Attendere prego

Home Page > Gender > Usa, foto choc: bambini distesi su drag queen
drag-queen

La biblioteca pubblica St. John’s Library, nella contea di Multnomah, in Oregon, ha ospitato lo scorso ottobre l’evento Drag Queen Story Time, durante il quale molti bambini hanno avuto contatti a dir poco di dubbio gusto con i drag queen.

La notizia, riportata ieri da Life Site News, è emersa a seguito di alcune foto choc, in cui si vedono i piccoli in atteggiamenti quasi intimi e, con la scusa del gioco e della festa, stesi sul corpo dei drag queen presenti all’evento. Foto che sono state pubblicate dall’account ufficiale Flickr della biblioteca.

La voce del buon senso Su Facebook, Kaeley Triller Harms, una nota attivista che si oppone al movimento transgender, ha commentato le foto affermando che lei non permetterebbe mai ai propri figli «di gattonare su sconosciuti a caso» e non ha nessuna importanza «quanto e come siano vestiti questi estranei». La Harms ha inoltre sottolineato che certi comportamenti risulterebbero inappropriati per chiunque, come lei stessa ha avuto modo di apprendere nella sua esperienza di educatrice, in cui le è stato «scrupolosamente insegnato» a «non portare mai i bambini a cavalluccio o lasciare che si sedessero in grembo».

Le foto pubblicate dalla biblioteca hanno inoltre fatto vedere alcuni i bambini e ragazzi vestiti con sciarpe di piume durante l’evento.

Un altro elemento che ha suscitato scandalo è stata la presenza delle Sisters of Perpetual Indulgence (Sorelle della Perpetua Indulgenza), un gruppo di uomini vestiti da suore che, secondo Life Site News, avrebbero come scopo quello di deridere la Chiesa cattolica. Tant’è che il loro principale slogan è una parodia irriverente dell’insegnamento evangelico «Va’, e non peccare più», modificato in «Va’ avanti e pecca ancora!».

Salvatore Tropea

Fonte: LifeSiteNews

Sostieni Pro Vita

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

Un Commento, RSS

  • Massimo Milazzo

    dice su:
    03/07/2019 alle 10:27

    Una scena raccapricciante…

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati