Attendere prego

Home Page > Gender > Omofobia di gay e trans e transfobia di una LGB (senza T)
Miriam-Ben-Shalom-omofobia_transfobia-640x480

Il Comitato organizzatore del Milwaukee Pride Parade ha licenziato Miriam Ben-Shalom (nella foto), storica attivista lesbica, che era stata nominata dirigente responsabile del Pride, accusandola di transfobia, per il suo atteggiamento critico nei confronti dei trans, cioè degli uomini che indossano abiti femminili e pensano di essere donne.

Il problema è che, allora, gli organizzatori del Pride possono essere accusati di omofobia. O no?

Miriam Ben-Shalom è famosa per aver sfidato a suo tempo – addirittura – l’esercito degli Stati Uniti d’America, quando escludeva coloro che si professavano apertamente omosessuali. Ha fondato anche un’organizzazione di veterani LGB (lesbiche, gay e bisessuali), ma senza la T di transessuali. E già qui si vede la transfobia, allora.

Ma quello che gli organizzatori del Pride non le hanno perdonato è la posizione che sembra aver preso a proposito della ridicola e tragica ‘guerra dei WC‘ in atto da qualche tempo negli Stati Uniti: pare che sulla pagina Facebook della Ben-Shalom siano apparsi dei post che ritenevano giusto tener fuori dai bagni femminili i ‘portatori di pene’, a prescindere dal fatto che si sentano donne o meno. Questi post sono stati accusati dal Pride di transfobia e “come tali rappresentano un attacco a un importante segmento della comunità LBGT “.

La Ben-Shalom ha risposto definendo se stessa una “PEFR (penis exclusionary radical feminist, cioè una femminista radicale con esclusione di pene). Accusa il gruppo GBT (Gay, Bisessuali, Transessuali, senza la L di lesbiche) di essere un mucchio di reprobi e vili. Incapaci soprattutto di comprendere le istanze delle donne nate donne che hanno bisogno, non solo al bagno, di spazi culturali esclusivi, senza peni in giro, insomma: “Dopo tutto, gli uomini hanno avuto una lunga storia di spazi esclusivi per il sesso maschile, nella comunità GBT”.

Insomma, una ‘femminista di seconda generazione’, la definiscono alcuni, che – da omosessuale accusa i gay e i trans di omofobia.

 Redazione

Fonte: Breitbart


DONA IL TUO IL 5×1000 A PROVITA! Compila il modulo 730, il CUD oppure il Modello Unico e nel riquadro “Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale e delle associazioni di promozione sociale” indica il codice fiscale di ProVita94040860226. GRAZIE!

Sostieni Pro Vita

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

2 Commenti, RSS

  • mariagrazia mariagrazia

    dice su:
    06/05/2016 alle 08:29

    questo è quello che succede quando si confonde la persona con il suo orientamento sessuale.. una grande Babele!

  • Elisiana Paradisi

    dice su:
    06/05/2016 alle 19:15

    Gli esseri umani per natura sono funzionari dell’ufficio “Complicazione cose semplici” Maschio e Femmina li creò e noi siamo riusciti a fare non so quante pseudo sessualità…….

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati