Attendere prego

Home Page > Gender > Adozione gay – Il Comitato DNF protesta alla Cassazione
cassazione_stepchild-adoption_trascrizione_nozze gay_omogenitorialità_utero-in-affitto_maternità-surrogata_feto

Rilanciamo il comunicato stampa del Comitato Difendiamo i Nostri Figli che domani, 12 ottobre, alle ore 12, si ritroverà a manifestare contro la stepchild adoption, e quindi contro l’adozione gay e quindi  a favore dei bambini e della famiglia naturale, di fronte alla sede della Corte di Cassazione.

In piazza Cavour, a Roma, si ritroveranno i membri del Comitato con diversi Parlamentari e con i cittadini che vorranno unirsi a loro.

Dopo le due clamorose decisioni della prima sezione della Cassazione che ha deciso per l’adozione di un bambino a favore di una coppia di donne; mercoledì 12 ottobre la sesta sezione deciderà, per la prima volta, per l’adozione di un bambino da parte di una coppa di due uomini sposati all’estero, violando così, ancora una volta, la legge che impone che una decisione così delicata venga assunta dalle sezioni unite, così come richiesto invano dalla Procura generale per i due casi precedenti.

C’erano infatti tutte le condizioni per farlo: il caso contraddittorio, il fatto che il parlamento ha stralciato la stepchild adoption e il clamore mediatico e l’importanza che l’opinione pubblica assegna al problema delle adozioni per coppie delle stesso sesso, si veda il caso di Niki Vendola.

Di fatto c’è il tentativo di far passare per via giurisprudenziale la stepchild adoption, ovvero l’adozione del figlio biologico del partner, stralciata dal ddl Cirinnà dopo le grandi manifestazioni di piazza. Si cerca cioè di legittimare l’abominevole pratica dell’utero in affitto – che mercifica la donna e il nascituro – dal momento che è contro ogni evidenza scientifica che due uomini o due donne possano generare un bambino, senza rivolgersi al mercato dei gameti e dell’utero di una donna. Un turpe commercio illegale in tutti i Paesi Ue e recentemente condannato anche dal Consiglio d’Europa.

Per difendere il diritto dei bambini a non essere programmati fin dal concepimento orfani di madre o di padre, Mercoledì 12 ottobre Massimo Gandolfini, tutto il vertice del Family day e numerosi deputati e senatori della Repubblica manifesteranno a Roma, in Piazza Cavour, davanti alla Corte di Cassazione, alle ore 12, rilanciando l’appello a tutti gli organi competenti e al Presidente Mattarella, affinché venga rimessa la decisione in questione  alle sezioni unite della Cassazione.

Sostieni Pro Vita

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

2 Commenti, RSS

  • Mario Paladino

    dice su:
    11/10/2016 alle 15:24

    Come si fa, mi chiedo, a legalizzare e ad approvare una legge così ingiusta come quella dell’utero in affitto ? Il suo stesso nome ci dice la gravità del problema della società odierna. Come si fa a concedere “diritti” ad alcuni e privarli alle donne ed ai bambini ? Questo è egoismo ! Questo è pensare soltanto a sé stessi nonostante i principi non negoziabili ! Come fa la gente a permettere tutto questo male ? Svegliamoci ! Svegliamoci prima che il male prenda il sopravvento !

    • Redazione

      dice su:
      11/10/2016 alle 15:55

      Caro Mario,
      lei ha perfettamente ragione. C’è solo una cosa che le sfugge e forse sfugge a molti, ancora. L’utero in affitto è reato, per la legge italiana. Eppure i giudici consentono a chi lo pratica e lo pubblicizza di violarla allegramente…
      Questo è ancora peggio che fare una legge che lo consenta!!!!

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati