Attendere prego

Home Page > Notizie dall’Italia > Il Corriere ci insegna un po’ di gender
corriere_gender

Il 2 luglio appare sul Corriere online un curioso articolo: “Cosa ci rende un uomo o una donna? La sfida trans gender alla nostra identità”, scritto da Elena Tebano.

Esordisce informandoci che “Mai come negli ultimi mesi le persone transgender sono diventate visibili. E popolari: Caitlyn Jenner (fu Bruce), 65 anni, ha battuto ogni record su Twitter, guadagnando un milione di follower in sole quattro ore e sottraendo il primato della crescita più veloce di sempre al presidente Usa Barack Obama”.

Sarebbe il segno di un nuovo fenomeno che sta emergendo nella vita sociale: “l’emergere di una identità a lungo marginale dagli angoli della devianza sociale a cui era stata relegata”. Pare che sia il caso anche in Italia: “abbiamo scoperto la determinazione di giovani ragazzi e ragazze transgender decisi a far valere la loro identità più profonda, mettendo in questione assunti che (quasi) tutti diamo per scontati, a cominciare dal linguaggio“.

Il transgender, che, come ci informa sempre il Corriere, è una persona la cui identità di genere è discordante rispetto al proprio sesso biologico, ci spingerebbe a chiederci cosa vuol dire essere un uomo o una donna.

Il Corriere risponde alla domanda rimandando a una specie di glossario “Da cisgender a genderqueer: il glossario delle identità di genere” in cui definisce termini come “sesso”, “genere”, “identità di genere”, “genderqueer”. Ma essere “uomo” o “donna” dipende dal sesso biologico, come noi (sicuramente retrogradi, oscurantisti, omofobi e transfobici) tendiamo a pensare?

BludentalNon proprio. La domanda “chi sei?” a cui può (dico “può” perché ci sarebbero altre alternative) corrispondere la risposta “sono uomo” o “sono donna” non viene risolta guardando al sesso biologico ma alla identità di genere. Infatti il glossario definisce l’identità di genere come: “Senso soggettivo di appartenenza alle categorie di maschile o di femminile. Esempi : «Sono una donna», «sono un uomo», transgender (oppure «sono femmina», «sono maschio» in senso di genere)”. Identità che può non coincidere con il sesso di nascita.

Altra interessante definizione è quella di “Gender queer”: “un’identità di genere che non si riconosce nell’opposizione binaria maschio/femmina, ma ritiene che l’identità di genere sia l’espressione di uno spettro infinito di possibilità. I genderqueer possono talvolta definirsi anche come «terzo genere» o come «genere neutrale». Tra le varie espressioni genderqueer ci sono le persone genderfluid, che hanno un’identità sessuale fluida: sente di poter passare dal genere femminile che a quello maschile e di appartenere a entrambi. Un’identità di genere che non si riconosce nell’opposizione binaria maschio/femmina, ma ritiene che l’identità di genere sia l’espressione di uno spettro infinito di possibilità”.

Nessun problema naturalmente. Tutto normale.

Scusi Mr. Corriere, non starai per caso promuovendo “l’inesistente” teoria gender?

Redazione

Sostieni Pro Vita

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

2 Commenti, RSS

  • Stalker Stalker

    dice su:
    05/07/2015 alle 22:56

    Ma perchè state a preoccuparvi tanto per “QUESTO” articolo? A me sembra – soprattutto dai commenti che i lettori hanno lasciato nella pagina stessa del sito del Corriere – che sia addirittura a favore “nostro”, tanta è la confusione e l’indignazione suscitate nei comuni mortali dalla presunta VALIDITA’ della teoria gender…
    Cioè, l’articolaia… non è riuscita (se fosse questa la sua intenzione…) a “sensibilizzare” verso questa “nuova posizione psicotica” rappresentata dall’invenzione GENDER!
    Al contrario! Ha fatto CAPIRE ANCORA MEGLIO che il grosso problema del nostro tempo, non è quello di introdurre una nuova “categoria umana”… ma è la mancanza di CONSAPEVOLEZZA DI IDENTITA’ che genera L’INCAPACITA’ DI ACCETTARE IL PROPRIO RUOLO!
    Quindi, invito chi sicuramente è più capace di me, ad approfittare di “QUESTA” opportunità offerta su un piatto d’argento… per rispondere A TONO ed EFFICACEMENTE a questo
    VERO PROBLEMA!
    Buonanotte

  • Stalker Stalker

    dice su:
    05/07/2015 alle 23:03

    “INSINUARE DUBBI SULLA REALTA’, CONSENTE AL POTERE DI DOMINARE MEGLIO… L’INCERTEZZA DELLA PROPRIA IDENTITA’, VA ANCORA PIU’ A FONDO IN QUESTA DIREZIONE”

La tua email non sarà pubblicata. I campi richiesti sono contrassegnati da *

 Caratteri disponibili

Articoli Correlati