Attendere prego

Home Page > Gender > Gender al WC: sono 23 gli Stati contro Obama
WC_gender

L’ultima notizia sul fronte della guerra del gender al WC è che altri 10 Stati hanno fatto recentemente ricorso contro l’amministrazione Obama, a proposito delle sue ridicole disposizioni ossequianti l’ideologia gender.

In particolare quella che taglia i finanziamenti statali alle scuole pubbliche che ancora conservano WC spogliatoi ecc. legati al “fastidioso, osoleto e omofobico” sistema binario M/F.

La questione tragicomica in cui si inserisce questo fatto è ben nota.

L’ideologia gender pretende che ad ognuno venga riconosciuto il diritto di essere come “si sente”, anche quando va al bagno o negli spogliatoi o nei dormitori.

Detti spazi – nei luoghi pubblici – sono tradizionalemente e ragioneviolmente diversi per maschi e femmine.

Le persone LGBTQIA(…) ovviamente trovano discriminante e limitativa questa divisione, in sé. E in particolare rivendicano il “diritto” di fruire del WC delle donne se si “sentono” donne, anche se fisicamente possiedono il pene (o viceversa).

La cosa è stata presa talmente sul serio dalle illuminate autorità amministrative americane che sono state fatte delle leggi che esplicitamente istituiscono bagni, spogliatoi e dormitori unisex, oppure consentono ai maschi di fruire di spazi riservati alle donne.

Molte donne – anche lesbiche, che si sono beccate l’accusa di transfobia – di questo non sono contente. Molti predatori sessuali (guardoni, esibizionisti ecc., che in proporzione sono di gran lunga di più dei transgender) sono, invece, molto contenti.

Alcuni Governatori, come quello del Nord Carolina, allora hanno emanato leggi che consentono ai pubblici esercizi di mantenere locali per donne riservati alle donne. E qui è scattato dapprima l’ostracismo mediatico e il boicottaggio economico, poi la bagarre legale. Per i dettagli potete vedere i vari articoli che abbiamo pubblicato, cliccando sui diversi link.

Ad un ultimo conteggio sono quindi 23 gli Stati federati (da ultimo anche il Sud Dakota e il Nebraska) in causa con l’amministrazione centrale per questa storia del gender al WC: Arkansas, Kansas, Michigan, Montana, Nebraska, North Dakota, Ohio, South Carolina, South Dakota, Wyoming, Alabama, Arizona, Georgia, Kentucky, Louisiana, Maine, Mississippi, Oklahoma, Tennessee, Texas, Utah, West Virginia, e Wisconsin.

Redazione

Fonte: LifeSiteNews


DONA IL TUO IL 5×1000 A PROVITA! Compila il modulo 730, il CUD oppure il Modello Unico e nel riquadro “Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale e delle associazioni di promozione sociale” indica il codice fiscale di ProVita94040860226. GRAZIE!

Sostieni Pro Vita

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati