Attendere prego

Home Page > dolore > Suicidio assistito da “parenti serpenti”
Medico_siringa_suicidio_Cappato

Un nuovo caso mostra la completa follia di un regime giuridico di suicidio assistito (o meglio, torniamo a ripetere, “omicidio del consenziente”).

I familiari, è triste dirlo, non hanno sempre a cuore il vero bene dei propri congiunti, e in un sistema dov’è legale l’eutanasia e perfino l’aiuto al suicidio, a farne le spese sono proprio i più vulnerabili, specie se all’interno di una famiglia composta da “parenti serpenti”.

In Australia un uomo è stato condannato per aver aiutato la moglie a suicidarsi allo scopo di ottenere l’indennizzo dell’assicurazione sulla vita.

La voce del buon senso Il caso risale al 2014: Jennifer Morant soffriva di mal di schiena cronico, depressione e ansia, pur non essendo malata terminale, e una settimana prima della sua morte, aveva confidato a un’amica: «Devo uccidermi e Graham mi aiuterà». La giuria, al processo, pare aver concluso che la signora Morant non avrebbe posto fine alla sua vita senza la “consulenza” del marito. Graham Morant era in attesa di ricevere 1,4 milioni di dollari come unico beneficiario delle polizze di assicurazione sulla vita della moglie. Secondo le testimonianze, il signor Morant, un “devoto cristiano”, le disse che aveva intenzione di usare i soldi dell’assicurazione per metter su una comunità religiosa. La sentenza è attesa per il 19 ottobre.

Ora, in Australia, proprio recentemente, il senato ha bocciato un disegno di legge sul suicidio assistito (solo lo Stato federato della Victoria lo ha legalizzato l’anno scorso per casi limite). Pertanto la “pressione sociale” sui malati non è certo ai livelli dell’Olanda o del Belgio. Eppure, come suggerisce il semplice buon senso, anziani e malati sono particolarmente vulnerabili sotto il profilo psicologico per la loro condizione di dipendenza dagli altri, e la sensazione di costituire un peso per parenti e amici è già di per sé motivo di sconforto. Se aggiungiamo il quadro culturale odierno possiamo solo immaginare il carico emotivo di queste persone già gravate dalla disabilità.

Tralasciando il discorso di principio, per cui non si uccide l’innocente, neanche se sia lui a richiederlo, nessuna legge sul suicidio assistito è in grado di prevenire questo tipo di abuso che si fonda su dinamiche psicologiche molto sottili. Ci vuole tanto per capirlo?

Redazione

Fonte:
SPUC

Sostieni Pro Vita

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 4,50 out of 5)
Loading...

Un Commento, RSS

  • Lucrezia Montemurro

    dice su:
    09/10/2018 alle 21:55

    Molto bene quanto illustra il presente articolo. Ma credo fermamente che sia necessario risalire su su, ai nomi esatti degli “epuloni”, che hanno ordito tutta questa sciagurata impostazione a livello mondiale, riuscendo ad ingannare in questi decenni tanta gente: vecchi, adulti, giovani, bambini, fino a togliere loro i sani criteri e le più vitali essenze della vita. Ma, come è vero che “Le bugie hanno le gambe corte”, così, col potente aiuto di Dio, della SS.ma Vergine, degli Angeli, dei Santi sarà annientata tutta questa mostruosità che attanaglia e distrugge tutti i malati di modernismo. Bisogna, però che l’uomo e la donna percepiscano e vedano questo baratro. Bisogna che si rendano consapevoli della grande SPERANZA che pervade tutto l’universo umano e spirituale del loro prezioso esistere. Bisogna che percepiscano la loro alterigia ed insensatezza, la loro superficialità, la loro piccolezza. Allora potranno gridare “aiuto” a Dio. E tutto diventerà meraviglioso.Resterà solo l’AMORE

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati