Attendere prego

Home Page > Notizie dal mondo > Neonato gettato nel cassonetto dell’immondizia sopravvive miracolosamente
ritrovamento_cassonetto_bimbo

Presso il condominio Windmill Lakes a Houston, Carlos Michel, mentre scaricava i secchi delle immondizie nei cassonetti  ha trovato un bambino: il suo piccolo viso e le mani erano viola, il cordone ombelicale ancora attaccato, il  corpo freddo. Gridava senza più voce. E’ un vero miracolo che non sia soffocato, impacchettato com’era tra buste di plastica e immondizia. Michel  ha avvolto il neonato nella sua camicia e l’ha abbracciato e strofinato cercando di dargli un po’ di calore. Intanto un collega aveva acceso il riscaldamento  nel camion e a poco a poco il bambino ha ripreso colore. L’uomo era terrorizzato all’idea che il piccolo potesse morirgli tra le braccia in attesa dell’ambulanza.
Ma la storia ha avuto un lieto fine: Michel ha salvato una piccola vita. La madre, una sedicenne che è stata rintracciata, non sapeva che in Texas c’è una legge, “Baby Mosè”, che permette ai genitori di lasciare i bambini fino a 60 giorni di età in un ospedale, o alla stazione dei pompieri o a un centro di soccorso, senza temere di essere perseguiti.

Clicca qui per leggere l’articolo originale pubblicato da National Right to Life in lingua inglese

Fonte: National Right to Life

Festini

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Sostieni Pro Vita

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati