Attendere prego

Home Page > Filosofia e morale > In Francia l’obiettivo è: fecondazione artificiale per tutti. Ecco la legge
fecondazione artificiale

In Francia l’obiettivo è: fecondazione artificiale per tutti, comprese coppie lesbiche e donne single. «Il progetto di legge francese sulla procreazione medicalmente assistita è quasi pronto per la discussione in Parlamento», leggiamo su Life Site News.

La voce del buon senso Il testo, che dovrebbe essere presentato all’Assemblea nazionale entro il 26 luglio, offre l’accesso alla fecondazione artificiale a qualsiasi donna adulta, sia che abbia un partner del sesso opposto, sia che lo abbia del medesimo, sia che non lo abbia affatto. In poche parole, l’approvazione di una simile legge, che speriamo non avvenga, costituirebbe un passo ulteriore verso una ostinata ridefinizione del concetto di famiglia, la quale è, per natura, formata da un uomo, una donna e i loro figli.

La notizia di questo disegno di legge ci dà modo, dunque, di riflettere sulla pericolosità di tale pratica. A tal proposito, sono necessarie alcune considerazioni.

Anzitutto, la fecondazione artificiale, implicando il congelamento di embrioni (cioè vite umane, bambini), provoca la morte di molti di essi sin da quando si trovano ancora in provetta. E dal momento che per una sola pratica ne vengono utilizzati molti, muoiono anche tutti coloro che non sono riusciti ad impiantarsi nell’utero (in 40 anni, secondo la relazione annuale del Ministero della Salute, ne sono stati sacrificati più di 165.000).

Numerosi, inoltre, sono i rischi per la salute fisica della donna che si sottopone a questa pratica. Per citarne alcuni: tumore al seno, complicazioni immediate, sterilità, gestosi grave, ipertensione, emorragie, parto pretermine, parto cesareo, gravidanze plurime. Per non parlare, poi, dei rischi sociali. “Fabbricare” un bambino pur di averlo, porta a vedere necessariamente il figlio come un diritto e la negazione di questo diritto come una discriminazione.

E ora, se verrà approvata in Francia tale proposta di legge, essa, permettendo che donne single e coppie lesbiche possano avere bambini, sancirebbe, per così dire, l’inutilità della figura paterna, la cui eliminazione non recherebbe, certo, pochi danni alla crescita dei bambini.

Staremo a vedere cosa accadrà, rassicurati dal fatto che «La Manif pour Tous e altre associazioni si preparano alla battaglia contro la nuova legge sulla bioetica, soprattutto sulla base del fatto che sta deliberatamente promuovendo la “creazione” di bambini senza padre».

Luca Scalise

Sostieni Pro Vita

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 4,00 out of 5)
Loading...

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati