Attendere prego

Home Page > Dipendenze > Adult baby, nuova frontiera della sessualità
adult baby

C’è una nuova frontiera della sessualità: gli adult baby.

Di che si tratta? In pratica sono uomini adulti che provano piacere nel comportarsi da bambini e farsi coccolare dalle maestre (donne).

Nei giorni scorsi il programma Le Iene ha dedicato due servizi a questo tema, concentrandosi su una piccola realtà romana.

Ora apprendiamo che anche a Verona a breve sarà aperto un asilo per adult baby. E, benché l’indirizzo sia ancora segreto, la struttura ha già registrato il tutto esaurito.

Dai video de Le Iene abbiamo potuto constatare che questi uomini adulti si ritrovano per mezza giornata in un centro, vestiti con pigiamini, calzini antiscivolo e ciuccio in bocca, intenti a giocare, disegnare, colorare e guardare cartoni animati, proprio come si fa in una scuola dell’infanzia o in un asilo nido.

Ciascuno sceglie l’età in cui si sente meglio e si fa accudire dalle maestre, che sono donne adulte consenzienti a prestarsi a questa sorta di gioco di ruolo (ovviamente condividono la stessa passione). Gli adult baby si fanno coccolare, si fanno imboccare e amano ascoltare le fiabe. Ma non finisce qui. Indossano i pannolini, che usano proprio come farebbe un bambino e si fanno cambiare e pulire dalle maestre, con tanto di borotalco e salviettine profumate.

Molti continuano a portare il pannolone anche nella vita normale…

Insomma, nonostante nel servizio de Le Iene e dall’asilo di Verona facciano sapere che non vogliono sentir parlare di perversione né di sesso, siamo evidentemente di fronte ad una forma di parafilia, ovvero di sessualità deviata (come l’ecosessualità). In effetti, solitamente in queste strutture non si fa sesso, perché il piacere è a livello emotivo e mentale. 

Gli adult baby – alcuni dei quali sono sposati e con figli, conducendo dunque una doppia vita -sostengono che ricorrono a tali “giochi” per liberarsi dallo stress quotidiano e tornare alla spensieratezza dell’infanzia.

I nostri Lettori sono stupiti? Ma d’altra, parte, secondo i dettami dell’ideologia gender, ciascuno può essere come si sente, come un cane oppure un bebè.

Redazione

Fonte: La Voce di Venezia; la foto in alto è ripresa da The Gateway

Sostieni Pro Vita


AGISCI ANCHE TU! FIRMA LE NOSTRE PETIZIONI

NO all’eutanasia! NO alle DAT!

#chiudeteUNAR


Sostieni Pro Vita

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

5 Commenti, RSS

  • Mario ProVita

    dice su:
    06/03/2017 alle 11:44

    Chiedo a questi cosiddetti “baby” adulti: potete anche “modificare” la vostra altezza? Certamente un bambino/a non hanno normalmente l’altezza di un adulto… che cosa sarebbe un neonato/a per voi, allora?

    Secondo da quanto descritto, anche un adulto con i vestiti da adulto “può essere visto” come un “neonato”, visto che non avete prove logiche e consistenti dalla vostra parte.

    Sicuramente questi “baby” adulti non sarebbero capaci di comunicare il motivo ragionevole per cui dovrebbero “provare piacere” verso questo genere di attività: se non spieghi i gusti con la VERA ragione, vi ritroverete confusi e disorientati verso questo genere di attività tanto ricercato (se insistete a farvi piacere quest’attività, vi ritroverete confusi e disorientati anche al di fuori di quest’attività… e questo discorso vale per OGNI attività che va contro la natura umana)

    Se per voi la libertà significa ridicolizzarsi o farsi del male, allora penso che il suo significato vada riscritto al più presto.

  • Mario Rossi

    dice su:
    06/03/2017 alle 21:31

    Non vedo che problema c’è, se per loro questo gioco li libera dallo stress ben venga!
    Mi sembra che non fanno del male a nessuno :)

    • Mario Bianchi

      dice su:
      07/03/2017 alle 19:55

      E che problema ci deve essere? È sufficiente chiedergli di avere il coraggio di dirlo alla propria famiglia o conoscenti per avere conferma di che razza di “adult” si tratta.

    • mariagrazia mariagrazia

      dice su:
      08/03/2017 alle 00:10

      Beh diciamo che sui cartoni,sul ciuccio e sui colori ci posso anche passare…ma mettere il pannolone e farselo pure cambiare io qualcosa di non normale ce lo vedo..

  • Andrea Canale

    dice su:
    07/03/2017 alle 10:20

    Anoressici e bulimici li accompagnano a curarsi o li assecondiamo ?
    Chi si percepisce marziano lo accompagniamo prendendocene cura o lo assecondiamo lasciandolo solo ?
    Ho la fantasia che la nostra società che erge la percezione di sè a criterio di verità lasci spazio a imprenditori senza scrupoli che facendo leva sulla solitudine mettono in atto iniziative economiche volte ad approfittare del disagio altrui.

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati