Attendere prego

Home Page > Fine Vita > Eutanasia, ovvero uccidere i malati mentali in Olanda
malattia mentale_ pazzia_ donna_eutanasia

La cultura della morte non solo riesce a diffondere l’idea che l’eutanasia è un gesto di “amore” e per la “dignità” del morituro, ma accampa anche motivi davvero “razionali” e pratici in quanto cosa “utile”.

Il bioeticista Wesley J. Smith nota che l’Olanda, Paese che si considera – in  tal senso – molto razionale, basa infatti lo spirito delle sue leggi sul concetto di “riduzione del danno”.

Ma se in forza del bisogno di ridurre il danno si accetta di uccidere (praticare l’eutanasia, in parole povere, ma chiare e veritiere) come risposta alla sofferenza, è ovvio che i primi ad essere tolti di mezzo sono i malati di mente.

Ora un nuovo studio (bit.ly/1SgP7Xs e bit.ly/1SgPaTp JAMA Psychiatry, online Febbraio 10, 2016) rivela tutta la crudeltà della legge sull’eutanasia olandese: solo un terzo delle persone malate di mente che hanno ricevuto l’eutanasia (non sempre su loro richiesta esplicita) aveva  70 anni o più, il 44 per cento aveva età compresa tra 50 e 70 e circa un quarto aveva tra i 30 e i 50 anni. Il 70% erano donne.

Un buon  55 per cento dei pazienti avevano la depressione, gli altri avevano una serie di diverse condizioni patologiche  tra cui la psicosi, disturbo post-traumatico da stress o ansia, problemi neurocognitivi, dolore senza alcuna causa fisica, disturbi alimentari,  autismo.

E ora, l’Olanda sta seguendo l’esempio del Belgio combinando in modo estremamente “pratico” – e redditizio – l’ eutanasia con il prelievo degli organi: a un depresso si prospetta quindi l’idea che la sua morte sarà utile a salvare la vita di qualcun altro, la  morte avrà certamente più valore della vita, sarà quindi certamente desiderabile.

L’unica cosa che conta davvero per gli olandesi intorno a queste tematiche è la “trasparenza”. Ma che i disturbi psichiatrici si possono curare, che la depressione, innanzitutto, per quanto possa colpire gravemente, si può combattere e sconfiggere, questo passa in secondo piano. E’ molto più semplice, pratico, “razionale” – e redditizio – eliminare il problema ammazzando la persona che ce l’ha… pardon, praticare l’eutanasia.

Redazione

Fonte: National Right to Life News

Sostieni Pro Vita

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Un Commento, RSS

  • Marco Pellegrini

    dice su:
    11/09/2016 alle 10:16

    Io vivo in Olanda sa 17 anni. In parte le cose dette che risultano terribili sono vere tuttavia non per difendere l’Olanda e sicuramente no la pratica dell’eutanasia ma in Olanda viene sempre data un’alternativa al paziente con attenzioni e cure che spesso parsi come l’Italia sognano solo

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati