Attendere prego

Home Page > Giurisprudenza e Amministrazione > Gender e sessualizzazione precoce dei bambini
osessualismo_adozioni-gay

In molte scuole, e perfino negli asili nido, si promuove una “educazione sessuale” che in realtà è “sessualizzazione precoce” dei nostri bambini.

Nei paesi dove è stata applicata, come Inghilterra ed Australia, la sessualizzazione precoce dei bambini ha causato un aumento delle violenze sessuali, della pedofilia, dell’ assuefazione alla pornografia, e un aumento degli aborti e delle gravidanze dai 10 ai 13 anni di età.

E’ forse ciò che volete per i vostri bambini?

Abbiamo fermato, noi e voi, società civile, il libretti UNAR che già 2 anni fa tentavano di corrompere le menti dei nostri bambini con la scusa dell’“educazione alle differenze”.

Ciò vuol dire che noi e voi, società civile, se vigiliamo e agiamo con determinazione possiamo arrestare questa deriva distruttiva dell’uomo e della società.

Oggi dobbiamo impedire che al Senato venga approvato il disegno di legge Fedeli che stanzia ben 200 milioni per l’introduzione dell’ideologia gender nei programmi scolastici di ogni ordine e grado.

Abbiamo ancora un poco di tempo per firmare la petizione al ministro dell’istruzione e alle altre autorità e far sentire la nostra voce.

Abbiamo ancora la possibilità di chiedere che vengano respinti con forza gli  STANDARD OMS per l’educazione sessuale in Europa: LEGGETE CON I VOSTRI OCCHI ALLE PAG 38 E SEGUENTI cosa vogliono sia insegnato ai nostri bambini.

Abbiate il coraggio di scorrere il testo e vedere che l’ideologia di fondo vuole la distruzione della famiglia e l’abolizione della religiosità.

Vigiliamo, agiamo, organizziamo e partecipiamo a convegni, dibattiti, manifestazioni e soprattutto a quelle riunioni “di formazione” che si tengono nelle scuole dei nostri figli. Non abbassiamo la guardia e il buon senso, la natura e la ragione prevarranno. 

Toni Brandi

Sostieni Pro Vita

Banner_la_croce

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

3 Commenti, RSS

  • Gabriella Tescaro

    dice su:
    01/02/2015 alle 10:56

    I governanti hanno perso l’uso della ragione. Stanno farneticando pazzescamenteLe scienze umane stanno misconoscendo in un colpo solo tutte le conquiste conoscitive della psiche umana, della sua formazione e crescita sana, equilibrata, armoniosa per il conseguimento della maturità creativa di ogni singolo uomo e donna nel mondo delle relazioni personali e sociali

  • Gabriella Tescaro

    dice su:
    01/02/2015 alle 19:37

    Non c’è più il denso di ciò che è bene e ciò che è male e il rispetto della persona e dignità umana. C’è solo ciò che voglio, e se ciò che voglio è distruggere tutto ciò che non mi piace, rivendico spudoratamente una presunta libertà di farlo e lo faccio. Creo persino le leggi per farlo e condanno chi dissente dalla legge. È INAUDITO!. PAZZESCO! Non c’è più “la ragionevolezza della ragione”. È una minoranza che vuole questo, ma che si è organizzata in modo da occupare i vertici e dettare le leggi. Disfare tutto, è il suo progetto, in nome di una libertà che non esiste come tale. Esiste la libertà che fa liberi non la libertà che incatena, soffoca e uccide. Questo progetto del gender distrugge la vita umana perché misconosce la natura su cui si fonda la vita. Ci sono dei processi naturali che non si possono prevaricare. Sarebbe come pretendere che il fuoco non bruci, che l’acqua non bagni… che la vita viva senza lasciarla vivere. Uccidendola. L’uomo vuole essere padrone di ciò che non è suo. Inoltre vuole distruggere il bisogno di Dio, di un Ente supremo nell’animo umano. misconosce alle scienze umane la conoscenza di anni di studi, attenzioni e ricerche che il bisogno di Dio è una dimensione intrinseca all’uomo, si dice dimensione antropologica, quindi non si può occuparsi della crescita armonica dell’uomo se si sacrifica, trascura, distruggevquesta dimensione in lui. Non riconoscere quindi ogni altra dimensione dell’uomo, come quella biologica, psicologica, spirituale secondo gradi naturali di crescita, per dispetto del Dio nell’uomo equivale a distruggere l’uomo, quivale a distruggere se stessi. Vaglielo a dire a questi kamikaze di cervelli umani. EMETTONO STERCO E SI DIMENANO NEL LORO STESSO STERCO CON IL GUSTO EBETE DI TRAVOLGERNE MOLTI

  • Andrea

    dice su:
    03/02/2015 alle 19:41

    Pochi pervertiti ( spero ) stanno dettando legge in Italia e nel mondo ,invece di curarsi da questi loro disturbi negatii , ci vogliono costringere a essere come loro .Su radio Maria un giorno ho sentito queste parole dette da un sacerdote:
    “L ‘arroganza di pochi sussiste per l’ indifferenza di molti ” è ora di alzare la testa.

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati