Attendere prego

Home Page > Notizie dal mondo > Quando un’ecografia diventa una vera e propria arte… pittorica
Laura Steerman dipinge quadri ispirati alle ecografie

Trasformare i bambini nel grembo materno in una forma d’arte. È quello che fa Laura Steerman, artista irlandese di Dublino che trasforma le ecografie in dipinti e quadri colorati.

La voce del buon senso Tutto nasce poco più di sette anni fa, quando Laura aspettava la sua prima figlia. A quel tempo la Steerman era un avvocato, in particolare un procuratore legale che si occupava principalmente di tematiche relative all’energia. «Dopo diversi momenti di paura durante la gravidanza», racconta sulle pagine del suo sito, «finalmente la mia bambina è stata fotografata con l’ecografia e poi tutto è andato bene. In quel momento», spiega, «ho pensato che quell’emozione era troppo forte per far rimanere il tutto in una piccola immagine in bianco e nero». Un po’ per gioco, un po’ per passatempo, durante quei nove mesi Laura ha iniziato a dipingere riprendendo proprio le sue stesse ecografie, finendo per ricevere numerosi apprezzamenti e decidendo di continuare in quello che è diventato un vero e proprio lavoro.

Per descrivere il senso della sua passione la Steerman cita una frase del libro Fight with me dell’autrice statunitense Kristen Proby: «Nessun altro potrà mai conoscere la forza del mio amore per te. Dopotutto, sei l’unico che conosce il suono del mio cuore dall’interno». Per l’artista irlandese si può riassumente così «l’emozione nel vedere il proprio bambino per la prima volta con un’ecografia». Un’emozione che fa comprendere come «ogni bambino, ogni gravidanza, ogni feto sono unici come le impronte digitali».

Oggi, dopo tre gravidanze, Laura Steerman continua a dipingere senza sosta quadri ricchi di colori sgargianti, inondata dalle centinaia di richieste che le arrivano da tante mamme e genitori che le inviano le ecografie dei propri figli in grembo. L’artista ha fatto della propria passione un lavoro a tempo pieno, aiutata da quattro assistenti e realizzando tutte le sue opere a mano con vernice acrilica.

I suoi quadri, come detto, riprendono sostanzialmente l’immagine dell’ecografia. Il suo lavoro inizia dipingendo un contorno delle forme del bambino e dell’utero in una scansione che fa su tela. A questo disegno di base aggiunge poi i vari strati di colori e dettagli, avendo cura di abbellire le caratteristiche principali e aggiungere alcuni elementi artistici. Le opere che ne derivano sono quinti frutto di uno stile astratto, non volendo dunque rappresentare un qualcosa di statico e uguale alla realtà. La Steerman fa infatti ampio uso di punti, vortici, colori, forme e segni artistici di vario genere per dare un tocco artistico che sia preminente nei suoi quadri, senza però per questo stravolgere la foto dell’ecografia del bambino.

Salvatore Tropea

Sostieni Pro Vita

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 votes, average: 4,33 out of 5)
Loading...

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati