Attendere prego

Home Page > Aborto > Femminismo violento e blasfemo in Argentina
femminismo_Argentina

Il femminismo è oggi un’ideologia vincente e coccolata.

La vuota retorica dell’8 marzo lo dimostra perfettamente.

E non è un caso se vengono deliberatamente taciute le violenze dei gruppi femministi più radicali: di sicuro non fanno comodo alla propaganda sull’emancipazione della donna e sul femminicidio, sulla libertà e sulla tolleranza.

Ma noi apprendiamo che ad esempio in Argentina le nazi-femministe sono tornate ad attaccare le chiese, mostrando così il loro vero volto, fatto di violenta ideologia post-marxista. E di discriminazione verso tutte quelle donne che ancora mantengono il buon senso e si oppongono nettamente a una tale deriva animalesca.

Nella Giornata Internazionale della Donna alcuni movimenti femministi ed abortisti di Buenos Aires hanno preso di mira la cattedrale, minacciando fedeli e sacerdoti, appiccando il fuoco e lanciando lattine e bottiglie verso chi proteggeva il luogo sacro. Un giovane che si è messo a difendere la chiesa armato solo di una bandiera del Vaticano è stato fatto oggetto di pugni e sputi da alcune donne col volto coperto.

Alla fine è dovuta intervenire la Polizia e 30 persone sono state fermate per aver causato questi incidenti.

A Tucumán, tra le tante proteste e violenze è stata anche inscenata una disgustosa e blasfema parodia della Madonna che abortisce suo Figlio (vedi foto).  femminismo_aborto_Argentina

Ma al di là della mera cronaca, è importante ciò che emerge da eventi simili.

Il femminismo ideologico – una delle tante diramazioni del comunismo – è uno dei movimenti che più accanitamente promuovono l’aborto, il divorzio, la teoria gender e la lotta tra i sessi, che va a sostituire quella di classe, ormai superata. Nel condurre queste battaglie, le nazi-femministe non comprendono di star rendendo un pessimo servizio alla causa delle donne, ammesso che esista.

La rivoluzione dei costumi che da decenni ha stravolto il mondo occidentale è partita proprio con la scusa dell’emancipazione femminile. E se oggi ad essere sovvertito è il concetto stesso di natura umana è perché certe donne hanno iniziato a odiare se stesse, disprezzando la loro identità. Donne che odiano essere tali e però si arrogano il diritto di insegnare alle altre come comportarsi.

Tuttavia, per il mondo politico-culturale dominante va bene così, il femminismo non sembra presentare alcun problema.

Vi immaginate cosa sarebbe accaduto se un gruppuscolo di anti-abortisti o di difensori della famiglia avessero assaltato una clinica dove si praticano aborti o un club Lgbt?

La domanda è ovviamente e purtroppo retorica…

Redazione

Fonte: Actuall


Sostieni Pro Vita


AGISCI ANCHE TU! FIRMA LE NOSTRE PETIZIONI

NO all’eutanasia! NO alle DAT!

#chiudeteUNAR

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

4 Commenti, RSS

  • Mario ProVita

    dice su:
    12/03/2017 alle 10:55

    Ma guardate cosa fanno in Argentina…! Ci sono gli animali senza scrupoli che pensano soltanto fin dove arriva il loro naso, senza aiutare le persone buone ed oneste… loro stessi le considerano “deboli, incapaci e stupide” e quindi le trattano come giocattoli su cui divertirsi a volontà.

    Non sorprende se il Femminismo è arrivato a tanto in paesi non-culturali come l’Argentina: nessuna solidarietà verso le persone buone ed oneste, visti generalmente “deboli”… e quindi ecco mostrano tutta la loro violenza animale!

    Italiani, non prendete esempio da quest’Argentina violenta ed animale: dobbiamo essere più solidali ed uniti! Per la Vita e per i/le nostri/e bambini/e!

  • Marco ProVita

    dice su:
    13/03/2017 alle 09:28

    Sempre sul tema, credo sia importante ricordare cosa successe a Posadas (Argentina).
    Linko il video

    https://www.youtube.com/watch?v=iWx8-htaaSs

  • Mario Paladino

    dice su:
    14/03/2017 alle 10:33

    E il fatto di Rosario? Ce lo siamo dimenticato? Ormai di fronte alla lotta per la Verità il nemico dimostra il suo volto peggiore, che è quello dell’odio verso i valori di giustizia, pace,amore e fratellanza i quali, insieme alla religione cattolica, vengono difesi e riaffermati.
    Da studente mi sono trovato a difendere il grande valore della vita, che oggigiorno, purtroppo, viene quasi sempre sminuito, a causa delle discussioni sull’eutanasia e sull’aborto. Come ho detto a scuola e lo ripeto sono sempre i più deboli a soffrire: i bambini e gli anziani. Continuate a lottare perché quando la Verità si manifesta essa fa male perché come ci ha insegnato Cristo Gesù: “Soltanto la Verità e nient’altro che la Verità vi renderà liberi!

  • Giulio Di Nardo

    dice su:
    19/03/2017 alle 08:12

    La Madonna da sempre schiaccia la testa del serpente. Figuriamoci se non schiaccia la testa di tante piccole vipere. Preghiamo per queste poverette che sono schiave del demonio. Non c’è altra spiegazione alla loro blasfemia. La Chiesa Argentina con tutti i sacerdoti dovrebbe indire un esorcismo collettivo. Anche il Papa in questi giorni ha detto che in certi casi si deve ricorrere agli esorcismi. Quello argentino è eclatante.

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati