Attendere prego

Home Page > Notizie dal mondo > Topi col cervello umano: solo la Cina bocciata in bioetica?
aborto_Planned Parenthood_topi_Cina_bioetica_cervello

Scrivendo sulla rivista Foreign Policy , uno scienziato cinese  sostiene che la Cina sarà sempre priva di qualsiasi senso etico – e quindi va bocciata in bioetica.

Yangyang Cheng , un ricercatore postdottorato alla Cornell University, spiega che in Cina non esiste alcuna  cultura del rispetto della dignità umana (non ci sorprende, visto come da 70 anni vengono considerati gli esseri umani e i loro diritti fondamentali dal regime di Pechino).

Il “processo di revisione etica” che dicono di fare in tutte le ricerche è solo  un  timbro di gomma che viene impresso  sulla carta, senza alcun valore reale.

La corruzione dilagante consente alle pratiche pericolose e illegali di prosperare.

I massicci progetti di ingegneria sociale ignorano il benessere delle persone. La  politica del figlio unico (ora dei due figli) ne è  l’esempio più eclatante – ma lo stile è sempre quello, in ogni contesto.  Oggigiorno il governo promuove la “giusta qualità delle donne” e impedisce “nuove nascite di donne di qualità inferiore”.

La privacy è inesistente: la biotecnologia è uno  strumento potente nelle mani dei servizi di sicurezza cinesi.

Anche la scienza è costretta e imbrigliata  dalle istanze, gli scopi e gli interessi del Partito Comunista al potere.

Solo la comunità internazionale, se ferma e decisa, potrebbe costringere  la Cina ad osservare  i principi condivisi della bioetica. Solo se  l’ appartenenza della Cina alla comunità politica e scientifica globale dipende dall’osservanza di regole morali, e quindi il governo non ha altra scelta.

Il problema, a nostro modesto parere, è che il senso etico della comunità internazionale sia poco diverso da quello cinese.  E se l’approccio bioetico della Cina desta preoccupazione, intanto  in America  il tessuto cerebrale umano si integra e prospera nel cervello dei topi, secondo un rapporto di Nature Biotechnology .

Prelevati organoidi cerebrali  da cellule staminali pluripotenti umane (da dove le hanno prese? le hanno ottenute massacrando bambini allo stato embrionale?), gli scienziati li hanno trapiantati in topi . Gli organoidi sviluppano vasi sanguigni entro 5 giorni; entro 90 giorni dall’impianto, gli assoni si sono estesi in profondità nel cervello dei topi. I neuroni si sono messi a funzionare secondo schemi sincronizzati, il che fa ritenere che è stata stabilita una rete neurale attiva.

Gli scienziati hanno testato i topi e non hanno trovato differenze nella loro intelligenza.

Redazione

Fonte: Bioedge 1 e 2

[stampaBanner5PerMille]

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati