Attendere prego

Home Page > Gender > Gay pride all’asilo nido: c’è chi dice che va bene così
asilo-nido_gender_gay

I bambini di un asilo nido di Casalecchio, vicino Bologna, hanno festeggiato con una delle maestre il gay pride: si sono dipinti la faccia dei colori dell’arcobaleno, hanno letto fiabe gay friendly (di quelle che è “normale” avere due mamme o due papà) e hanno disegnato cartelloni a tema.

Il consigliere comunale Andrea Tonelli, della “Lista civica Casalecchio di Reno”, ha protestato e il deputato di Forza Italia Galeazzo Bignami ne ha fatto un’interrogazione parlamentare ai ministri dell’istruzione e della famiglia.

La cooperativa Dolce, «che gestisce il centro estivo 0-6 anni, assicura di non voler comminare alcun provvedimento disciplinare, ma martedì prossimo convocherà le educatrici per un chiarimento. E in queste ore cooperativa e amministrazione comunale, stanno valutando se organizzare un incontro aperto rivolto ai genitori», scrive la Repubblicatra i tanti che riportano la notizia.

Sempre la Repubblica riporta il commento della referente regionale delle famiglie Arcobaleno, Elisa Dal Molin: «Non è mai troppo presto per abituare i bambini alla diversità: si tratta soltanto di spiegare loro che esistono tanti tipi di famiglie e che due persone che si amano possono voler avere un bambino, niente di più. Credo che le educatrici abbiano fatto bene a cogliere la palla al balzo e voler introdurre con la scusa del Pride la tematica delle tante famiglie».

Ciò vuol dire che bisogna insegnare ai bambini fin da piccoli che possono “nascere” da due mamme o da due papà? E quindi al più presto bisogna spiegare loro che l’utero in affitto e la fecondazione artificiale sono “normali”? Sempre il prima possibile, poi, bisognerà spiegar loro che un rapporto sessuale vaginale uomo – donna è equivalente a un rapporto anale o orale? Anche da questi nascono i bambini?

Per un momento lasciamo perdere la questione morale (che non è affatto secondaria e comporta conseguenze importanti sull’affettività, sull’equilibrio e sulla felicità delle persone). Ma alla radice di questi “insegnamenti” c’è un male oggettivo e indiscutibile: un completo scollamento dalla realtà delle cose, in altri termini, la menzogna.

È quindi giusto, secondo la signora Dal Molin e quella minoranza rumorosa di gay e lesbiche accecati dall’ideologia omosessualista, educare i bambini alla menzogna?

Redazione

Sostieni Pro Vita

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

Un Commento, RSS

  • Gloria Oliveti

    dice su:
    14/07/2018 alle 22:26

    Siamo ormai arrivati, cosa vogliamo inventarci di più per contrastare la verità delle cose, la scienza e per non dire i valori cristiani. Ma volendo divertirsi ad essere atei contrastando le verità cristiane, ci allontaniamo dalle verità della scienza. Un essere umano è concepito da un uomo e da una donna, che danno tutto ciò che è nel patrimonio genetico di entrambi, che contribuiranno a dare al figlio ciò che è patrimonio del padre, ciò che è patrimonio della madre, armonizzando insieme quello che diviene educazione, formazione e soprattutto amore…. Ma di che vogliamo parlare di violentare e disumanizzare un figlio…. Dio mio…Il male che ormai è presente negli uomini, nella società di oggi ha preso piede per annullare l’umanità in questa terra…. Cerchiamo di essere realisti…. Smettiamola di giocare con la VITA……

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati