Attendere prego

Home Page > Giurisprudenza e Amministrazione > Gender a scuola? Niente soldi …
soldi_gender_omofobia_utero-in-affitto_fecondazione-artificiale_utero-in-affitto

Una iniziativa esemplare contro il gender a scuola messa in atto dal Consiglio comunale di Arcole in provincia di Verona.

Niente soldi pubblici per le scuole d’infanzia che introducono la teoria gender: ce ne dà notizia L’Arena.it, che racconta del dibattito sorto dopo questa coraggiosa decisione.

Il Consiglio comunale, in occasione del rinnovo delle convenzioni con alcune scuole materne del Comune, ha approvato a maggioranza la scelta di privare dei contributi pubblici quelle scuole che avessero comunque voluto indottrinare i bambini ispirandosi alla ideologia di genere. Mariuccia Longo, assessore ai servizi sociali, spiega il contenuto della decisione: «Il Comune erogherà per ogni scuola dell’infanzia 700 euro a bambino residente e quattromila euro per ogni bimbo disabile residente, a patto che non vengano introdotte nelle nostre scuole le teorie del gender». E se questo invece dovesse accadere: «Ci riserviamo la facoltà di recedere dalla convenzione», afferma Giovanna Negro, sindaco uscente.

Una decisione decisamente controcorrente quindi, che cerca davvero di rendere effettivo il diritto delle famiglie sull’educazione dei figli e che protegge il sano sviluppo di questi ultimi. Naturalmente ci sono quelli che si sono scandalizzati per tanto coraggio: Anna Ferraro, consigliere di minoranza (astenutasi), ha obiettato che la “teoria gender” non esisterebbe a livello normativo. Perché preoccuparsi allora? Nessuna scuola potrà essere privata di alcunché se, tanto, la teoria non esiste … purtroppo, però, come abbiamo dimostrato su questo sito, la teoria gender esiste eccome.

BludentalAltri, consiglieri dell’opposizione, hanno sostenuto che la riforma scolastica di Renzi non c’entrerebbe nulla con il gender … nonostante introduca l’educazione alla parità di genere, contro le discriminazioni di genere, e rimandi a una legge (n. 119 del 2013) che costituisce l’attuazione della Convenzione di Istanbul che definisce abbastanza chiaramente cosa intende per “genere” …

Alessandro Ceretta, il sindaco, ha però le idee abbastanza chiare: «una teoria strampalata, che l’Unione Europea sta diffondendo tramite un progetto preciso. Materiale che è circolato anche in alcune scuole venete, fino a dicembre scorso, con storie di criceti dello stesso sesso che si mettono insieme e cartoni animati di persone che cambiano sesso. Noi dobbiamo tutelare e vigilare sulla formazione dei nostri bambini e ragazzi e vogliamo difendere la famiglia naturale».

Parole sante.

Redazione

 

Sostieni Pro Vita
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

7 Commenti, RSS

  • luisa spironello

    dice su:
    26/07/2015 alle 20:06

    Evviva esiste ancora qualcuno che non ha mandato il cervello all’ ammasso e che ha il coraggio di usarlo per difendere i diritti dei bambini che gli sono stati affidati! Grazie di cuore

  • Antonella Facco

    dice su:
    27/07/2015 alle 10:28

    Quindi non votiamo più il NCD, ma la Lega? Quelli della Lega avevano in Parlamento i fogli con su scritto “Giù le mani dai bambini”. Sarà ovviamente una strategia politica, ma ci hanno fatto pervenire il loro saluto solidale anche il 20 giugno in piazza S.Giovanni. Salvini…non è un vero esempio di padre di famiglia fedele…ma sostiene che la famiglia, per un bambino, deve avere mamma e papà…è contro i Matrimoni gay…
    Antonella

    • FRP

      dice su:
      27/07/2015 alle 11:36

      Noi di Notizie ProVita non diamo indicazioni di voto: riportiamo quello che succede. Poi ognuno vota secondo coscienza.

  • Angela Coladonato

    dice su:
    27/07/2015 alle 13:30

    Avevo letto anni fa, forse due o tre, un articolo sui ” gender” e tutto quello che ne consegue, è soltanto una delle grandi schifezze che gli uomini e donne desiderano per avere una “loro” copertura allo sporco che sono interiormente. Se io avessi un bambino
    ora, non permetterei assolutamente questi beceri comportamenti . Io non sono assolutamente d’accordo. Anzi sarei capace di fare tutt’altro, pur di difendere la purezza e l’innocenza dei bambini. Toglietevi dalla testa questo schifo di comportamenti. La Bibbia, insegna, sarebbe di buon auspicio leggere ogni tanto quello che Dio ci ha raccomandato per imparare a non vivere nel peccato, sopratutto andare contro, la stessa natura che Lui ci ” ha regalato “.

  • Antonella Facco

    dice su:
    27/07/2015 alle 15:23

    Il mio è infatti un commento che si attiene ai fatti: sia il sindaco uscente, Giovanna Negro, sia l’assessore ai servizi sociali, Mariuccia Longo, sia il sindaco Alessandro Ceretta, sono della Lega Nord. Queste sono vere scelte coraggiose per la difesa della famiglia naturale; tale coraggio non lo abbiamo trovato in Alfano (firmatario della legge 119) ed il NCD che ha dato la fiducia al Governo per l’approvazione de “la Buona Scuola”. Ci hanno addirittura presi in giro, quasi fossimo sempliciotti, affermando che avevano sì dato la fiducia, ma perché avevano avuto l’assicurazione dal Ministro Giannini del consenso informato per le attività extracurricolari…ma tutti sappiamo leggere! E le tematiche Gender sono previste per il curricolo, come NotizieProVita ha sottolineato in vari
    articoli.
    Quindi concordo: iniziativa unica e parole sante.

  • Antonella Facco

    dice su:
    27/07/2015 alle 16:07

    Mi dispiace che il mio modo di scrivere talvolta con “ironia”, ma buona, cordiale, dia luogo ad equivoci. Non chiedevo certamente ai redattori un’indicazione di voto; né, quanto io ho scritto, significa che io abbia intenzione di votare Lega. La guida del Comune di un paese non è certo paragonabile alla direzione del Governo Italiano. Sinceramente, non mi sto ponendo ora domande reali su che partito sostenere domani. La scelta va fatta in base a fattori molteplici, che adesso non sono né urgenti né chiari. Il mio voto futuro si baserà anche sul consiglio di amici che sono con me e più illuminati di me.
    Come si capisce, continuo a seguire, anche in vacanza, gli articoli di NotizieProVita, che apprezzo per la puntualità dell’informazione sui temi fondamentali che delineano la fisionomia, l’identità di una persona che ha lo sguardo fisso su Gesù Cristo, unica Via, Verità e Vita. Grazie a tutti per il prezioso gratuito servizio.

  • SILVIO ANGELETTI

    dice su:
    28/07/2015 alle 09:17

    La legge dei Gender..e’ semplicemente una legge ispirata dal Genio del male..solo lui vuole distruggere tutto cio’ che di buono e bello Dio ha fatto: niente Dio..niente Cristo..niente Chiesa..niente natura..esiste solo l’uomo “Dio di sé stesso”..per cui tutto cio’ che pensa (ispirato da
    dal maligno) va bene..purche’ lavoriamo per costruire il mondo del Diavolo è distruggere il mondo e il Regno Dio. P. Silvio Angeletti.

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati