Attendere prego

Home Page > Gender > Gender a scuola: in Scozia fin dalle elementari
gender neolingua_gay

Tra i Paesi asserviti all’ideologia gender, la Scozia, che già aveva dato segnali preoccupanti l’anno scorso, interviene ora sul fronte dell’educazione. Nuove bozze di linee guida educative prevedono che sarà insegnato ai bambini delle elementari, già a partire dall’età di 5 anni, che il “genere” di ciascuno è determinato da “ciò che si decide” di essere. Dall’anno scolastico 2019/2020 dovrebbe essere implementato il nuovo programma, frutto della sinergia tra Education Scotland (il dipartimento di educazione del governo) e il National Health Service.

La voce del buon senso L’idea che si vuol far passare è il grande classico dell’ideologia gender: i medici “assegnerebbero”  il genere dei bambini alla nascita in base al sesso biologico, ma solo perché il neonato ancora non ha la possibilità di ragionare e scegliere. Una volta acquisiti elementi a sufficienza per un giudizio, anche il bambino può decidere cosa diventare in base a ciò che sente. «Pericolosa è l’idea che il sesso piuttosto che le preferenze o il comportamento sia fluido. I bambini piccoli hanno un approccio mentale molto letterale e se incoraggiati a credere che la realtà fisica del loro corpo è mutevole, potrebbero creare lotte potenzialmente devastanti per la loro salute mentale». Queste le parole di una mamma che lavora al National Health Service, dove ha frequentato dei corsi di formazione alla teoria gender tenuti da attivisti scozzesi che, però, non l’hanno convinta.

Questa testimonianza è stata raccolta dal Christian Post in anonimato, perché su questi temi si ha paura di parlare, per le possibili ritorsioni destinate a tornare in danno della propria reputazione. “Omofobo!” è l’accusa mossa a chiunque cerchi di mettere in discussione l’ideologia del gender. Non si accetta serenamente il confronto sui contenuti, ma si risponde con il marchio d’infamia; un marchio che è ormai collegato a uno stigma sociale talmente forte da indurre moltia tacere.

E intanto l’ideologia avanza e le prime vittime di essa sono i bambini…

Redazione

Fonte:
LifeSiteNews

Sostieni Pro Vita

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati