Attendere prego

Home Page > Filosofia e morale > L’eguaglianza che uccide
eguaglianza_USA_diritto-allaborto

Negli USA alcuni ritengono che il diritto all’aborto, libero, sempre, garantisca la parità fra i sessi

Siamo all’incapacità totale di considerare situazioni di fatto e dar loro un peso relativo. Negli USA gli attivisti del movimento in difesa dell’aborto legalizzato hanno estratto un nuovo coniglio dal cilindro: l’aborto sarebbe buono e giusto poiché baluardo della libertà dei sessi; a dover sopportare l’onere di una gravidanza – com’è ovvio – è sempre una donna.
Dato che gli uomini sono naturalmente dispensati da questo gravoso compito, bisognerebbe consentire – senza restrizioni, senza particolari motivazioni che giustifichino la scelta – a qualsiasi donna di abortire. Tu, uomo, non partorisci? Bene, nemmeno io. Evviva la parità dei sessi. Parrebbe il solito ragionamento all’americana, la solita sparata buttata lì. Lo sarebbe, se il Presidente Obama non avesse avvalorato questa immane bestialità rilasciando la seguente dichiarazione: “Dobbiamo essere certi che le nostre figlie abbiano gli stessi diritti, opportunità e libertà dei nostri figli di poter seguire i loro sogni.”
Ma sì, noi siamo in Italia. Noi abbiamo la Costituzione che prevede pacificamente che ci possano essere diversità – purché naturali, non imposte – tra essere umano ed essere umano, e che in tal caso sia compito dello Stato rimuovere qualsiasi ostacolo che possa impedire, a causa di queste, il pieno sviluppo della persona umana. Eguaglianza sostanziale, si chiama. E siccome la riproduzione è necessaria, pena l’estinzione del genere umano, nella nostra società è da escludere che la parità tra uomo e donna possa raggiungersi attraverso la soppressione di questa; semmai saranno adottati provvedimenti statali atti a tutelare le donne madri a livello economico, lavorativo e sociale. Abbiamo la scienza medica, che nel suo orientamento maggioritario riconosce l’inizio della vita umana fin dalla fusione tra uno spermatozoo e una cellula uovo. Abbiamo la nostra Corte di Cassazione, che in una Sentenza del 2009 afferma testualmente: “Il concepito, pur non avendo una piena capacità giuridica, è comunque un soggetto di diritto, perché titolare di molteplici interessi personali riconosciuti dall’ordinamento sia nazionale sia sovranazionale, quali il diritto alla vita, alla salute, all’onore, all’identità personale, a nascere sano”. Abbiamo il diritto europeo e la giurisprudenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, che vietano la brevettabilità di qualsiasi invenzione che preveda l’utilizzo di embrioni umani – e vietando l’uso di embrioni per scopi scientifici, ad maiora se ne vieta la soppressione sistematica – e la precisazione che “costituisce un «embrione umano» qualunque ovulo umano fin dalla fecondazione, qualunque ovulo umano non fecondato in cui sia stato impiantato il nucleo di una cellula umana matura e qualunque ovulo umano non fecondato che, attraverso partenogenesi, sia stato indotto a dividersi e a svilupparsi.” Siamo colti, noi, e la filosofia ci racconta da millenni come l’essere rimanga sempre uguale a se stesso pur mutando continuamente nelle forme; è il panta rei di Eraclito, il nascituro si fa infante, che si fa adulto, quindi anziano; ma resta sempre un essere umano.
Abbiamo, però, la legge 194 che, al suo art. 4, consente a ogni donna gravida di abortire per qualsiasi motivo. Formalmente dei limiti ci sono, ma sono facilmente eludibili. E questo è concesso da oltre trent’anni.
Prepariamoci, l’America non è poi lontana come sembra.

di Alberto Calabrò

banner loscriptorium

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Sostieni Pro Vita

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati