Attendere prego

Home Page > La Buona Notizia > La Buona Notizia #772 – Gemelle siamesi all’università
Madrid_volantinaggio_provita_buona-notizia

La Buona Notizia con cui chiudiamo questa settimana ci parla di Maria e Consolata.

Due sorelle, due gemelle, due gemelle siamesi unite al livello dell’addome. E ora anche due nuove matricole, presso l’università cattolica Rucha d’Iringa, nel cuore della Tanzania.

L’origine di questa Buona Notizia non è rosea: una volta morto il padre, infatti, le due gemelline siamesi sono state abbandonate dalla loro mamma. Per fortuna, però, Maria e Consolata hanno incontrato sulla loro strada una missione cattolica, che le ha accolte e sostenute nella crescita.

Di qui, buona notizia si aggiunge a buona notizia: le due gemelle sono cresciute in perfetta salute, hanno una fede solida che le sostiene e non toglie loro la speranza, si sentono amate e ora – come scrivevamo in apertura -, alla soglia dei vent’anni, vedono anche realizzato il loro desiderio di andare all’università: si sono iscritte a scienze dell’educazione, sperano di diventare professoresse di storia, di inglese e di swahili e il loro più grande desiderio è quello di  difendere i bambini handicappati o marginalizzati. Per loro, che parlano con cognizione di causa, tutti gli esseri umani hanno uguale valore e uguali diritti.

Essere abbandonati, crescere in un contesto più allargato di quello di un nucleo familiare, essere costretti a condividere ogni ora del giorno e della notte con una persona… non è affatto facile. Pensiamoci: neanche essere gemelli non siamesi non è facile, sotto certi punti di vista: bisogna condividere l’amore dei genitori, si hanno amici in comune, si ha sempre un temine di confronto con cui fare i conti… ma, alla fine, le ricchezze insite nella gemellarità sono tante e uniche.

Questa Buona Notizia è comunque ricca di speranza: Maria e Consolata sono felici e stanno costruendo il loro futuro. Assieme, per forza… ma forse anche per scelta e sintonia.

A lunedì, con un’altra Buona Notizia!

Redazione

Fonte: Aleteia


Segnalate alla nostra Redazione (qui i contatti) la vostra Buona Notizia! Può essere un articolo ripreso dal web o una vostra testimonianza… la condivideremo con tutti i Lettori!


AGISCI ANCHE TU! FIRMA LE NOSTRE PETIZIONI

NO all’eutanasia! NO alle DAT!

Sostieni Pro Vita
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati