestrali, e più nascosti della nostra psiche.
      Ma a lei non colpisce il fatto che ci sia una tendenza al suicidio 20 volte più frequente rispetto alla popolazione generale, e badi bene che questo non nella “secondo voi omofoba” Italia, ma nei paesi scandinavi e anglosassoni, gayfriendly da decine di anni?
      Sta/state combattendo contro l’evidenza piuttosto che farvi delle domande e darvi delle risposte. Vi state facendo male da soli, e state facendo male a tante altre persone con questo atteggiamento.

  • Gyanendra

    dice su:
    27/08/2014 alle 13:02

    Il Dott. Mc Hugh ha ragione da vendere: la verità, il buon senso sono molto semplici da capire e alla portata di tutti solo che come recita il proverbio: “Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire”.

  • roberta

    dice su:
    28/08/2014 alle 07:16

    Questo tizio come lo chiami tu ha probabilmente qualche nozione e qualche studio in più di te……

  • Luana

    dice su:
    28/08/2014 alle 13:51

    92 minuti di applausi!! e’ quello che penso anch’io, la transessualita’ e’ una grave malattia mentale!! il bello e’ che tutti questi trans sanno che non saranno MAI biologicamente del sesso che vogliono essere, quindi che motivo ci sarebbe nell’affrontare tutte queste inutili e costose operazioni? soldi che potevano essere spesi in ricerche contro il cancro e affini, anziche’ BUTTARE I soldi nel cercare di perfezionare questi abomini… DONNE E UOMINI SI NASCE, NON SI DIVENTA, SVEGLIATEVI, GENTE!!!!

  • sefora

    dice su:
    23/01/2015 alle 11:24

    Non si può sempre fare quello che si sente….i retaggi mentali sono talmente contorti che possono portarci allo sbando. Questo studioso parla con certezze che non arrivano da un pensiero , da un un punto di vista personale o da una sua personale filosofia, parla di fatti, di studi. Non è un opinionista è un esperto. Sta dicendo la verità e la verità libera , sempre.

  • Daniele

    dice su:
    15/02/2015 alle 05:09

    Io l’ ho sempre detto, omosessualità e transessualismo sono disturbi della personalità. Il problema è che non si sa come curarli, ammesso che esisterà mai un modo per farlo..

  • MAURO

    dice su:
    28/02/2015 alle 19:58

    L’ O.M.S. massimo organo medico scientifico terreno, ha dichiarato in modo certo, definitivo e incontrovertibile, dopo anni e anni di studi accurati e test che l’omossessualità è un DISTURBO della personalità, una sorta di turpe. BASTA FALSE ILLUSIONI e INGANNI non hanno più senso.

  • giovanni martino

    dice su:
    09/09/2015 alle 16:54

    è possibile conoscere se ci esistono psicologi nella Capitale che sostengono la teoria del prof. Mchugh? Ho provato da giorni sul web ma non si riesce a rintracciarne uno

    • FRP

      dice su:
      09/09/2015 alle 16:55

      Forse perché hanno paura. A dire certe cose , oggi, si rischia la pubblica gogna o l’ostracismo.

  • gino pilota

    dice su:
    07/06/2016 alle 14:36

    é possibile avere link o notizie sull’attività e sui titoli del dottr Paul R. McHugh?

  • Giuseppe pasolini

    dice su:
    18/01/2017 alle 13:06

    Se alla scienza non si impone il bavaglio essa è chiara nelle sue conclusioni.
    Si scontra, però, con i potenti, spesso vittime di mania di dominio e non di rado portati alla perversione (faccio quello che voglio è già una perversione) che , alleati a massonerie e lobby varie, hanno a libro paga le grandi istituzioni deputate al governo mondiale dalle quali dipendono anche le politiche degli stati. Questo genere di corruzione mondiale decide quale ideologia debba dominare nel mondo. oggi è la ideologia del gender con tutte le sue infiltrazioni che inquina il pensiero più diffuso. Dunque solo pochi coraggiosi riescono a far circolare le verità scientifiche di cui sono custodi, ma sono silenziati, minacciati e comunque sommersi da menzogne scientifiche che piacciono a tutti coloro che sono nella perversione di quel pensiero che vuol giustificare il “faccio quello che voglio”

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati